Archive | novembre 7th, 2017

Dopo la nuova sconfitta con il Cosenza il tecnico dell’Akragas Di Napoli ha rimesso il mandato nelle mani di Alessi

A fine partita mister Di Napoli si è addossato tutte le colpe della sconfitta e ha rimesso il mandato nelle mani del presidente Silvio Alessi: “E’ un momento delicato e di grande difficoltà. Ognuno deve prendersi le proprie responsabilità. La società deve decidere cosa fare per il bene dell’Akragas. Non è più il tempo delle chiacchiere. Rimanga solo chi vuole combattere per questi colori”.

Quattro sconfitte consecutive e ultimo posto in classifica. Si complica la situazione in casa Akragas. Il Gigante cede anche al Cosenza continuando a pagare a caro prezzo l’esilio a Siracusa.

Gara subito in salita per la squadra agrigentina, che va sotto dopo 4 minuti, quando Statella rifinisce un contropiede scaturito da una palla persa da Carrotta. Vono salva la porta due volte su Mungo, ma non può impedire il raddoppio di Bruccini, autore di un preciso colpo di testa. 

L’Akragas prova a reagire senza però trovare efficacia in attacco. I tentativi di Salvemini e Parigi non sortiscono effetti e la generosità messa in campo nella ripresa non basta: per l’Akragas è crisi.

AKRAGAS-COSENZA 0-2
Akragas (3-5-2): Vono 6.5; Mileto 5.5, Pisani 5, Danese 5; Navas 5 (34′ pt Sepe 6), Carrotta 5 (22′ st Moreo 5.5), Vicente 6.5, Longo 5.5 (10′ st Bramati 6), Russo 5 (34′ pt Parigi 6); Salvemini 6.5, Gjuci 5.5 (1′ st Saitta 5.5). In panchina: Lo Monaco, Caternicchia, Ioio, Petrucci, Canale, Rotulo, Franchi. Allenatore: Di Napoli 5.5
Cosenza (4-3-1-2): Perina 6; Corsi 6.5, Idda 6, Dermaku 6.5, Pinna 6; Statella 6.5 (27′ st Calamai sv), Palmiero 6.5 (27′ st Loviso sv), Bruccini 7; Mungo 6.5 (17′ st Trovato 6); Tutino 6 (22′ st Caccavallo 6), Baclet 6 (17′ st Mendicino 6). In panchina: Saracco, D’Orazio, Pasqualoni, Boniotti, Pascali, Stranges. Allenatore: Braglia 6.5
Arbitro: Marcenaro di Genova 5.5
Reti: 4′ pt Statella, 30′ pt Bruccini.
Note: partita giocata a Siracusa. Spettatori 500 circa. Ammoniti Palmiero, Sepe, Trovato, Bramati, Perina, Vicente. Angoli 4-3. Recupero: 2′, 4′ 

Postato in AGRIGENTO, In evidenza, Sport0 Comments

RACALMUTO – Si getta contro l’auto per salvare la madre: ferita donna

Una signora è rimasta ferita, fortunatamente in maniera non grave, a Racalmuto, nel tentativo (riuscito) di salvare la madre che stava per essere investita da una Fiat Punto.

Il fatto è avvenuto all’altezza del ponte del Carmelo, dove la donna per salvare la madre è finita sotto l’utilitaria. Immediatamente soccorsa è stata trasportata in ospedale con l’ambulanza del 118 di Racalmuto ed i medici hanno diagnosticato lesioni non gravi ad una gamba. Sul luogo dell’incidente sono intervenuti i vigili urbani.

FOTO GRANDANGOLO

Postato in Cronaca, In evidenza, RACALMUTO0 Comments

CATTOLICA ERACLEA – Tragedia, ragazza 24 enne muore sotto la doccia

Tragedia a Cattolica Eraclea, una ragazza di 24 anni è stata trovata morta sotto la doccia. La giovane cattolicese sarebbe stata colta da un improvviso malore, a quanto pare, mentre era nel bagno di casa, in cortile Ciccarello, e si stava facendo la doccia. Dopo l’allarme lanciato dai genitori e l’arrivo dell’ambulanza, i carabinieri della locale stazione hanno chiesto l’intervento di un medico. La ragazza, secondo il medico, è morta per un improvviso arresto cardiaco.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

REGIONALI SICILIA – Ecco la nuova Ars. Musumeci ottiene anche la maggioranza

E alla fine, il nuovo presidente della Regione siciliana Nello Musumeci si ritroverà all’Ars anche la maggioranza risicata per governare. Sono otto le liste che hanno superato la soglia di sbarramento ed eleggeranno deputati.

