Archive | ottobre 6th, 2017

LAMPEDUSA – La Guardia di Finanza arresta “scafista”

Nell’ambito delle quotidiane operazioni finalizzate al soccorso in mare dei migranti ed al contrasto dello sfruttamento dell’immigrazione clandestina che la Guardia di Finanza svolge nel canale di Sicilia, nella notte fra il 2 ed il 3 ottobre, i militari in forza alla Brigata Guardia di Finanza Lampedusa e al Reparto Operativo aeronavale di Palermo, unitamente all’equipaggio di un elicottero e di una unità navale Guardacoste del Gruppo Aeronavale di Messina, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, uno “scafista” tunisino.

Le operazioni di soccorso sono iniziate alle ore 18:50 del 02/10/2017, quando nelle acque territoriali nazionali, prossime all’isola di Lampedusa, veniva intercettata una motobarca in legno di circa 8 metri con numerosi immigrati a bordo.

Ricevuto l’allertamento, la Sala Controllo Operativo della Guardia di Finanza di Lampedusa, faceva rapidamente convergere in zona operazioni l’unità navale del Corpo, che intercettava il natante segnalato, con a bordo nr. 23 persone,  individuando, il soggetto  ai comandi dell’imbarcazione anche attraverso video riprese eseguite dall’elicottero del Corpo che ha seguito dall’alto tutte le operazioni di salvataggio dell’ennesima carretta del mare.

Tutti gli immigrati, sono stati quindi condotti presso il Molo Favaloro del Porto di Lampedusa, ed affidati alle prime cure del personale sanitario che opera presso il C.S.P.A./Hotspot di Lampedusa. Contemporaneamente, a seguito dell’identificazione dello scafista, il tunisino T.A. di 22 anni, veniva tratto in arresto dai militari della Brigata della Guardia di Finanza di Lampedusa e dal Reparto Operativo Aeronavale di Palermo per aver favorito l’ingresso in territorio nazionale di 22 persone di nazionalità tunisina, fra cui 4 minori, con le aggravanti previste dall’art. 12 comma 3 lett a) e b) del D.Lgs. 25-7-1998 nr. 286, per aver esposto i migranti trasportati in pericolo di vita, circostanza che sempre incombe su questo genere di traversate.  

L’operazione, svolta proprio mentre in Lampedusa erano in corso i preparativi per onorare la Giornata della Memoria e dell’Accoglienza, in ricordo dei 366 migranti che persero la vita nel naufragio del 3 ottobre 2013, è stata diretta dall’Autorità Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Agrigento, che ha disposto l’immediata traduzione in carcere dello “scafista” arrestato. La successiva udienza di convalida ha confermato il quadro indiziario raccolto dai Militari delle varie componenti territoriali e aeronavali operanti a stretto contatto e coordinamento.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

GIARDINI NAXOS – Finale regionale Miss Europe Continental [FOTO]

