Archive | luglio 11th, 2017

TV – Oggi su Studio 98 “Speciale” sugli eventi di domenica della Festa del Monte 2017

Oggi, martedi 11 luglio 2017, su Studio 98 potete seguire un nuovo speciale, il terzo, inerente gli eventi di domenica sui festeggiamenti in onore della Madonna del Monte di Racalmuto. Appuntamento alle ore 17.40 e 20.30 su Studio 98 canale 95 del digitale terrestre. BUONA VISIONE

Postato in Cultura, Eventi, In evidenza, RACALMUTO0 Comments

ROMA – Arrestato in aeroporto presunto trafficante di beni archeologici siciliani

I carabinieri di Caltanissetta in collaborazione con la polizia tedesca e i colleghi del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Palermo hanno arrestato all’aeroporto di Fiumicino il niscemese Giuseppe Gagliano di 49 anni. L’uomo era coinvolto in un’operazione ad ampio raggio contro il traffico internazionale di beni archeologici siciliani ed era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Termini Imerese (Pa), che è residente a Monaco di Baviera. L’uomo è indagato per associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione di beni archeologici nell’ambito dell’operazione “Himera”. 

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, Dall'Italia0 Comments

CAMPOBELLO DI MAZARA – Niente funerali pubblici per Giuseppe Marcianò

Niente funerali pubblici per Giuseppe Marcianò, il 47enne ucciso con modalità mafiose giovedì scorso in contrada Bosco vecchio, nella frazione campobellese di Tre Fontane.

Il decreto di inibizione è stato firmato dal questore di Trapani Maurizio Agricola per motivi di ordine pubblico legati sia alle modalità di esecuzione dell’uomo sia alle sue parentele. Il rito funebre si è pertanto svolto molto presto ieri, alla presenza dei parenti più stretti di Marcianò che hanno presenziato all’omelia nella chiesetta del cimitero di Mazara del Vallo dove la salma è stata poi tumulata e nel cui obitorio due giorni fa è stata eseguita l’autopsia.

La mattina nella quale l’uomo è stato assassinato militari della Guardia di Finanza gli avevano notificato una informazione di garanzia nell’ambito di una indagine sull’immigrazione clandestina e il contrabbando di sigarette. La Fiat Punto trovata bruciata a circa 200 metri dal luogo dell’agguato mortale e che sarebbe stata utilizzata dai sicari per raggiungere il posto era stata rubata nel corso di una rapina effettuata lo scorso mese di aprile a Campobello di Mazara. I carabinieri, coordinati dalla Procura di Marsala, proseguono le indagini per giungere alla individuazione dei sicari e del movente che li ha indotti ad agire.

Postato in Cronaca, TRAPANI0 Comments

LICATA – Scoperto un presunto giro di prostituzione, annunci anche su internet: 22 indagati

Sfruttamento della prostituzioni e Licata. Secondo quanto riferisce l’edizione odierna de La Sicilia, sono state indagate ventidue persone tra italiani e cinesi. Le indagini sono iniziate nell’ottobre del 2013, i carabinieri della compagnia di Licata hanno indagato su un presunto giro di prostituzione.  A coordinare le indagini è stato il pm Andrea Maggioni.

Secondo l’accusa, l’attività delle ragazze veniva anche promossa su internet con degli appositi annunci. Ai carabinieri decine di segnalazioni, alcuni indagati sono accusati anche di associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione. Gli indagati sono in tutto dieci ragazze orientali e dodici uomini italiani. Uno di loro è licatese ma vive al nord.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

LICATA – Triglia annuncia la sfiducia al Sindaco dopo la polemica sull’assessore Scozzari

Non è possibile nominare in giunta il fratello di un consigliere comunale, a meno che il consigliere si dimetta e rimuova così la causa di incompatibilità. Per tale ragione, al Comune di Licata, a 7 giorni dalla nomina ad opera del sindaco, Angelo Cambiano, si è dimesso l’assessore Luca Scozzari, fratello del consigliere comunale della lista “Licata Futura”, Giuseppe Scozzari. Nel comma 2 dell’articolo 4 della legge regionale 6 del 2011 che regolamenta gli Enti locali in Sicilia, si legge che un componente della giunta non deve avere rapporti di parentela, affinità e coniugio con il sindaco o con i consiglieri comunali.

Intanto, la consigliera comunale, Anna Triglia, sua assessore della prima d’ora, ha annunciato di essere la prima firmataria della mozione di sfiducia del Sindaco Cambiano. Il Sindaco ha deciso di non rispondere alle accuse e va avanti per la sua strada.

