Archive | Cronaca

PALERMO – Spese illegittime Ars, condanna confermata per Rudy Maira

I giudici d’appello della Corte dei Conti di Palermo con sentenza 1/2017 hanno condannato Rudy Maira, ex capogruppo dell’Udc e del Pid, a risarcire la Regione con 407 mila euro per l’utilizzo non a fini politici dei fondi per i gruppi parlamentari all’Ars. L’indagine, che ha anche portato a un procedimento penale, ancora in corso, è stata condotta dai finanzieri del Nucleo di polizia Tributaria di Palermo.

I giudici contabili hanno respinto il ricorso e confermato la sentenza di primo grado. Lungo l’elenco delle spese contestate al capogruppo. Come il noleggio per oltre 100 mila euro per tre Audi A6 utilizzate dallo stesso Maira e dal deputato Fausto Maria Fagone. I leasing delle vetture erano illegittimi dal momento che i due deputati, residenti fuori dalla provincia di Palermo, percepivano già i rimborsi per raggiungere il capoluogo siciliano. Rudy Maira dovrà restituire anche l’equivalente del conto al bar e alla bouvette all’Ars dell’Udc e del Pid: circa 16 mila euro.

Così come le spese telefoniche del gruppo non dovute visto che i deputati ricevono per le telefonate un rimborso di 4.150 euro l’anno. Tra le spese contestate anche i 200 mila euro dati ai deputati Salvatore Cascio, Totò Cordaro, Antonino Dina, Marco Lucio Forzese, Giuseppe Gianni, Giuseppe Lo Giudice, Orazio Ragusa, Anna Maria Caroni, Santo Catalano. Chiudono la lista delle spese ritenute illegittime i soldi versati per far celebrare cinque messe di suffragio per il padre del presidente dell’Ars Francesco Cascio nella parrocchia di Sant’Eugenio Papa. 

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO, Politica0 Comments

Il pasticcio del voto per le ex Province

Nonostante l’Ars abbia incardinato il disegno di legge di rinvio, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione il decreto presidenziale che indice per l’ennesima volta i comizi elettorali per l’elezione dei presidenti e dei consigli dei Liberi Consorzi comunali di Agrigento, Caltanissetta, Enna, Ragusa, Siracusa e Trapani.

Le operazioni di voto sono state fissate per domenica 26 febbraio 2017 dalle 8 alle 22, ma un disegno di legge approvato in commissione Affari istituzionali e ora all’esame dell’Assemblea regionale rinvia tutto al 30 luglio.

Postato in Cronaca, In evidenza, Politica0 Comments

SICILIA – Tra domenica e lunedi nubifragi in arrivo. Ma le temperature almeno saliranno

“La circolazione di bassa pressione a carattere freddo sarà sostituita nel fine settimana da una relativamente più mite responsabile di un rialzo delle temperature, ma anche di una nuova ondata di maltempo da ovest”. Nel gioco del classico “abbiamo una notizia buona e una cattiva”, i meteorologi di 3bmeteo.com non lasciano scampo alla Sicilia. 

“Sarà la Sardegna la prima regione coinvolta dalla bassa pressione in risalita dal Nord Africa. Poi, tra domenica e lunedì, il maltempo si accanirà soprattutto tra Sicilia e Calabria, poi in Basilicata con temporali anche intensi. Le precipitazioni risulteranno abbondanti sui versanti ionici mentre la neve cadrà sui rilievi ma sopra i 1500-1700 metri”.

Le temperature se non altro subiranno un rialzo, specie al Centro Sud, e si porteranno così nelle medie tipiche del periodo. “L’ondata di maltempo sarà accompagnata da venti di scirocco e levante che al Sud e sulle isole saranno forti con rischio di mareggiate sui tratti esposti”, concludono da 3bmeteo.com.

Postato in Cronaca, Dall'Italia, Eventi, MESSINA0 Comments

CAMMARATA – “In affari con le cosche calabresi”, fermati 4 agrigentini

Facevano affari con le “Ndrine” calabresi dei Piromalli e Bagalà che monopolizzavano il settore degli appalti pubblici ed attraverso ditte compiacenti riuscivano ad aggiudicarsi lavori importanti e di una certa rilevanza economica.

Ci sono anche 4 agrigentini tra i 35 “fermati” dal comando della Guardia di finanza di Reggio Calabria, nell’ambito dell’operazione «Cumbertazione» e «Cinque lustri», coordinate dalle Procure antimafia di Reggio e Catanzaro.

Gli agrigentini destinatari del provvedimento di fermo sono Francesco Migliore, 56 anni, Filippo Migliore, 48 anni, entrambi di Cammarata, ed ancora Alessio La Corte, 33 anni e Vito La Greca, 39 anni.

