Archive | Cronaca

PORTO EMPEDOCLE – Brucia nella notte l’auto di un pensionato

Un incendio, ieri notte, ha distrutto l’automobile di un uomo di Porto Empedocle. La vettura, una Volkswagen Bora, apparteneva a un pensionato di 70 anni, originario del luogo, ed è rimasta letteralmente carbonizzata nonostante l’intervento dei vigili del fuoco di Agrigento intervenuti sul posto per spegnere le fiamme. Sul luogo del rogo anche gli agenti del Commissariato Frontiera che hanno avviato le indagini per cercare di individuare le cause dell’incendio. Sul posto non sono state rinvenute tracce di liquido infiammabile ma tutte le ipotesi restano aperte.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

PALMA DI MONTECHIARO – Morta 70enne investita da furgone, indagato il conducente del mezzo

 

Era stata investita da un furgone la scorsa settimana in via Roma, a Palma di Montechiaro. Era stata ricoverata all’ospedale “Sant’Elia” di Caltanissetta, ma l’altro ieri è deceduta. Si tratta,  di una pensionata settantenne.

La Procura ha disposto, per lunedì, l’autopsia. Il conducente del furgone, che si è prodigato per prestare immediatamente i primi soccorsi, è stato iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di omicidio stradale.  

 

Postato in AGRIGENTO, CALTANISSETTA, Cronaca0 Comments

RIBERA – Inchiesta antidroga “Las Vegas” , 15 arresti

Il giudice monocratico del Tribunale di Sciacca, Antonino Cucinella, ha assolto, “perché il fatto non sussiste”, 15 imputati di Ribera nell’ambito dell’inchiesta antidroga cosiddetta “Las Vegas” risalente agli anni 2009 e 2010. Sono stati assolti Salvatore Giuseppe Failla, 26 anni, Sina Angela Faragone, 26 anni, Franco Italiano, 40 anni, Gisella Miceli, 36, Maria Sedita, 43, Giuseppe Sarullo, 23, i fratelli Michelangelo e Natale Catalano, di 32 e 46 anni, Rosario Triolo, 39, Sergio Beniamino, 41, Luigi Sarullo, 42, Angelo Di Caro, 26, Stefano Morello, 35, Vincenza Tavormina, 28, e Saverio Franzese, 33 anni.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

DELIA – Rissa con accoltellamento: in gravissime condizioni un rumeno di 46 anni

Una coltellata all’addome sferrata da un connazionale ha provocato ferite gravissime ad un romeno di 46 anni che ieri pomeriggio è stato sottoposto ad un intervento d’urgenza presso l’ospedale barone Lombardo di Canicattì.

L’aggressione è avvenuta a Delia.  L’uomo avrebbe avuto un alterco con un connazionale che al culmine della lite gli avrebbe sferrato due coltellate all’addome che hanno reciso punti critici.

All’arrivo al pronto soccorso dell’ospedale Barone Lombardo di Canicattì, le  sue condizioni sono apparse subito gravi. L’uomo attualmente è ricoverato in prognosi riservata.

L’autore del tentato omicidio , un connazionale di 67 anni, è già stato individuato dai carabinieri della locale stazione.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca0 Comments

CANICATTI’ – Omicidio Vinci: convalidato l’arresto di Daniele Lodato

Il Gip del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha convalidato l’arresto di Daniele Lodato, 34 anni, accusato di avere ucciso Marco Vinci, 22 anni, sabato sera al culmine di un litigio avvenuto perché la vittima aveva preso le difese di una insegnante presa di mira dall’arrestato.
Il presunto assassino sottoposto ad interrogatorio di garanzia  ha  sostenuto di avere agito per difendersi e per questa ragione portava con se un coltello.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