Chiara Di Blanca,17 anni di Leonforte, in provincia di Enna ha vinto la selezione regionale di “Miss Europe Continental” organizzata dal patron Gaetano Quagliata di Canicattì che si è svolta a Giardini Naxos (Taormina) in piazza Municipio. Alta, bionda, studentessa al quarto anno del Liceo Classico della piccola cittadina dell’Ennese, tante fasce e titoli di concorsi di bellezza alle spalle ed un sogno: iscriversi all’Università per diventare avvocato: Chiara Di Blanca, è stata incoronata reginetta del concorso ideato da Alberto Cerqua e “vola” direttamente alla finale italiana in programma il 14 ottobre al teatro “Anche cinema” di Bari. Assieme a lei sono state scelte altre tre “fasciate” che si sono aggiudicate la finale regionale ed accedono di diritto alla fase nazionale. Si tratta di Vanessa Ardone di Enna Chiara Argirì di Paternò ed Emanuela Morreale di Canicattì. Sono state 12 le concorrenti a contendersi la finale regionale: Elody Fiocca, Emanuela Morreale, Alessia Casto, Irene Gatto, Nadine Gambino, Marisa Pino, Florinda Barbara, Vanessa Ardone, Angela Maria Salerno, Denise Liotta, Chiara Di Blanca e Chiara Argirì. Ha partecipato, fuori concorso, miss Reginetta di Sicilia, Enza Angelo. La giuria era composta da Angelo Scalzo, Antonio D’Aveni, Antonella La Macchia, Benedetto D’Angelo e Giuseppa Vadalà. Durante la serata si sono esibite le ragazze di “Ainamà”, Delia e Roberta della scuola di ballo “Latin Generation” di Giardini ed i campioni di ballo Cristian e Maria Garofalo che stanno partecipando alla gara di “Mezzogiorno in famiglia”. I fratelli Garofalo sono insegnanti presso la scuola Cristal dance di Giardini coordinata da Loredana Migliastro e da Giuseppe Rinaudo. Sono campioni italiani 2017 di ballo. Sul palco si sono esibiti anche Luigi La Rocca di Canicattì e Giorgia Gennaro di Palermo, attuali campioni regionali e italiani nella categoria 12/13 classe “A”, passando con merito nella classe internazionale e sono seguiti dai maestri Antonino e Mirko Runza dell’associazione Lions dance di Gela con la supervisione di Mirko Pezzer di Palermo. Ed infine Tony Morgan che ha cantato e presentato la giovanissima attrice Claudia Patanè. Miss Europe continental è un concorso che cerca di valorizzare opportunamente la bellezza femminile, italiana ed europea. Il patron è Alberto Cerqua e in Sicilia ha nel canicattinese Gaetano Quagliata il suo prezioso punto di riferimento. “Miss Europe Continental – spiega Gaetano Quagliata – è il concorso internazionale di bellezza nato con lo scopo di valorizzare il fascino femminile italiano ed europeo, ma soprattutto le culture delle diverse nazioni che aderiscono.  Dalla cooperazione con i brand altisonanti dell’Alta Moda e dello Stile internazionale – aggiunge Quagliata – nasce la possibilità di garantire alle aspiranti Miss in concorso premi identificati in contratti di lavoro e di opportunità di carattere professionale nel settore della bellezza, della Moda e del Cinema. Miss Europe Continental – conclude Gaetano Quagliata-  nasce da una idea di Alberto Cerqua nel 2012 ed è diventata nel tempo una manifestazione in continua crescita ed evoluzione”. L’intera organizzazione della finale italiana di Bari sarà curata – ancora una volta – da Donato Cellamare, insieme ad Alessandro Grifa, direttore esecutivo di Miss Europe Continental 2017. La finalissima internazionale invece si terrà a Napoli. Entusiasta il patron del concorso internazionale, Alberto Cerqua: “Miss Europe Continental cresce anno dopo anno. Con il lavoro dell’intero staff e la fiducia di tutti, troveremo presto una nuova bellezza che rappresenti l’Europa”.

Postato in Eventi, In evidenza, MESSINA, Spettacolo0 Comments

AGRIGENTO – Al teatro “Pirandello” inaugurato il 42° Congresso regionale della Sirm [VD TG]

Ad Agrigento al teatro “Pirandello” è stato inaugurato il 42° Congresso regionale della Sirm, la Società Italiana di Radiologia Medica – Gruppo regionale Sicilia. Tra gli altri è intervenuto anche Roberto Lagalla, Direttore del Dipartimento di Scienze Radiologiche del Policlinico Giaccone di Palermo. Il congresso prosegue oggi venerdì e domani sabato all’Hotel Dioscuri a San Leone.

Le interviste

Postato in AGRIGENTO, Gossip, In evidenza, Salute, Video0 Comments

AGRIGENTO – La Cgil presenta il “Focus” socio economico della provincia [VD TG]

