Archive | dicembre 1st, 2017

PALERMO – Droga, madre e figlio arrestati per spaccio

Madre e figlio in manette per spaccio di droga a Palermo. I carabinieri hanno arrestato Anna Maria Fernandez, 69 anni, il figlio della donna, Matteo Megna di 28 anni, Stefano Emanuele 26 anni e Mario Brancatello 51 anni accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In via Passaggio Bernardino Verro a Palermo in casa di Fernandez e Megna i militari hanno trovato 5 chili e 799 grammi di marijuana, 550 grammi di hashish. La marijuana era dentro alcuni borsoni già distribuita in buste da 100 grammi.

I militari hanno anche arrestato Emanuele e Brancatello che stavano cercando di nascondere una busta con 17 grammi di cocaina. In casa sono stati trovati 1239 euro che sono stati sequestrati.

Il giudice ha convalidato l’arresto e disposto per Fernandez e Megna gli arresti domiciliari e per Emanuele e Brancatello l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

 

 

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO0 Comments

AGRIGENTO – Daniela Catalano su bilanci previsione del comune

Mercoledì scorso, la consigliere comunale di Agrigento, Nuccia Palermo, adducendo asseriti dubbi da parte dei revisori dei conti del Comune in riferimento ai bilanci di previsione predisposti dalla giunta, ha invitato la presidente del consiglio comunale, Daniela Catalano, a convocare urgentemente la conferenza dei capigruppo allargata a tutti i consiglieri comunali, all’assessore e al dirigente alle Finanze, al fine di approfondire i temi contabili legati al bilancio. Adesso arriva la  replica della presidente del consiglio comunale, Daniela Catalano, che afferma: “La conferenza dei capigruppo è stata già da me convocata sia il 9 novembre che il 24 novembre scorso, per discutere proprio del bilancio del Comune. Per mancato raggiungimento del numero legale si è già provveduto a riconvocarla per la prossima settimana. Nel frattempo l’ufficio di Presidenza, per accelerare le attività d’aula, ha comunque convocato il Consiglio Comunale ordinario. Inoltre la documentazione sugli atti relativi ai bilanci è già stata ritirata da numerosi colleghi, ivi compresa la stessa Palermo. E numerosi sono stati i confronti con revisori, segretario e dirigente dell’ufficio finanziario. Al momento si rimane in attesa, come da molti anni avviene in questo periodo dell’anno in numerosissimi Comuni siciliani, del documento definitivo prima del deposito del quale non si comprende che tipo di informazione la collega pretenda sia fornita”.

Postato in AGRIGENTO, In evidenza, Politica0 Comments

Maria Iacono su introduzione del Reddito di inclusione

Da oggi venerdì primo dicembre sono presentabili le istanze per ottenere il Rei, il Reddito di inclusione. In proposito interviene la deputata nazionale del Partito Democratico, Maria Iacono, che afferma: “Sono convinta che il Reddito d’Inclusione non risolverà il tema della povertà, ma certamente costituisce una misura importante in quanto avrà il compito di sostenere migliaia di famiglie nel difficile percorso di acquisizione di una cittadinanza piena e dignitosa. Ritengo, altresì, che la difficile battaglia contro la povertà vada condotta su più campi a cominciare proprio dallo stato sociale e dal lavoro”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Dall'Italia, Economia, In evidenza, Politica0 Comments

SICULIANA- In attesa della proroga, è chiusa la discarica

In Sicilia si è in attesa che il ministro all’Ambiente, Galletti, conceda una proroga, l’ennesima, all’emergenza rifiuti nell’Isola. Nel frattempo, nelle more della proroga, insorgono le prime gravi difficoltà. Infatti, la mancante proroga ha provocato la chiusura temporanea della discarica a Siculiana. Dietro front per gli autocompattatori dei 43 Comuni agrigentini. Peraltro, nella stessa discarica in contrada Matarana, gestita dall’impresa Catanzaro, conferiscono anche numerosi Comuni delle province di Enna e Caltanissetta. L’ordinanza di proroga, quando interverrà, consentirà, tra l’altro, di proseguire a utilizzare gli impianti mobili di biostabilizzazione, che permettono di separare in entrata i rifiuti secchi da quelli umidi limitando lo smaltimento in discarica.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca0 Comments

SICILIA – La nuova Assemblea regionale Prima seduta il 15 dicembre

Si terrà venerdì 15 dicembre la prima seduta della nuova Assemblea regionale, venuta fuori dalle elezioni del 5 novembre. Lo stabilisce un decreto del neo eletto presidente della Regione Nello Musumeci, secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, è già stato trasmesso a Palazzo dei Normanni. La seduta avrà inizio alle 10: all’ordine del giorno ci sarà l’elezione del presidente di Sala d’Ercole. Il 6 e 7 dicembre, invece, è prevista l’accoglienza dei deputati eletti al parlamento regionale: verranno espletate tutte le pratiche di rito come la registrazione dei dati e delle foto dei deputati. 

