Archive | novembre 2nd, 2017

GELA – Incendiata l’auto del presidente del Consiglio comunale

Incendiata a Gela l’automobile del presidente del Consiglio comunale, Alessandra Ascia, 34 anni, del Pd. La Nissan X Trail è intestata al marito, Gaetano Tascone, 38 anni, editore di un giornale online e imprenditore del settore pubblicitario, ma viene usata prevalentemente dalla moglie. L’auto era parcheggiata vicino casa quando intorno all’una le fiamme l’hanno distrutta. L’incendio è stato domato dai vigili del fuoco.

Ai carabinieri Ascia e il marito hanno detto di non avere ricevuto minacce né richieste di denaro. Alcuni giorni fa Ascia, forte del parere dell’ufficio legale dell’assessorato regionale agli Enti locali, ha dichiarato decaduta la mozione di sfiducia contro il sindaco Domenico Messinese, ex M5s, perché uno dei 12 consiglieri proponenti aveva ritirato la propria firma facendo venir meno il numero minimo necessario per l’esame della proposta. La scorsa settimana a Gela è stata bruciata l’auto di un altro esponente politico, Enrico Vella, commissario dell’Iacp di Caltanissetta, braccio destro del governatore Rosario Crocetta.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenza0 Comments

LICATA – E l’assessore anti abusivismo designato dal M5S sarà processato per abusivismo

Sarà processato per abusivismo edilizio, dopo essersi opposto al  pagamento di una ammenda, l’ex sindaco di Licata Angelo Cambiano, sfiduciato dal consiglio comunale e diventato il simbolo della lotta contro gli abusivi. Cambiano, che in passato ha subito minacce per avere avviato demolizioni di costruzioni abusive nel suo paese, è tra gli assessori designati dal candidato governatore del M5S Giancarlo Cancelleri.

Il 6 ottobre del 2016 il Gup Francesco Provenzano aveva accolto nei confronti dell’allora sindaco un decreto penale di condanna a 6.800 euro di ammenda, con sospensione condizionale della pena, emesso dal sostituto procuratore di Agrigento Carlo Cinque. Contro la decisione del Gip Cambiano ha presentato opposizione, preferendo non pagare l’ammenda e sottoporsi al processo davanti al Gup.

La vicenda risale al 12 maggio del 2016 dopo un’ispezione dei vigili urbani che contestarono la realizzazione, «nell’immobile di contrada Olivastro, in assenza di titolo abitativo edilizio” la «copertura mediante manto di tegole di un persistente pergolato con conseguente aumento di volumetria e modifica del prospetto dell’edificio».

La Procura di Agrigento, quattro mesi dopo, l’8 settembre del 2016, visto che «trattasi di contravvenzione per cui i reati sono procedibili d’ufficio» ha chiesto l’emissione dell’ammenda tramite un decreto penale di condanna, con sospensione condizionata della pena, accolta due settimane dopo dal Gup Provenzano. Decisione che Cambiano non ha accettato, presentando opposizione. Per questo sul procedimento sarà aperto, nei confronti dell’ex sindaco, un processo per abusivismo edilizio davanti al Gup di Agrigento. 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

FAVIGNANA – Catturati i tre evasi dal carcere

Stavano tentando di abbandonare l’isola rubando un gommone i tre detenuti evasi sabato scorso dal carcere di massima sicurezza di Favignana. A bloccarli, grazie a una serie di controlli mirati che erano stati predisposti dal comando provinciale dei carabinieri, è stata una pattuglia composta da quattro militari dell’arma che li hanno sorpresi nei pressi del porto. Uno dei tre, Massimo Mangione, è riuscito a darsi nuovamente alla fuga lanciandosi in mare. A questo punto sono state mobilitate tutte le forze dell’ordine presenti sull’isola, comprese le motovedette della Guardia di Finanza e della Capitaneria di Porto che hanno illuminato il tratto di mare. Dopo avere riguadagnato la riva Mangione ha cercato di allontanarsi a piedi ma è stato catturato dai carabinieri e dalla polizia penitenziaria che hanno seguito le tracce lasciate sul terreno dagli indumenti bagnati. I tre detenuti sono stati quindi trasferiti da Favignana a bordo di una motovedetta. L’ergastolano Adriano Avolese, che deve scontare una condanna per omicidio, Giuseppe Scardino, condannato a 15 anni per una serie di rapine e per il tentativo di omicidio di un poliziotto, e il suo complice Massimo Mangione, condannato a 12 anni e otto mesi per gli stessi reati si trovano adesso nella caserma del comando dei carabinieri di Trapani