Postato in AGRIGENTO, In evidenza, Politica0 Comments

REGIONE – Elezioni, Nello Musumeci:”Pronto a candidarmi sono io il centrodestra” [VIDEO]

Giancarlo Cancelleri è ufficialmente il candidato alla Presidenza della Regione per il Movimento 5 Stelle essendo stato il più votato alle Regionarie. Nel centro destra sembra pronto l’ex Presidente della Provincia di Catania , Nello Musumeci, come dichiarato in un’intervista rilasciata all’emittente Antenan del Mediterraneo.

 

Postato in In evidenza, Politica, Video0 Comments

SICILIA – Incendi, situazione sotto controllo ad Enna, riaperta A 19

Si e’ protratto per tutta la notte l’incendio che ieri ha devastato oltre 10 chilometri di territorio tra il viadotto Ferrarelle, da dove si e’ sviluppato, sulla A 19, fino a risalire le pendici di Enna e Calascibetta.
    Gia’ dalle prime ore dell’alba e’ entrato in azione il canadair dei vigili del fuoco che sta spegnendo alcuni focolai. La situazione, pero’, secondo la sala operativa della Forestale che insieme ai vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte, sembrerebbe sotto controllo.
    Stanotte intorno alle tre e’ stata riaperta l’autostrada nel tratto tra lo svincolo di Caltanissetta ed Enna. E’ invece interrotta a causa dei danni provocati dall’incendio la linea ferroviaria Catania-Palermo; tra Enna e Caltanissetta è stato attivato un servizio sostitutivo di pullman.

 

 

Postato in Cronaca, ENNA, In evidenza0 Comments

RIBERA – A fare shopping con l’ambulanza: 34 assenteisti denunciati all’ospedale [VIDEO]

C’era chi durante l’orario d’ufficio andava a fare shopping e chi dal parrucchiere. C’erano medici fiscali pronti a compilare i referti della visita senza aver mai visto il paziente e personale del 118 che con l’ambulanza andava a comprare frutta e verdura. Trentaquattro tra medici, infermieri e personale sanitario dell’ospedale Fratelli Parlapiano di Ribera, nell’Agrigentino, sono stati denunciati per assenteismo.

A partire dalle prime ore di questa mattina i militari della Guardia di finanza di Sciacca hanno eseguito sette ordinanze applicative della misura cautelare personale dell’obbligo di firma e notificato ventisette provvedimenti di conclusione delle indagini per ipotesi di reato legate all’assenteismo.

I reati contestati sono la truffa ai danni di un ente pubblico e, in alcuni casi, il peculato, l’interruzione di pubblico servizio nonché reati di false certificazioni. Tra i numerosi soggetti sottoposti ad attività investigativa, quattro rivestono anche il ruolo di consigliere comunale presso vari comuni dell’Agrigentino.

C’era una dipendente sanitaria periodicamente intenta a fare spese durante l’orario di ufficio e un’altra che si recava abitualmente dal parrucchiere. “Gli illeciti connotati da maggiore disvalore hanno però riguardo il personale impiegato in servizi esterni, appartenente a quasi tutte le categorie ospedaliere” spiegano dal Comando provinciale della Guardia di finanza di Agrigento

Gli investigatori hanno accertato che alcuni dei medici responsabili delle visite fiscali si limitavano a compilare il referto della visita richiesta dai datori di lavoro senza procedere all’effettuazione della visita e, talvolta, senza neppure avere alcun contatto con il paziente. “In tal modo, il medico fiscale, oltre a vanificare la funzione stessa della visita fiscale – dicono dalla Guardia di finanza -, maturava indebitamente il diritto alle indennità previste per le visite mediche domiciliari”. Un comportamento che ha integrato le ipotesi di truffa aggravata, peculato e falso ideologico.

In tal modo medici e infermieri hanno percepito indebitamente indennità accessorie allo stipendio per prestazioni domiciliari effettuate in giorni di assenza dal lavoro. Altra grave forma di assenteismo è quella rilevata nei confronti dei personale del nosocomio addetto al servizio di 118.

Nei confronti di alcuni operatori addetti a tale servizio l’attività d’indagine ha consentito di rilevare come interi equipaggi in servizio di pronta reperibilità si allontanassero periodicamente con mezzi propri e addirittura con l’autoambulanza in loro dotazione, per sbrigare faccende personali come l’acquisto di frutta e verdura.

Per sette degli indagati, inoltre, il gip di Sciacca ha emesso, su richiesta della locale Procura, altrettante ordinanze di custodia cautelare di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Le indagini, protrattesi per alcuni mesi, vedono coinvolti medici, infermieri e ausiliari in servizio nel nosocomio. Al termine di numerosi sopralluoghi, appostamenti e pedinamenti, svolti dalla Compagnia della Guardia di finanza di Sciacca guidata dal capitano Luigi Carluccio è emerso un vero e proprio ‘sistema’ di illeciti.