Postato in Politica0 Comments

AGRIGENTO – Estorsioni, La Gaipa: ex dipendenti confermano accuse in aula

Si sono presentati alle 9.30, in perfetto orario, Salvatore e Fabrizio La Gaipa,46 e 42 anni, i fratelli che gestiscono l’Hotel Costazzurra, accusati, e per questo raggiunti dal divieto di dimora ad Agrigento il primo e agli arresti domiciliari il secondo, di estorsioni nei confronti di due ex dipendenti della struttura ricettiva. Accompagnati dagli avvocati di fiducia Galluzzo e Petix i fratelli La Gaipa sono stati ascoltati dal gip Stefano Zammuto nel corso dell’incidente probatorio e , in oltre tre ore di udienza, hanno anche incrociato proprio i due ex lavoratori alle loro dipendenze.

Ivan Italia e Gerlando Montana, assistiti dagli avvocato Maurizio Buggea ed Emanuele Dalli Cardillo (iscritto al meetup Grilli di Agrigento) in qualità di parti offese, hanno confermato in aula le accuse nei confronti di Fabrizio e Salvatore La Gaipa descrivendo come avveniva di fatto il meccanismo della restituzione di parte dello stipendio: una busta paga che formalmente si presentava in regola ma a cui praticamente si doveva decurtare in gran parte e, nel caso di ribellione, la posta in palio era il licenziamento.

Una delle prove su cui verte l’inchiesta è il file audio registrato da uno dei due dipendenti in cui si sente Fabrizio La Gaipa, risultato essere il primo dei non eletti tra le fila del Movimento Cinque Stelle nelle ultime elezioni regionali, discutere di soldi da ritornare indietro. Quel file audio, finito poco dopo sulla scrivania del capo della squadra mobile di Agrigento Minardi, fece scattare l’arresto dei fratelli La Gaipa.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

PORTO EMPEDOCLE – Operazione “CLEO” condotta dalla Guardia Costiera

Si è conclusa con significativi risultati l’Operazione “CLEO” condotta dalla Guardia Costiera di Porto Empedocle, coordinata a livello regionale dalla Direzione Marittima di Palermo, con numerosi controlli sull’attività di pesca, la tracciabilità e l’etichettatura dei prodotti in pescherie, ristoranti, ambulanti, supermercati e mercati ittici.

In diverse attività di controllo della filiera del pescato, condotte nei giorni scorsi dal personale della Capitaneria di porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle, si è accertata la presenza in mare di diversi attrezzi da pesca non consentiti e, pertanto, si è provveduto al successivo sequestro degli stessi.

Nello specifico, durante l’attività in parola condotta nelle acque di giurisdizione, sono stati sequestrati 150 tubi in pvc  annessi a circa 1100m di rete, una rete da posta di 350 m circa e 1 palangaro di 800m circa con 300 ami collegati.

Nel totale, durante l’operazione in parola, sono stati sequestrati 678 kg circa di prodotti ittici privi di tracciabilità nonché elevate sanzioni amministrative pari a 1.500 euro, per ciascuna delle 5 sanzioni amministrative accertate, per la mancanza o incompleta necessaria documentazione attestante la tracciabilità del pescato.

Ad un venditore ambulante di prodotti ittici, oltre al sopracitato illecito amministrativo, è stato contestato il decorso della scadenza della revisione del veicolo; pertanto si è provveduto a redigere verbale amministrativo pari a 167€, con obbligo a carico dello stesso trasgressore di condurre il mezzo verso il primo centro revisioni autoveicoli autorizzato per estinguere il provvedimento in parola annotato sulla carta di circolazione.

Tale operazione rientra nelle vaste attività di controllo, poste in essere dal Comando in intestazione, finalizzate ad esperire capillari controlli per quanto

concerne tutta l’attività della filiera della pesca nonché’ il controllo di tutte quelle attività illecite che possano verificarsi, sia all’interno delle aree portuali, sia lungo tutto il litorale di giurisdizione.

A tal proposito la Capitaneria di Porto di Porto Empedocle informa che nei prossimi giorni saranno espletati ed intensificati ulteriori controlli su tutta la filiera della pesca afferenti al rispetto delle normative vigenti.

operazione-cleo-1

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

PALERMO – “Intascarono i soldi di una fondazione”, Arrestati il prof Nivarra e un avvocato

I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Palermo hanno arrestato per peculato e falso Luca Nivarra, professore ordinario di diritto privato presso l’Università degli Studi di Palermo, e Fabrizio Morabito, avvocato, e sequestrato beni per 160mila euro. Entrambi sono ai domiciliari come disposto dal gip Nicola Aiello.

Nivarra, ordinario di diritto privato ed ex presidente dell’Accademia di Belle arti di Palermo, coinvolto anche nel caso Saguto. E’ accusato di truffa e falso in concorso con l’amministratore giudiziario Walter Virga, che sulla carta lo avrebbe incaricato di svolgere una serie di consulenze legali per la gestione del patrimonio Rappa.