 

 

 

Postato in Cronaca, In evidenza, TRAPANI0 Comments

PALERMO – “Abusi durante la visita ginecologica” Ai domiciliari il primario Biagio Adile

La polizia in servizio presso la Procura del tribunale per i minorenni di Palermo ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti del ginecologo Biagio Adile, 65 anni, accusato di violenza sessuale su una donna tunisina di 28 anni.

La donna ha raccontato di avere subito due atti di violenza, il primo presso lo studio del medico a Palermo e il secondo nell’ambulatorio dell’ospedale Villa Sofia-Cervello, dove Adile dirige l’unità d’uroginecologia.

Nel corso delle deposizioni della vittima, tenutesi alla presenza di una psicologa e di un’interprete di lingua araba, la donna ha raccontato di soffrire di gravi problemi ginecologici che in Tunisia l’avevano costretta a subire ben tredici interventi chirurgici senza tuttavia ottenere validi risultati e di essersi per questo rivolta all’indagato.

Dopo il primo episodio di violenza nello studio privato, nel dicembre del 2016, il medico le avrebbe detto di fare anche un’ecografia gratuita presso un suo amico che lavorava in ospedale.

La donna, sospettando che si sarebbe potuta ripetere la violenza, ha portato il cellulare per filmare la visita riprendendo così gli abusi. Le indagini, coordinate dal pm Giorgia Righi e dall’aggiunto Ennio Petrigni, si sono anche avvalse della consulenza tecnica di un perito della Procura che ha estrapolato la registrazione che ha fornito riscontri alle accuse. Si indaga per accertare se il ginecologo abbia violentato altre donne.

Biagio Adile è originario di Racalmuto, e in occasione delle ultime elezioni comunali del 2014, è stato candidato a Sindaco con la lista civica “Rinasce Racalmuto”, competizione elettorale, poi vinta dall’attuale Sindaco, Emilio Messana.

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO0 Comments

AGRIGENTO – Controlli a tappeto in Via Atenea dei Carabinieri. Preso con le mani nel sacco ladro tunisino. [VD TG]

Era l’ora dell’aperitivo. In una nota enoteca della centralissima via Atenea, numerosi clienti erano rilassati a sorseggiare il loro drink ed il proprietario era intento a soddisfare le loro esigenze. Proprio approfittando di quell’atmosfera, un tunisino è entrato di soppiatto nel locale, si è avvicinato alla cassa ed ha arraffato tutto il denaro, in tutto 65 euro, frutto della fatica di una serata di lavoro. Non ha fatto i conti però con un bravo Carabiniere, libero dal servizio, anch’egli in un momento di relax dopo due giorni di lavoro ininterrotti per un altro brillante arresto, quello di tre corrieri di droga stranieri trovati, di ritorno da Palermo, con un chilo di hashish in macchina. Lo sguardo sempre vigile del militare infatti non lo ha perso di vista un attimo, come anche le immagini delle telecamere di sorveglianza del negozio. Prima che si allontanasse, lo ha bloccato a terra ed ha chiamato il 112. Dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale sono arrivate subito tre pattuglie del Nucleo Operativo e Radiomobile di Agrigento che stavano già perlustrando la zona nell’ambito dei numerosissimi servizi perlustrativi svolti in pieno centro.

Per il 32 enne tunisino, Hassen Nabil, soggetto già noto alle Forze dell’Ordine, sono subito scattate le manette ai polsi, con l’accusa di furto aggravato. Dalla immediata perquisizione, sono saltati fuori i soldi sottratti che sono stati subito restituiti al proprietario del locale che non ha nascosto, insieme ai clienti presenti, la sua gratitudine ai Carabinieri.

I massicci e visibili controlli dei Carabinieri proseguiranno senza sosta in tutta la città. Qualsiasi cittadino che dovesse notare una minima anomalia, può contattare subito il 112 che invierà quanto prima una pattuglia a verificare la situazione.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

STATISTICHE

Site Info

TRS98