MOVIMENTO 5 STELLE. Il M5s si conferma primo partito in Sicilia con il 26,67% delle preferenze, ma il voto disgiunto a premiare oltremisura rispetto al partito il miglior perdente nella corsa alla poltrona di governatore Giancarlo Cancelleri che ottiene il 34,65% delle preferenze entrando di diritto all’Ars.

I 5Stelle eleggono altri 19 deputati: Matteo Mangiacavallo e Giovanni Di Caro (Agrigento), Nunzio Di Paola (miglior secondo a Caltanissetta), Angela Foti, Gianina Ciancio e Francesco Cappello e Jose Marano (Catania), Elena Pagana (Enna), Valentina Zafarana e Antonino De Luca (Messina), Giampiero Trizzino, Salvatore Siragusa, Luigi Sunseri, Roberta Schillaci (Palermo), Stefania Campo (Ragusa), Stefano Zito e Giorgio Pasqua (Siracusa), Sergio Tancredi e Valentina Palmeri (Trapani).

SINISTRA. I Cento passi per Fava conquistano un seggio a Palermo, formalmente attribuito al capolista, lo stesso Claudio Fava.

CENTRODESTRA. La coalizione di centrodestra che ha eletto Nello Musumeci arriva al 42% delle preferenze, contro il 39,8% che è il dato finale con cui si è fermato il candidato presidente. In questo caso c’è stato l’effetto trascinamento che ha favorito Musumeci e che gli ha permesso di vincere la competizione elettorale. All’Ars porterà 29 deputati che si aggiungono ai 7 del listino del quale fa parte di diritto anche lo stesso nuovo presidente della Regione.

Il primo partito del centrodestra è Forza Italia con il 16,37% e 12 deputati che sono Riccardo Gallo (Agrigento), Michele Mancuso (Caltanissetta), Marco Falcone e Alfio Papale (Catania), Luigi Genovese e Tommaso Calderone (Messina), Giuseppe Milazzo, Riccardo Savona e Marianna Caronia a Palermo (eletta grazie all’ingresso all’Ars di Gianfranco Miccichè attraverso il listino di Musumeci), Orazio Ragusa (Ragusa), Rossana Cannata (Siracusa), Stefano Pellegrino (Trapani).

Idea Sicilia e Popolari autonomisti, il partito di Lagalla e degli ex Mpa, si conferma seconda forza della coalizione con il 7% e 5 deputati che sono Carmelo Pullara (Agrigento), Giuseppe Compagnone (Catania), Toto Cordaro e Roberto Lagalla (Palermo) e Pippo Gennuso (Siracusa).

Poco dietro l’Udc che tocca il 6,9% e porta all’Ars 5 deputati che sono Margherita La Rocca Ruvolo (Agrigento), Giovanni Bulla (Catania), Cateno De Luca (Messina), Vincenzo Figuccia (Palermo) ed Eleonora Lo Curto (Trapani) eletta al posto di Mimmo Turano, già nel listino.

Subito dietro la lista del presidente #DiventeràBellissima con il 5,96% e 4 deputati che sono: Giuseppe Zitelli (Catania), Giuseppe Galluzzo (Messina), Alessandro Aricò (Palermo), Giorgio Assenza (Ragusa).

Fratelli d’Italia e Noi con Salvini superano la soglia e si fermano al 5,6%, gli eletti sono tre, si tratta di Gaetano Galvagno (Catania), Antonio Catalfamo (Messina) e Tony Rizzotto (Palermo).

CENTROSINISTRA. Limita i danni il centrosinistra che elegge 13 deputati, di cui 11 del Partito Democratico che sono Michele Catanzaro (Agrigento), Giuseppe Arancio (Caltanissetta), Luca Sammartino e Anthony Barbagallo (Catania), Luisa Lantieri (Enna), Franco De Domenico (Messina), Giuseppe Lupo e Antonello Cracolici (Palermo), Nello Dipasquale (Ragusa), Giovanni Cafeo (Siracusa), Baldo Gucciardi (Trapani).

Gli altri due sono eletti nella di Sicilia Futura e sono Nicola D’Agostino (Catania) e Edy Tamajo (Palermo).