L’indagine, coordinata dalla procura guidata da Francesco Lo Voi, è scaturita dagli esiti di una consulenza tecnica d’ufficio, disposta dal Tribunale Civile di Palermo, nell’ambito di un procedimento promosso dagli eredi di una persona defunta.

Dopo la morte dell’uomo, nel 2004, il Tribunale di Palermo aveva nominato Nivarra amministratore provvisorio di un ingente patrimonio immobiliare che il defunto, con testamento pubblico, aveva destinato alla costituzione di una fondazione a suo nome.

Nell’espletamento del suo incarico, il docente è stato coadiuvato e successivamente (nel marzo 2014) sostituito dall’avvocato Morabito. A settembre del 2014, il Tribunale civile di Palermo ha annullato il testamento pubblico per incapacità di intendere e di volere del testatore, disponendo la devoluzione del patrimonio ai legittimi eredi.

Dalle indagini, è emerso che il docente e il legale, in relazione al loro incarico di amministratori giudiziari dei beni facenti parte dell’eredità, e, quindi, pubblici ufficiali, si sono appropriati di consistenti somme di denaro derivanti dagli incassi dei canoni di locazione degli immobili dell’amministrazione provvisoria, di cui avevano la disponibilità.

Nivarra, nel corso degli anni, ha presentato al Tribunale di Palermo delle relazioni false, con informazioni e dati finanziari relativi alla gestione provvisoria dei beni del defunto non corrispondenti alla realtà, in modo tale da occultare l’ammontare degli importi indebitamente sottratti.

Morabito ha cercato di giustificare gli ammanchi di denaro rilevati dalla consulenza tecnica d’ufficio disposta dal Tribunale di Palermo, sovrastimando l’entità di alcuni crediti vantati dall’amministrazione provvisoria nei confronti di inquilini morosi. Nel 2016 Morabito ha restituito agli eredi del defunto denaro e titoli per oltre 67 mila euro, ritrovati “casualmente”, a suo dire, all’interno di “16 buste” scoperte tra la documentazione relativa alla gestione provvisoria.

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMO0 Comments

RIBERA – Sindaco Pace azzera la giunta e nomina i nuovi assessori

Scontro familiare tra il sindaco Carmelo Pace e lo zio, senatore Peppe Ruvolo. Come è noto, quest’ultimo è stato duro avversario della ricandidatura di Pace, sostenendo la candidatura dell’ex parlamentare Nenè Mangiacavallo. Il risultato elettorale è terminato con la vittoria di Carmelo Pace.

Nella crisi politica che ha colpito la maggioranza e quindi l’Amministrazione Pace, lo zio senatore aveva posto il nipote davanti ad un bivio: o si dimette o lo sfiduciamo.

Una sfida che ricorda quella tra Davide e Golia, il cui finale è noto a tutti. Carmelo Pace ha azzerato la giunta, l’ha riformata nuova di zecca e in più ha ricomposto la maggioranza in Consiglio comunale. Una sua vittoria politica, ma anche personale nei confronti dello zio avversario.

Faranno parte della nuova giunta, Nicola Inglese (AP), Francesco Montalbano e Mimmo Aquè (Sicilia Futura), Maria Teresa Taglialavore, come tecnico. L’azzeramento della giunta ha messo out Alessandro Dinghile, che si era dimesso da consigliere comunale.

FONTE: FILIPPO CARDINALE- CORRIERE DI SCIACCA

Postato in In evidenza, Politica0 Comments

REALMONTE – “Usavano una vettura noleggiata per spacciare”, arrestati conviventi

Avevano escogitato un singolare modus operandi per non farsi notare. Una coppia di Realmonte utilizzava – secondo la ricostruzione ufficiale del comando provinciale dei carabinieri di Agrigento – una vettura a noleggio con conducente per  rifornirsi e successivamente spacciare droga tra i giovani di Realmonte e Siculiana.

I due conviventi si sono, però, imbattuti nei servizi di osservazione di alcuni carabinieri in borghese della compagnia di Agrigento e della stazione dell’Arma di Siculiana, ai quali non è sfuggito lo stratagemma attuato. Dopo alcune settimane di controlli e numerosi servizi con cui i due conviventi sono stati costantemente monitorati, Giovanna Gucciardo e Antonio Terrazzino, quarantenni, sono stati fermati durante una delle scorse notti e controllati. Erano a bordo di un’autovettura noleggiata con conducente.

Nel corso dell’immediata perquisizione, sono saltati fuori – ricostruisce sempre il comando provinciale dell’Arma – vari panetti di hashish del peso di circa mezzo chilo, per un valore di mercato di circa 4.000 euro, un bilancino elettronico di precisione e circa 400 euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di spaccio. Tutto il materiale rinvenuto è stato posto sotto sequestro a disposizione dell’autorità giudiziaria, che ha disposto gli arresti domiciliari per i due conviventi.

 Il blitz attuato rientra nell’ambito di una intensificazione dei controlli disposta dal comando provinciale dei carabinieri di Agrigento.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza0 Comments

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

STATISTICHE

Site Info

TRS98