Archive | settembre 18th, 2017

CANICATTI’ – Giovane accoltellato è in prognosi riservata: arrestati due ragazzi

Nella mattinata odierna personale dell’ospedale di Canicattì segnalava ai Carabinieri la presenza, presso quel nosocomio, di un ragazzo egiziano di 18anni, ospite della comunità alloggio “Valentina”, giunto con ferite da arma da taglio al torace.  Il giovane, è stato ricoverato  in prognosi riservata ma non è in pericolo vita, anche se le profonde ferite per poco non hanno leso organi vitali. Le attività di indagine svolte nell’immediatezza, permettevano ai Carabinieri di raccogliere schiaccianti elementi probatori a carico di due egiziani, un 21enne ed un 17enne, chiaramente individuati quali aggressori della vittima. Ancora al vaglio degli inquirenti le motivazioni dell’aggressione,  avvenuta sulla pubblica via proprio davanti la citata struttura alloggio. I due giovani sono stati arrestati e tradotti rispettivamente presso la casa circondariale “Petrusa” di Agrigento e l’istituto penale per minorenni “Malaspina” di Palermo a disposizione delle autorità giudiziarie, ordinaria di Agrigento e per i minorenni di Palermo.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

LAMPEDUSA – Martello: dopo clamore mediatico situazione tornata alla normalità, purtroppo a volte è necessario “alzare la voce”

“Dopo il clamore mediatico determinato dalle mie dichiarazioni, la situazione a Lampedusa è tornata alla ‘normalità’: sono aumentati i controlli sui migranti e il Centro di accoglienza ha ripreso le sue funzioni. Purtroppo a volte nel nostro Paese è necessario ‘alzare la voce’ per ottenere il rispetto dei diritti e delle regole: questo è un aspetto che da cittadino mi dispiace e mi fa riflettere, perché quello che dovrebbe essere ‘normale’ spesso viene considerato pretestuoso”. Lo dice Totò Martello, sindaco del Comune di Lampedusa e Linosa.

 “Ringrazio le forze dell’ordine e le istituzioni per il loro impegno che, ne sono certo, da adesso in poi resterà costante e permetterà il regolare funzionamento delle procedura di accoglienza. Non intendo alimentare altre polemiche – aggiunge Martello – né commentare prese di posizione da parte di chi cerca solo di ritagliarsi piccoli spazi di visibilità: il mio unico interesse è il bene di Lampedusa e dei lampedusani. I veleni e gli insulti non m intimidiscono e non mi fanno paura. Continuerò a lavorare, come ho sempre fatto, per tutelare i miei concittadini e per fare in modo che il meccanismo di soccorso ed accoglienza dei migranti nell’isola proceda regolarmente e nel miglior modo possibile”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

NARO – Arrestato gambiano per tentata rapina e resistenza a pubblico ufficiale

Nel pomeriggio di ieri, i militari della Stazione Carabinieri di Naro hanno arrestato in flagranza di reato un cittadino gambiano senza fissa dimora, per tentata rapina e  resistenza a pubblico ufficiale.

I Carabinieri, a seguito di  una chiamata al 112, intervenivano al bar “Orchidea”,  in  viale Europa, dove era stata segnalata la presenza dell’ arrestato, il quale, brandendo una bottiglia di vetro parzialmente infranta, minacciava il proprietario del bar chiedendogli di consegnargli il denaro contenuto all’interno della cassa. Tale condotta criminosa è stata interrotta dal tempestivo intervento dei Carabinieri.

Il cittadino gambiano, alla vista dei militari, tentava di darsi alla fuga brandendo la bottiglia di vetro anche nei loro confronti, i quali, comunque, riuscivano a bloccarlo e a disarmarlo.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

CONTESSA ENTELLINA – Cacciatore spara e uccide l’amico

Chi lo ha visto lo descrive come una persona distrutta, sconvolta, che non sa darsi pace per quello che è accaduto durante la loro prima battuta di caccia della stagione.

Aveva sparato con l’intenzione di uccidere un animale ed invece il proiettile ha colpito l’amico e compagno di battuta da una vita uccidendolo sul colpo.

La vittima è Maurizio Colca di 51 anni di Bisacquino. A sparare è stato un cacciatore esperto. La tragedia si è consumata nelle campagne di Contessa Entellina.

I due si conoscevano ed avevano partecipato a tantissime battute. Colca si trovava in una zona boscosa quando è stato raggiunto da un colpo di fucile sparato dal compagno che si trovava ad una cinquantina di metri di distanza. La vittima era in direzione dell’animale.