Ad Agrigento la Cgil è stata impegnata nella redazione di un “focus” socio – economico della provincia, che fa luce su alcuni contesti importanti che abbracciano la popolazione, il lavoro, le imprese, le infrastrutture. Il lavoro, presentato al mattino di oggi nella sede del sindacato, in via Cimarra, è del Centro studi Cgil Sicilia, presieduto da Giuseppe Citarella, che ha approfondito ed elaborato i dati Istat, Inps, Istituto Tagliacarne e Infocamere. Dalle analisi è emerso che riguardo al mercato del lavoro si registra una significativa differenza di occupazione tra uomini e donne, del 40% circa. E poi il tasso di occupazione nel periodo tra 2008-2016 decresce del 39%, mentre il tasso di disoccupazione aumenta del 24,3%. Poi se il settore di attività in cui si riscontrano più occupati è il settore dei servizi con una percentuale che oscilla tra il 47-48% degli occupati totali con poco più di 84 mila posti di lavoro, si avverte una perdita di posti di lavoro nel settore agricolo e industriale. Per quanto concerne la stima dell’evasione fiscale nella provincia si evidenzia un reddito complessivo dichiarato dagli agrigentini pari a poco più di 3,5 miliardi, per una imposta netta dovuta di oltre 513 milioni di euro. Il rapporto tra i consumi stimati dall’Istat e il reddito complessivo dichiarato si attesta a 146,5; ciò sta a significare che per ogni 100 euro di reddito dichiarato i consumi sono stati di 146,5 euro. Tali consumi avrebbero prodotto un’imposta di oltre 752 milioni con una differenza superiore a 238 milioni di potenziale Irpef evasa

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

PALMA DI MONTECHIARO – Trovato con un’arsenale di armi clandestine alterate, arrestato 23enne

A Palma di Montechiaro i poliziotti del locale Commissariato hanno arrestato Carlo Castellana, 23 anni, sorpreso, nel corso di una perquisizione domiciliare, in possesso di un arsenale: una pistola calibro 9, con relativo caricatore privo di munizionamento, un caricatore privo di cartucce riconducibile ad una pistola calibro 7,65, un fucile semiautomatico calibro 12 di marca “Franchi” con matricola abrasa e 21 cartucce a pallini calibro 12. Castellana risponderà di detenzione illegale di armi clandestine e alterate, e detenzione di munizioni. Castellana è stato trasferito nel carcere “Petrusa” ad Agrigento.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

AGRIGENTO – Il teatro Pirandello lancia il bando “Un teatro per tutti”

Sul sito internet del Teatro Pirandello di Agrigento è stato pubblicato un bando di gara rivolto ad artisti e compagnie locali della provincia di Agrigento. Saranno selezionati da 3 a 5 spettacoli. L’istanza di partecipazione è attesa entro il prossimo 31 ottobre. L’iniziativa è promossa dalla Fondazione Teatro Pirandello, presieduta da Gaetano Aronica, al fine di valorizzare le attività artistiche e culturali delle compagnie e degli artisti locali. Il bando è intitolato “Un Teatro per tutti”, rivolto a compagnie, associazioni, i gruppi o anche singoli, ed è pubblicato nella sezione “Trasparenza” del sito web www.fondazioneteatropirandello.it. Una Commissione, formata da cinque membri qualificati, designati dalla Fondazione ma esterni ad essa, esaminerà le domande e i progetti proposti, e i selezionati saranno rappresentati di domenica al Teatro Pirandello, nelle date da definire nel corso della stagione. Le compagnie selezionate saranno sostenute con un rimborso spesa, e a termine della rassegna la Commissione designerà lo spettacolo vincitore del concorso, a cui sarà consegnato un premio in denaro di 2.500 euro. Lo stesso Aronica afferma: “Un teatro per tutti’ è il fiore all’occhiello della nuova stagione, il segno di un passo in avanti verso il cambiamento. Le risorse locali al servizio del territorio, e il Teatro Pirandello al servizio delle risorse locali”.

 

Postato in AGRIGENTO, Eventi, In evidenza, Spettacolo0 Comments

GELA – Droga e furti a Sant’Ippolito: in manette 7 giovani [VD TG]

A Gela gli agenti del commissariato di Polizia hanno eseguito sette provvedimenti cautelari nei confronti di altrettanti componenti di un gruppo di giovani accusati di spaccio di stupefacenti e di numerosi furti contro aziende agricole e settori operativi comunali.
Al centro dell’inchiesta, diretta dal vice questore Francesco Marino, c’è il quartiere Sant’Ippolito di Gela, ritenuto dagli inquirenti piazza di spaccio preferita dagli indagati arrestati oggi e covo degli autori di numerosi furti avvenuti in campagna e contro automezzi, magazzini e uffici del comune. Non avevano pietà neanche per i morti. Due delle sette persone coinvolte nel blitz Sant’Ippolito rubavano anche nel cimitero Farello. I portavasi in rame sparivano per ricavare qualche decina di euro. Sono questi alcuni risvolti dell’operazione di polizia che ha portato tra gli altri in carcere Luca Tasca e l’agrigentino Fabio Crisci. Nel corso della conferenza stampa il Primo dirigente del commissariato, Francesco Marino, ha spiegato che Calogero Minardi, 35 anni, e lo zio Orazio Valenti di 59 anni, si occupavano di rubare oggetti in rame al cimitero Farello che poi veniva rivenduto fuori città. Altra specialità anche il furto di limoni e arance.

