Archive | novembre 14th, 2017

AGRIGENTO – Fabrizio La Gaipa sospeso da M5s, Di Maio:” Noi agiamo subito”

“Il collegio dei probiviri ha disposto la sospensione in via cautelare dell’iscritto Fabrizio La Gaipa, visti gli articoli 4 e 5 del regolamento del Movimento 5 Stelle”. Lo rendono noto i probiviri Nunzia Catalfo, Riccardo Fraccaro e Paola Carinelli.

Fabrizio La Gaipa “si e’ messo fuori da solo con quello che ha fatto”, ha detto ai cronisti italiani Luigi Di Maio, in visita a Washington come vice presidente della Camera e candidato premier dei Cinque Stelle. “Noi abbiamo agito subito, a differenza degli altri”, ha aggiunto, ricordando che “il governo Musumeci si regge su un deputato che è stato arrestato”. La Gaipa, ha precisato, “non è un eletto” e “non è un portatore di voti”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Politica0 Comments

AGRIGENTO – L’arresto di La Gaipa, la Procura:”Minacciava di licenziare i dipendenti”

L’indagine “ha per oggetto una duplice estorsione perpetrata dagli indagati (i due fratelli la Gaipa ndr) ai danni di due dipendenti costretti, dietro la minaccia del licenziamento, ad accettare un salario inferiore a quello risultante in busta paga”. E’ quanto dice il Procuratore capo Luigi Patronaggio, che coordina l’inchiesta con il pm Carlo Cinque. “I dipendenti, parti offese del reato – dice – hanno offerto riscontri documentali ed audio alle loro dichiarazioni accusatorie nei confronti degli indagati”. “Il fenomeno delle ‘false buste paga’ – aggiunge Patronaggio – è particolarmente diffuso nell’agrigentino e oggetto di particolare attenzione investigativa da parte dell’Ispettorato del Lavoro oltre che delle forze di polizia”.

“Nei prossimi giorni – annuncia – ci sarà l’interrogatorio di garanzia da parte del gip Stefano Zammuto”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

GELA – Intimidazioni a colpi di pistola contro un portone e in un bar, arrestati due pregiudicati

Identificati e arrestati, in una operazione congiunta di polizia e carabinieri denominata “Far West” gli autori di due atti intimidatori a colpi di pistola compiuti, a pochi minuti l’uno dall’altro, nel centro abitato di Gela, nel pomeriggio del 24 giugno scorso. Si tratta di due pregiudicati gelesi che, all’alba, sono stati raggiunti da ordine di custodia cautelare in carcere, emesso dal gip del tribunale, con l’accusa di minacce, danneggiamento, porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione.

I due agirono in sella a un ciclomotore sparando alcuni colpi di fucile calibro 12 a canne mozze contro il portone di un edificio di via Generale Cascino, abitato dai proprietari di un panificio e di un bar del lungomare. Quindi raggiunsero via Crispi, a circa due km di distanza, dove fecero irruzione in un bar sparando più volte, ad altezza d’uomo, contro il bancone, dietro al quale riuscì a ripararsi la dipendente in servizio, una donna romena rimasta miracolosamente illesa che poi ebbe bisogno delle cure dei medici dell’ospedale perché in stato di choc. 

Postato in CALTANISSETTA, Cronaca, In evidenza0 Comments

DIA – “Vicino a Cosa nostra”: ville, terreni, conti e auto sequestrati a un imprenditore di Carini

Ville, terreni, fabbricati, conti correnti e autovetture per un totale di oltre un milione di euro sono stati confiscati dal centro operativo Dia di Palermo a Giacomo Lo Duca, 64 anni, imprenditore di Carini arrestato nel 2011 nell’operazione ‘Codice Rosso’ con l’accusa di aver intrattenuto rapporti con esponenti della famiglia mafiosa dei Passalacqua.

I pentiti lo indicano come un esattore del pizzo, alcune intercettazioni lo hanno sorpreso mentre partecipava a incontri con mafiosi. Le indagini economico-patrimoniali svolte dagli investigatori hanno permesso di accertare la sproporzione esistente tra il valore delle disponibilità ed i redditi dichiarati dall’imprenditore, “a conferma della sua pericolosità sociale”, sottolinea la Dia.

Il provvedimento di confisca è stato firmato dal nuovo presidente della sezione Misure di prevenzione del tribunale di Palermo, Raffaele Malizia. Il provvedimento segue il sequestro eseguito nel dicembre 2015 e integrato nel marzo 2017.

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO0 Comments

MESSINA – Arresto De Luca, Gip dispone divieto di comunicazione

Il gip di Messina accogliendo l’istanza della procura ha aggravato la misura cautelare degli arresti domiciliari disposta nei confronti del deputato regionale Cateno De Luca vietandogli di comunicare con l’esterno. La decisione segue la pubblicazione dei posti su Facebook da parte del parlamentare dopo l’arresto. De Luca è accusato di associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale. Sabato, i suoi legali, dopo l’interrogatorio di garanzia hanno chiesto al gip, che non si è ancora pronunciato la revoca dei domiciliari

 

Postato in Cronaca, In evidenza, MESSINA0 Comments

RAVANUSA – Approvato il rendiconto di bilancio 2016

Con 9 voti favorevoli, 6 contrari ed un solo astenuto il Consiglio comunale di Ravanusa approva il rendiconto di gestione2016 dell’amministrazione guidata dal Sindaco Carmelo D’Angelo. Conti in ordine e via libera da parte del pubblico consesso che consentirà al Municipio di Ravanusa di incassare i trasferimenti dello Stato e mantenere tutti i servizi e gli investimenti programmati dall’amministrazione . Il rendiconto di bilancio 2016 era già stato esitato dalla giunta municipale nello scorso mese di settembre e dopo il vaglio dei revisori contabili, che hanno espresso il loro parere favorevole , e la nomina di un commissario che si sarebbe sostituito al Consiglio comunale in caso di mancata approvazione , giunge il disco verde che certifica la solidità dei conti del Comune di Ravanusa.  