Due le imprese, tra le 54 sequestrate, a cui sono stati apposti i sigilli con sede nell’Agrigentino: la «Comel Srl», con sede a Cammarata in via Panepinto e la «Interconsolidamenti», pure questa con sede legale a Cammarata in via Bonfiglio. Un’altra impresa sarebbe stata sequestrata in Sicilia, a Vittoria, mentre le altre operavano in Calabria, Lazio, Campania e Toscana.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Dall'Italia, In evidenza0 Comments

AGRIGENTO – Furto al parcheggio della clinica Sant’Anna:denunciato 45enne ravanusano

I poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, coordinati da Giovanni Minardi , hanno denunciato a piede libero T M, sono le iniziali del nome, 45 anni, di Ravanusa, per furto aggravato e ricettazione. L’ uomo è ritenuto responsabile del furto di un borsello, custodito all’interno di un’automobile in sosta all’interno di un parcheggio nei pressi della clinica Sant’Anna ad Agrigento. Il ravanusano è stato incastrato dalle immagini della video sorveglianza, e la Polizia, perquisendogli l’abitazione a Ravanusa, ha recuperato il contenuto del borsello, tra effetti personali, un orologio, e un elettrocardiografo del valore di oltre 1.300 euro.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

CANICATTI’ – Possesso ai fini di spaccio di cocaina: arrestata 45enne

I Carabinieri di Canicattì in questi giorni hanno intensificato i controlli in città e ieri pomeriggio hanno arrestato la 45enne D.S. che, a seguito di perquisizione, è stata trovata in possesso di 14 involucri termosaldati, contenenti complessivamente circa 6 grammi di cocaina, già confezionati. Per lei sono scattati gli arresti domiciliari, in attesa della “direttissima”, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

MAFIA – “Nuova Cupola”, rigettata richiesta scarcerazione Ribisi

La Corte d’Appello di Palermo ha rigettato la richiesta di scarcerazione avanzata dai difensori, gli avvocati Daniela Posante e Valerio Vianello Accorretti, per Francesco Ribisi, 34 anni, di Palma di Montechiaro, detenuto al 41 bis, e già condannato, nell’ ambito dell’ inchiesta antimafia nell’agrigentino cosiddetta “Nuova Cupola”. Secondo la difesa di Ribisi, i termini di custodia cautelare, che intercorrono tra sentenza di primo grado e appello, sarebbero scaduti da quasi 3 mesi. I giudici invece sostengono che non scadranno prima del 14 febbraio del 2019.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

CRONACHE LICATESI – Due denunciati

I Carabinieri della Compagnia di Licata hanno denunciato a piede libero alla Procura R N, sono le iniziali del nome, 28 anni, originario di Castrofilippo, presunto responsabile della cosiddetta “truffa dello specchietto”.  In via Palma, alla guida della propria automobile, un’ Alfa Romeo 147, ha tentato di abbindolare e ottenere un risarcimento da un altro automobilista sostenendo con artifizi di avergli danneggiato lo specchietto dell’ auto.

E sempre a Licata, in via Principe di Napoli sono intervenuti i Carabinieri e hanno denunciato un marinaio perché ha litigato, per futili motivi, con un bracciante agricolo marocchino, e lo ha minacciato puntandogli contro una pistola, che si è rivelata poi giocattolo, senza tappo rosso e con munizioni a salve.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

FAVARA – “Omicidio Gambacorta”, Calogero Arnone sconta la condanna

Il 29 giugno 2011, a conclusione del giudizio abbreviato, il giudice per le udienze preliminari del tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, ha condannato a 16 anni di reclusione il commerciante Calogero Arnone, 52 anni, di Favara, imputato di concorso nell’omicidio di Francesco Gambacorta, commerciante, di Camastra, ucciso il 26 gennaio 2006 tra Agrigento e Favara, in contrada San Benedetto. Per lo stesso delitto, dal movente passionale, e’ gia’ stata condannata a 15 anni di reclusione, con sentenza definitiva, Giuseppina Attardo, 50 anni, di Favara. La sentenza a carico di Calogero Arnone è stata confermata il 12 settembre 2015 in Appello, e adesso anche dalla Cassazione. Pertanto, i Carabinieri della Tenenza di Favara lo hanno arrestato e tradotto in carcere.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

RAVANUSA – Violento incendio in un bar di corso Repubblica

A Ravanusa ha subito un violento incendio il Sensi Bar, in Corso Repubblica, nel centro cittadino. Sul posto hanno lavorato i Vigili del fuoco del distaccamento di Canicattì e del comando provinciale di Agrigento. L’edificio è stato sottoposto a verifiche di stabilità. E’ annerito il prospetto esterno della palazzina. Non si esclude la causa accidentale delle fiamme. Indagini in corso.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

gennaio: 2017
L M M G V S D
« Dic    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98