La polizia ha ricostruito fino a cento episodi di spaccio di hashish, marjuana e cocaina. Il pm  Antonio D’Antona ha spiegato che “Sant’Ippolito è uno dei quartieri della città con tante famiglie in difficoltà economica. Per aumentare livello di vita, spesso si sceglie la strada dei reati”.

Gli acquirenti della droga erano minorenni e gli indagati utilizzavano linguaggio criptico per non farsi scoprire. Si è lavorato con difficoltà perché dopo il blitz Praesidium i sospettati erano molto cauti nei movimenti e nel linguaggio utilizzato. Per le cessioni di droga parlavano di andare a prendere un caffè.

Tra i sette anche legami di parentela e sentimentali. Coinvolta anche la fidanzata di un imputato. Sono finiti in carcere LucaTasca Cristofer, 24 anni, e Fabio Crisci, 25 anni. Agli arresti domiciliari sono finiti Baldassare Nicosia, 34 anni, e Gaetano Marino, 33 anni, detto “Tanu u nivuru”. Sono stati sottoposti all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria: Francesco Salafia, 27 anni, detto “Ciccio u Squalo”, Calogero Minardi, 35 anni, detto Caloriu u baullaru”, e Orazio Valenti, 59 anni.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments

PEDARA – Ucciso a fucilate e gettato in un tombino

Il cadavere di un pensionato incensurato di 71 anni, Domenico Citelli, ucciso con un colpo di fucile alla testa è stato trovato la notte scorsa vicino alla sua casa a Pedara, nel Catanese.

Il corpo era avvolto in un sacco legato con delle corde all’interno di un tombino. Sul posto i carabinieri della compagnia di Acireale. Gli investigatori escludono che il delitto sia maturato in ambienti della criminalità organizzata e indagano sulla sfera personale della vittima.

I carabinieri del reparto scientifico sono all’interno della villa dell’uomo, che era originario di Catania, dove stanno eseguendo dei rilievi. Il luogo dove è avvenuto il delitto è una zona al confine tra i Comuni di Pedara e Nicolosi, abitata da vacanzieri o da catanesi che hanno la casa di villeggiatura.

Pochi i vicini presenti, e nessuno vuole commentare. Sembra che l’uomo vivesse da solo e che era una persona molto riservata. La Procura di Catania ha aperto un’inchiesta.

Postato in CATANIA, Cronaca, In evidenza0 Comments

PALERMO – Anziano morto, formiche in corsia: la Procura apre inchiesta

La procura ha aperto un’inchiesta sulla denuncia dei familiari di un anziano morto a Palermo.
    Vincenzo Oliveri, 70 anni, per quasi due mesi è rimasto ricoverato nel reparto di Pneumologia del Civico. E con lo smartphone, sostengono i suoi parenti, ha documentato l’assalto delle formiche in corsia, i sanitari rotti nei bagni, le porte danneggiate. Le sue segnalazioni inviate anche alla redazione di Repubblica Palermo hanno portato a un blitz dei carabinieri del Nas. Dopo tre settimane dalle dimissioni dal nosocomio, Oliveri è morto nel reparto di Rianimazione di un altro ospedale, il Cervello dove è arrivato in ambulanza in condizioni disperate. I familiari hanno denunciato “le precarie condizioni igienico sanitarie del reparto del Civico” L’indagine, vede indagati per omicidio colposo dodici sanitari del Civico. Dall’azienda respingono le accuse: “Dopo la segnalazione della presenza di formiche – spiega il direttore sanitario Giorgio Trizzino – abbiamo eseguito tre disinfestazioni. I primi di settembre”.

Postato in Cronaca, PALERMO, Salute0 Comments


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Site Info

TRS98