Tag Archive | "30 anni carcere"

RAVANUSA – Uccise la moglie con quattro colpi di pistola, confermati 30 anni di carcere


La Corte di Cassazione, rigettando il ricorso della difesa, ha confermato la condanna a 30 anni di carcere emessa nei confronti di Luigi Gallo, ritenuto l’autore dell’omicidio dell’ex moglie Giovanna Longo, 60 anni, e del tentato omicidio del suo nuovo compagno. Gallo finì in manette il 25 giugno del 2013 e sarebbe dunque l’autore di un delitto scaturito da motivi di gelosia, omicidio che avvenne nel parcheggio del mercato rionale di Ravanusa. Il compagno dell’ex consorte si salvò grazie alla pronta reazione avuta riuscendo a disarmare Gallo anche con l’aiuto di alcuni vigili urbani presenti in zona ed intervenuti dopo aver sentito gli spari. Il condannato sparò quattro colpi di pistola uccidendo sul posto l’ex moglie e poi cercò di fare lo stesso con Luigi Avarello, 67 anni, reo, agli occhi dell’omicida, di aver allacciato una relazione con la donna dopo che questa si era separata già da due anni dall’ex marito.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

OMICIDIO LORIS – 30 anni di carcere per Veronica Panarello


Veronica Panarello è stata condannata a 30 anni di reclusione per l’uccisione del figlio Loris. La sentenza è del Gup di Ragusa, Andrea Reale. E’ stata emessa a conclusione del processo col rito abbreviato condizionato da una perizia psichiatrica.

La Procura aveva chiesto 30 anni per la donna accusata di avere strangolato il bambino con una fascetta di plastica nella loro casa di Santa Croce Camerina il 29 novembre del 2014 e di averne poi occultato il cadavere gettandolo in un canalone. 

“Abbiamo la coscienza di avere fatto un buon lavoro, non c’è soddisfazione per la condanna ma consapevolezza di avere fatto il nostro dovere”, ha detto il pm Marco Rota.

Veronica ha pianto sommessamente durante la lettura della sentenza. La donna è poi uscita dall’aula accompagnata dal suo legale e dagli agenti di polizia penitenziaria.

“Veronica Panarello ha pianto e continua a piangere: non accetta questa sentenza perché non si ritiene colpevole. Non la può accettare perché continua a dirsi innocente”, ha affermato l’avvocato Francesco Villardita, legale della donna. “Le sentenze non si commentano, né si criticano. Se non si accettano si appellano. E siccome questa non la condividiamo, perché Veronica Panarello continua a proclamarsi innocente, l’appelleremo appena usciranno le motivazioni”.

Il gup Reale ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura per il reato di calunnia, del quale il pm di Ragusa dovrà valutare la sussistenza, e si riferisce alle affermazioni fatte da Veronica Panarello nei confronti del suocero Andrea Stival, che la donna ha accusato dell’omicidio di Loris. Il giudice ha escluso l’aggravante della premeditazione e delle sevizie.

Inoltre, Veronica Panarello non potrà esercitare la “responsabilità genitoriale per la durata della pena principale” nei confronti del figlio più piccolo. Lo prevedono le pene accessorie, compresa “l’interdizione perpetua dai pubblici uffici”. Il Gup ha disposto anche la libertà vigilata per cinque anni e al risarcimento delle parti civili: 350 mila euro complessivi al marito e 100 mila euro ciascuno ai suoceri della donna, Andrea Stival e Pinuccia Aprile.

Postato in Cronaca, In evidenza, RAGUSACommenti (0)


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98