RACALMUTO – Servizi sociali, approvato il progetto Pon inclusione attiva

E’ stato approvato il progetto Pon Inclusione attiva per il Distretto Socio-Sanitario D3, lo afferma l’Assessore alle Politiche sociali di Racalmuto dott.ssa Carmela Matteliano. La notizia è stata ufficializzata giorno 22 giugno ad Agrigento, al Palazzo Filippini, dove si è svolto un incontro con il Direttore regionale dell’Inps, Dott.re Finamore e con il Dirigente generale del dipartimento regionale della Famiglia e delle Politiche sociali, Mario Cardone. I progetti Pon approvati sono otto nella prov. di Agrigento; quattro nella prov. di Caltanissetta e quattro nella prov di Enna. Pertanto, per il triennio 2017-2019 l’intero Distretto socio-sanitario D3, composto dai comuni di Canicatti, Campobello di Licata, Racalmuto, Grotte, Ravanusa, Naro, Camastra e Castrofilippo riceverà il finanziamento di 638,000,000 €. Tale finanziamento servirà per un intervento di attivazione sociale e lavorativa, per chi è già beneficiario della Carta Sia, ad un progetto personalizzato di presa in carico predisposto insieme ai servizi sociali del Comune di residenza, in rete con i servizi per l’impiego, i servizi sanitari e le scuole, nonché con soggetti privati attivi nell’ambito degli interventi di contrasto alla povertà, con particolare riguardo agli enti no profit. “Dal 2 settembre 2016, data di avvio del progetto, allo sportello “SIA”, del Comune di Racalmuto – dichiara l’assessore Carmela Matteliano- sono pervenute in totale 107 istanze. Di cui 20 accettate. Se prima per accedere al SIA infatti, era necessario raggiungere 45 punti, oggi, ne basteranno 25. Ciò significa che buona parte delle famiglie con un Isee fino a 3 mila euro in cui sia presente almeno un figlio minorenne o disabile o ci sia un figlio in arrivo, che si sono visti respingere l’istanza presentata per il SIA entro il 29 aprile 2017, potranno ora accedere al beneficio”.

 

Postato in Cronaca, Economia, In evidenza, RACALMUTO0 Comments

COMISO – Agguato dei giorni scorsi, altri 2 arresti

Due persone, padre e figlio, sono state arrestate dalla Polizia di Stato per un tentativo di omicidio avvenuto a Comiso (Ragusa) 10 giorni fa.
    Per lo stesso agguato sono stati già fermati altri due fratelli, componenti della stessa famiglia che erano stati fermati dalla squadra mobile della Questura di Ragusa poco dopo la sparatoria.
    I quattro, padre e tre figli, tutti pastori, volevano uccidere la vittima che si era rivolta a loro perché pensava avessero tentato un furto nella sua azienda. Il titolare del fondo agricolo si era salvato per puro caso: le molle del sedile della sua automobile avevano deviato e bloccato un proiettile a pochi centimetri dalle spalle dell’obiettivo.
    La Polizia di Stato – Squadra Mobile e Commissariato di Comiso – ha eseguito la misura della custodia cautelare in carcere a carico di Calabrese Gaetano e del figlio Angelo, emessa dal gip di Ragusa su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Postato in Cronaca, In evidenza, RAGUSA0 Comments

AGRIGENTO – L’avvocato Rubino confermato a capo della SIAA in Sicilia

L’Avvocato Girolamo Rubino, Amministrativista del Foro di Palermo, è stato confermato delegato regionale per la Sicilia della Società Italiana Avvocati Amministrativisti per il biennio 2017/2018.Nel biennio precedente l’Avvocato Girolamo Rubino ha organizzato importanti convegni di studi sia a Palermo, sulla responsabilità della Pubblica Amministrazione e sul contributo unificato, sia a Catania, sulla disciplina degli Appalti Pubblici e sulla giurisprudenza comunitaria in materia di contributo unificato. Il primo appuntamento per l’Avvocato Rubino è adesso la partecipazione alla visita ispettiva disposta dal Consiglio di Presidenza della Giustizia Amministrativa presso il Consiglio di Giustizia Amministrativa; in tale sede l’Avvocato Rubino si farà portavoce delle istanze degli avvocati amministrativisti al fine di ottimizzare il funzionamento della giustizia amministrativa.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Droga e pistola illegale dentro casa, arrestati 2 giovani

Il personale della Squadra Mobile di Agrigento ha arrestato due agrigentini, Dhanny Lucia, 27 anni e Gabriele Lucia, di  19 anni, in quanto colti nella flagranza del reato di detenzione illegale di arma e detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Nel corso di una perquisizione effettuata presso l’abitazione dei due soggetti gli agenti rinvenivano un pistola cal. 7,65 illegalmente detenuta e, nella disponibilità di di uno dei due arrestati anche n. 10 stecchette, verosimilmente, di sostanza stupefacente del tipo “hashish”, del peso complessivo di gr. 6,7.

Dopo le formalità di rito, i due soggetti venivano sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – “Ha sequestrato in casa l’anziana madre”, arrestato 56 enne

Sequestro di persona. E’ per questa ipotesi di reato che la Squadra Mobile della Questura di Agrigento ha arrestato un agrigentino di 56 anni. L’uomo,  avrebbe rinchiuso in casa la propria madre ed avrebbe infilato una serie di chiodi nella serratura per evitare che l’anziana riuscisse ad aprire.

La donna ha chiesto aiuto, urlando, dal balcone. I poliziotti delle Volanti prima e la Squadra Mobile dopo sono accorsi e sono riusciti a rintracciare il figlio: il cinquantaseienne che è stato arrestato e portato al carcere Petrusa di Agrigento.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

giugno: 2017
L M M G V S D
« Mag    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98