Diverse le ipotesi al vaglio dei carabinieri della Compagnia di Corleone che stanno conducendo le indagini coordinate dalla Procura. La salma è stata portata alla Medicina Legale del Policlinico per estrarre l’ogiva rimasta nel corpo del povero cacciatore.

luogo-tragedia

 

 

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO0 Comments

VILLAGGIO MOSE’ – Furto di cavi della telefonia in c.da Ciavolotta, isolate case e attività

Mille metri di cavi di rame sono stati rubati da contrada Ciavolotta. Tutte le abitazioni e le attività imprenditoriali della zona periferica del Villaggio Mosè sono, di fatto, rimaste isolate. E’ accaduto nella tarda serata di sabato. Sul posto, lanciato l’allarme, si sono precipitate le pattuglie della polizia di Stato. Gli agenti hanno effettuato un sopralluogo di rito ed avviato la perlustrazione dell’intera area. Non è stato, però, trovato alcun possibile sospetto. I “cacciatori” di “oro rosso”sembrerebbero, pertanto, averla fatta franca, visto che non si sarebbero lasciati alcuna traccia dietro le spalle.

L’allarme è scattato nella tarda serata di sabato quando, all’improvviso, i telefoni hanno iniziato a non funzionare  ed è saltata anche la rete internet.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Tribunale,“Fucile a canne mozze”, assolto licatese

A Licata, il 20 giugno del 2015, la Polizia ha arrestato Emanuele Marino, 40 anni, artigiano, sorpreso in un suo locale in possesso di un fucile calibro 12, con canne mozzate, ben conservato, oliato e perfettamente funzionante. Ebbene, adesso Emanuele Marino, difeso dall’avvocato Calogero Meli, è stato assolto dalla giudice monocratico del Tribunale di Agrigento, Gianfranca Claudia Infantino. Emanuele Marino si è difeso così: “L’arma, trovata dai poliziotti su indicazione di una fonte confidenziale, non era mia. E’ stata scoperta dentro un immobile di proprietà di un mio zio, che me lo ha concesso in uso tanti anni fa. E’ un casolare abbandonato, e chiunque avrebbe potuto entrarvi”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Oggi ore 18.30 il Presidente del Senato Grasso al Pirandello

Il presidente del Senato, Piero Grasso, atteso oggi lunedì, al teatro Pirandello, ad Agrigento, dalle ore 18:30 in poi, in occasione della presentazione del suo libro “Storie di sangue, amici, fantasmi. Ricordi di mafia”, presentando lo stesso libro a Palermo, ai Cantieri Culturali alla Zisa, tra l’altro, ha affermato: “Sulla costituzione di una commissione parlamentare di inchiesta sulle stragi del 92 non sono stato ascoltato, ma sono tenace, magari nella prossima legislatura si potrà istituire una commissione per indagare sul collegamento di tanti fatti del nostro Paese, che ha diritto alla verità. Spesso un magistrato, come anche la polizia giudiziaria, riesce a raggranellare elementi che fanno venire fuori intuizioni, laceranti intuizioni, perché poi devono essere provate. Questo è il dramma che ci accompagna, capire e però non potere dimostrare, ma bisogna non arrendersi nella ricerca della verità”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Cultura, Eventi, In evidenza0 Comments

FAVARA – Spezzate le mani alla statua di Gesù sulla montagna di Caltafaraci

Qualcuno ha spezzato le mani della statua di Gesù alla Muntagné di Favara, luogo diventato meta di pellegrinaggio da qualche anno. Sotto choc la cittadinanza di Favara, credenti e non.

Qualunque sia la “chiave” di lettura, i favaresi si sono detti, platealmente, offesi per l’oltraggio che ha subito la statua di Gesù. Spetterà alle indagini dei carabinieri, laddove possibile, cercare di identificare chi ha commesso l’oltraggio sulla montagna di Caltafaraci, denominata “Muntagnè della Pace”.  

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Maxi furto di cavi di rame in contrada Petrusa

Maxi furto di cavi elettrici in contrada Petrusa a Favara, dove sono stati portati via un chilometro e mezzo di rame.  Tantissime le abitazioni rimaste al buio. Sono intervenuti sia i tecnici dell’Enel che i carabinieri della tenenza cittadina. Da oggi, gli operai dovrebbero entrare in azione per ripristinare le linee e restituire l’illuminazione alle abitazioni. Non è la prima volta che in contrada Petrusa si registrano furti del genere. 

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

AGRIGENTO – Rubava l’acqua per rivenderla, arrestato 27enne

E’ accusato di furti ripetuti e ingenti di acqua dalla condotta idrica pubblica per poi rivendere ai privati il prezioso bene. Per questo i carabinieri lo hanno arrestato. Si tratta di un 27enne di Agrigento che i militari dell’Arma hanno individuato grazie a pedinamenti e appostamenti fino a scoprire l’ultimo furto.

FOTO ARCHIVIO

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

STUDIO 98 PROMO

STASERA IN TV

Calendario

settembre: 2017
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  

STATISTICHE

Site Info

TRS98