In particolare, spiegano le Fiamme gialle, l’attività d’indagine, eseguita anche con il ricorso alla strumentazione tecnica, ha evidenziato “una vasta ed eterogenea serie di illeciti come la timbratura cumulativa dei cartellini di presenza per coprire l’abituale allontanamento di dipendenti e dirigenti medici per tornare o rimanere a casa propria o, ancora, dedicarsi ad altri impegni personali o familiari”. 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

RACALMUTO – Festa del Monte 2017, il bilancio del Sindaco Emilio Messana

È stata una Festa del Monte come non si viveva da anni.
Merito del Comitato Festeggiamenti Maria SS del Monte e di Padre Mattina, che curano le manifestazioni custodendone l’intensa matrice religiosa.
Merito dell’Associazione Cero dei Borgesi, che sta dando lustro e organizzazione ai valori e ai riti che accompagnano la tradizionale conquista della bandiera – con il corteo delle bandiere e la vestizione di “Lu Ciliu” ad opera di coloro che negli ultimi dieci anni l’hanno presa, con le donne dei Burgisi in corteo con i loro costumi del Cinquecento- coinvolgendo tanti giovani.
Merito dei Tammurinara Maria SS del Monte di Lorenzo Gagliardo, che danno il battito al cuore della Festa.
Merito della Banda Giuseppe Verdi diretta dal maestro Francesco Carrara.
Merito dei giovani che ogni anno organizzano la recita di “La vinuta di la Madonna di Lu Muniti”. Il prossimo anno saranno trent’anni dalla prima rappresentazione.
Merito della Pro Loco e dei cavalieri racalmutesi, i quali anno dopo anno rendono il corteo a cavallo sempre più imponente, suggestivo e unico nel suo genere.
Merito delle “Prummisioni”, che con la “acchianata” a piedi o a cavallo della scalinata che porta al Santuario della Madonna, con la festa carica di commozione che le precede nella casa del fedele, con il corteo che le accompagna lungo il paese, manifestano il grande mistero della Fede negli “ex voto” per grazia ricevuta.

Sono tre giorni così ricchi di eventi ed intensi da richiedere la mobilitazione, il coinvolgimento e l’impegno di diverse autorità ed associazioni.
L’Asp Veterinaria è stata al nostro fianco con il dott. Cavaleri e il dott. Licata per preparare il corteo dei cavalli e portarlo ad esecuzione nel pieno rispetto degli animali e in condizioni di sicurezza pubblica.
La Protezione Civile Regionale e quella Provinciale ci hanno fornito le transenne per consentire il passaggio del corteo a cavallo, e hanno presidiato la manifestazione della domenica sera con una squadra diretta dall’arch. Marzio Tuttolomondo a dare man forte al servizio della protezione civile comunale, previsto nell’apposito Piano approvato in occasione della Festa. L’associazione dei Volontari di Racalmuto, presente nei luoghi sensibili, pronti ad intervenire per prestare l’assistenza medico sanitaria.
Tre giorni che hanno visto la nostra Polizia Municipale in servizio permanente ed effettivo, di giorno e fino a notte inoltrata, per presidiare i numerosi divieti, le processioni, i fuochi d’artificio, la preparazione e lo svolgimento del corteo a cavallo e delle “Prummisioni”, faticando non poco per garantire la sicurezza all’imbocco della scalinata pressati dalla folla festante.
La Caserma dei Carabinieri, presenza organizzata e discreta per la tutela dell’ordine pubblico, nell’ambito di una manifestazione con migliaia di partecipanti.

L’importanza della nostra Festa è stata riconosciuta anche dall’Assessorato Regionale al Turismo che ci ha concesso un contributo di quattromila euro e ringrazio l’amica Giusy Sintino per averci dato una mano nell’istruttoria della pratica.

Coordinare tutto questo ha richiesto l’impegno di tutti noi, il lavoro dei nostri impiegati, operai e manutentori, e vedendo l’ottima riuscita della Festa, l’imponente partecipazione popolare, la massiccia presenza di visitatori e di emigrati, siamo riconoscenti a tutti coloro che nell’adempiere ai loro doveri o per spirito di volontariato, hanno mostrato amore e rispetto nei confronti del nostro paese e delle sue tradizioni.