Postato in AGRIGENTO, Politica0 Comments

AGRIGENTO – Droga, inchiesta “Up&Down”, chiesti 15 rinvii a giudizio

La Procura distrettuale di Palermo, tramite il pubblico ministero Claudio Camilleri, ha chiesto il rinvio a giudizio di 15 indagati nell’ambito dell’inchiesta antidroga cosiddetta “Up e down”, su un presunto traffico di cocaina e hashish dal Belgio alla Sicilia e, in particolare, a Favara e a Porto Empedocle. Si tratta di Gioacchino Alba, 50 anni, di Favara, Alessandro Anello, 37 anni, di Palermo, Andrea Calandra, 37 anni, di Palermo, Domenico Di Paola, 36 anni, di Palermo, Rania El Moussaid, 32 anni, nata a Casablanca in Marocco ma da tempo residente ad Agrigento, Carmelo Fallea, 42 anni, di Favara, Stefano Giaconia, 32 anni, di Palermo, Gianluca Giarratana, 28 anni, di Cammarata, Giuseppe Giarratana, 32 anni, di Cammarata, Vincenzo Giudice, 39 anni, di Palermo, Gaspare Indelicato, 35 anni, di Favara, Calogero Presti, 44 anni, di Favara, Stefano Sacco, 53 anni, di Porto Empedocle, Gaetana Terrana, 35 anni, di Palermo, e Carmelo Vaccaro, 39 anni, di Favara.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

AGRIGENTO – Presunti reati nel trattamento dei dipendenti, arrestato Fabrizio La Gaipa [VD TG]

I poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento, capitanati da Giovanni Minardi, hanno arrestato ai domiciliari l’imprenditore agrigentino Fabrizio La Gaipa, 42 anni, candidato alle elezioni Regionali del 5 novembre con il Movimento 5 Stelle. L’inchiesta è coordinata dal sostituto procuratore Carlo Cinque. Le accuse nei confronti di La Gaipa, titolare di un noto albergo e molto dinamico nel settore turistico, sarebbero mosse da due suoi dipendenti che avrebbero denunciato di aver percepito stipendi diversi e inferiori rispetto a quanto indicato nella loro busta paga. L’ipotesi di reato è estorsione. Altre irregolarità ricorrerebbero nei contratti di lavoro e nelle dichiarazioni al fisco. Le indagini sono state avviate a seguito di alcuni esposti inviati al Procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio. A seguito dei riscontri, è stata applicata la misura cautelare. Nell’ambito della stessa inchiesta è stato coinvolto anche il fratello dell’imprenditore, Salvatore, nei confronti del quale è stato disposto il divieto di dimora ad Agrigento. Il provvedimento per gli arresti domiciliari di La Gaipa è stato firmato dal gip Stefano Zammuto.

Ci sarebbero almeno sei esposti – riporta il quotidiano La Sicilia – all’origine del fascicolo aperto qualche mese fa, presentati da alcuni dipendenti dell’albergo gestito da La Gaipa. Le verifiche della Squadra mobile di Agrigento si sarebbero concentrate sulla regolarità dei contratti di lavoro e sulla corrispondenza fra i compensi dichiarati e quelli realmente percepiti dai lavoratori.  Una registrazione fatta di nascosto da uno dei dipendenti e finito immediatamente sul tavolo del capo della squadra mobile di Agrigento, Giovanni Minardi. Nella confusione di voci ed interventi si fa riferimento a soldi e a buste paga da firmare. I due dipendenti di La Gaipa avevano da tempo denunciato di avere percepito stipendi diversi e molto inferiori rispetto a quanto indicato sulla busta paga.

Fabrizio La Gaipa , giornalista pubblicista e autore di libri, è stato fra l’altro presidente del consorzio turistico “Valle dei Templi”, carica che ha lasciato dopo la scelta  di correre per l’Ars.

La Gaipa alle Regionarie ottiene per un pelo il quinto posto provinciale, l’ultimo utile per ottenere la candidatura all’Ars, con appena 42 voti sul web. Ma in campagna elettorale si fa notare per spigliatezza e capacità oratorie. La sua candidatura alle ultime elezioni regionali non è stata digerita da una parte del M5S. Dopo le Regionarie, sulla chat dei Grilli di Agrigento scoppia il caso. Alla luce di ciò, il Meetup confermando il pieno ed incondizionato appoggio a sostegno del Presidente ed ai candidati della lista, prende le distanze e non riconosce la candidatura di Fabrizio La Gaipa perché mancante dei requisiti di attivista.

Il 5 novembre La Gaipa, candidato nelle liste del Movimento 5 Stelle, è arrivato primo dei non eletti, con 4.357 voti, subito dopo Matteo Mangiacavallo (14 mila voti) e Giovanni Di Caro (5.900 voti). La sua candidatura – come quelle degli altri 5 Stelle in corsa per l’Ars – era stata supportata dai “big” nazionali del Movimento, Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista, in tour ad Agrigento insieme al candidato governatore Giancarlo Cancelleri.

Fabrizio La Gaipa è stato ospite nell’ultima puntata del nostro settimanale “ a tu per tu” per un’analisi e commento sul voto delle ultime regionali.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, Video0 Comments


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

STATISTICHE

Site Info

TRS98