La nuova Ars a 70 deputati rispetto ai 90 della precedente assemblea lascia fuori nomi conosciuti e rappresentativi di molti territori, molti deputati uscenti non sono stati riconfermati altri sono stati penalizzati dai risultati delle coalizioni, a conferma che la nuova Ars, anche grazie alla presenza di tanti giovani, ha subito un definitivo processo di rigenerazione in buona parte dei suoi componenti.

Postato in In evidenza, Politica0 Comments

CALTANISSETTA – Tenta di rapinare connazionale, arrestato tunisino richiedente asilo

I carabinieri di Caltanissetta hanno arrestato, in flagranza di reato, Lassaad Hashani, tunisino, 29 anni, richiedente asilo che nella villa Cordova, ieri sera, ha tentato di rapinare un suo connazionale diciottenne, minacciandolo e colpendolo al volto, per farsi consegnare i soldi. Il giovane è riuscito a fuggire e a chiedere aiuto a una pattuglia dei carabinieri, che ha individuato e bloccato l’aggressore. Quest’ultimo, nel tentativo di sottrarsi all’arresto, ha cercato di divincolarsi e ha colpito più volte con dei pugni i militari. Il tunisino è accusato di tentativo di rapina aggravata e resistenza a Pubblico ufficiale.

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca0 Comments

MONTALLEGRO – Fulmine incendia un chiosco

A fuoco, nottetempo, a Bovo Marina, il chiosco Onda Marina, di proprietà della famiglia Errera. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Agrigento. Accertamenti sono in corso da parte dei carabinieri della locale stazione per individuare le cause del rogo.

Secondo i titolari a provocare l’incendio sarebbe stato un fulmine.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

GROTTE – Lascia la porta socchiusa, derubata anziana 80enne

Un’anziana 80enne di Grotte è stata derubata dei suoi gioielli nella sua abitazione di via Torquato Tasso, nella parte alta del paese. Secondo il racconto dell’anziana agli investigatori, domenica mattina, la vedova, è stata sorpresa da una donna dalla carnagione leggermente scura, che arraffato l’oro si è dileguata facendo perdere le sue tracce. I Carabinieri subito allarmati e arrivati sul posto hanno avviato le indagini. La presenza della ladra all’interno dell’abitazione è stata agevolata dalla porta di casa che, in quel momento era stata lasciata socchiusa dalla proprietaria per far arieggiare la casa.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

PALERMO – Biagio Adile interrogato:”Il primo rapporto è stato consenziente”

Il primario di Ginecologia all’ospedale “Villa Sofia” a Palermo, Bagio Adile – arrestato ai domiciliari perché indagato di presunta violenza sessuale a danno di una donna di 28 anni, originaria della Tunisia, che lo ha denunciato – tramite i suoi difensori rivela che il primo rapporto sessuale con la ragazza è stato consenziente. Si tratta della tesi difensiva che sarà sostenuta on occasione del ricorso al tribunale del Riesame. Nel frattempo, il dottore Adile si è avvalso della facoltà di non rispondere all’interrogatorio innanzi al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Palermo.

Postato in Cronaca, PALERMO0 Comments

AGRIGENTO – Protesta per il museo chiuso, turisti delusi

Musei chiusi la domenica pomeriggio nell’agrigentino e monta la polemica. La protesta è di alcuni turisti che giunti da Palermo volevano visitare la casa di Pirandello. “Non è affatto una novità – spiega la direttrice  del polo regionale di Agrigento per i siti culturali Gioconda Lamagna – nonostante ciò ogni domenica sorgono lamentele. Con il personale che abbiamo, non possiamo mettere in servizio dipendenti la domenica pomeriggio”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Cultura0 Comments

REGIONALI 2017 – Riccardo Gallo ringrazia gli elettori.

L’onorevole Riccardo Gallo, eletto deputato regionale all’Assemblea regionale con 7.337 preferenze, incontrerà e ringrazierà il partito, amici e simpatizzanti domani, mercoledì 8 novembre, ad Agrigento, a Villa Hera, in contrada Sant’Anna, alle ore 18. Interverranno, tra gli altri, il coordinatore regionale e deputato regionale di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, e il vice presidente della Regione, Gaetano Armao.

Postato in AGRIGENTO, Eventi, Politica0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

STATISTICHE

Site Info

TRS98