La nostra amministrazione, dal suo insediamento, ha voluto caratterizzare la Festa del Monte come perno per il rilancio del’immagine e delle tradizioni popolari del nostro paese e come fondamento per costruire attorno ad essa eventi che valorizzino il nostro patrimonio artistico e culturale. Questa nostra idea, curata e seguita dalla passione dell’Assessore alla Cultura Salvatore Picone, l’abbiamo voluta esprimere nel logo “La Festa sbampa!”, per indicare una serie di eventi e manifestazioni che precedono e seguono e che hanno il punto centrale nei tre giorni della Festa del Monte, che anno dopo anno ci siamo preoccupati di valorizzare, investendo risorse e incoraggiando le energie e le forze culturali locali. Una settimana prima della Festa abbiamo ospitato il Master di Scrittura alla Fondazione Sciascia, inaugurato al Teatro la mostra dell’Estemporanea di Pittura organizzata dall’Arci con la partecipazione di artisti da tutta la provincia, inaugurato all’Auditorium Comunale la mostra Oriental Women promossa dalla Fidapa. La domenica del Monte presentato il romanzo “Accadde all’alba” sul Conte Del Carretto, scritto da Silvano Messina. La settimana successiva, a partire da lunedì, si susseguiranno gli spettacoli organizzati dalle scuole di canto Venus di Anita Palumbo e Arte Canto di Cecilia Capitano, l’Infiorata in onore di Maria SS del Monte organizzata dall’associazione “Un sogno per domani”, II Raduno Regionale dei Tammurinara, organizzato da Lorenzo Gagliardo, la sagra della salsiccia e il concerto di Giovanni Caccamo, domenica prossima. Venti giorni di iniziative per promuovere e valorizzare il nostro paese.

Voglio, personalmente, congratularmi con Don Diego Martorana, per l’omelia durante la Santa Messa della domenica mattina, quando ha esortato la nostra comunità a lavorare per la pace e ad ambire alla concordia. La gioia dei giorni di festa è effimera se non si fonda su un’autentica ed effettiva pace interiore, familiare, sociale alla quale tutti dobbiamo concorrere. Anche quest’anno la messa è stata impreziosita dai canti del Coro “Terzo Millennio” diretto dal maestro Domenico Mannella.

Abbiamo voluto montare due maxi schermi per consentire una visione delle fasi salienti della Festa e decongestionare la calca nei luoghi interessati, e scelto di investire un po’ di più sulle luminarie e sui fuochi d’artificio, garantendo la seconda banda musicale – la “Generoso Risi” della città di Acireale, diretta dal maestro Di Mauro – sempre apprezzata e indispensabile per coprire i numerosi eventi nei tre giorni di festa.
Le luminarie della piazza sono un gran capolavoro, che le centinaia di foto che abbiamo scattato e visto faticano a mostrare.
I fuochi d’artificio, la “maschiata”, li “firrioli”, hanno incollato al cielo gli occhi del popolo racalmutese. Complimenti, rispettivamente, alla ditta Badami e alla ditta Chiarenza.

Auguri, infine, al giovane Salvatore Lauricella che ha preso la bandiera. Quest’anno anche l’amministrazione comunale ha contribuito, insieme all’associazione Cero dei Burgisi e al Comitato, all’assegno in favore del giovane che ha conquistato la bandiera.

Grazie a tutti!

Postato in Cronaca, Eventi, In evidenza, RACALMUTO, Spettacolo0 Comments

AGRIGENTO – Bancarotta Burgio, 70 richieste di parte civile

Una settantina di ex dipendenti delle diverse aziende  dell’imprenditore agrigentino, Giuseppe Burgio, 53 anni, in carcere dal 27 ottobre con l’accusa di avere provocato una bancarotta fraudolenta da 20 milioni di euro, chiedono di costituirsi parte civile contro il loro ex datore di lavoro. Si tratta di una vicenda che va avanti da diverso tempo e che ha coinvolto, nelle battaglie precedenti per i posti di lavoro, anche i sindacati confederali. La richiesta è stata formalizzata alla prima udienza del dibattimento che si è aperta ieri davanti al collegio dei giudici presieduto da Luisa Turco. Il processo all’ex imprenditore 2Re dei supermercati” sta per entrare nel vivo. Nelle settimane successive all’arresto di Burgio, la Guardia di Finanza , su incarico del pm Brunella Sardoni, che in seguito ha lasciato l’ufficio ed è stata trasferita a Trapani, ha notificato altri 32 avvisi di conclusione delle indagini nei confronti di imprenditori e commercialisti, che avrebbero avuto ruoli nelle imprese di Burgio,  e bancari che ne avrebbero curato i rapporti finanziari.  

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

luglio: 2017
L M M G V S D
« Giu   Ago »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  

STATISTICHE

Site Info

TRS98