Tag Archive | "aiuto"

IMMIGRAZIONE – Sbarchi senza fine, il sindaco di Agrigento chiede aiuto


Sei sbarchi «fantasma» in neanche 12 ore. Da Licata a Siculiana, passando per la costa di Agrigento, ieri, a partire dall’alba, è stato un continuo «Sos». A lanciarli, alle centrali operative delle forze dell’ordine, residenti ed automobilisti che hanno assistito ai misteriosi approdi e che hanno visto i gruppi di tunisini allontanarsi a gambe levate.

«La Questura e tutte le forze dell’ordine stanno svolgendo un lavoro immane. Ma serve un rafforzamento dei presidi e lunedì invierò una nota al ministro Minniti». Lo ha detto, ieri, il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto, dopo lo sbarco «fantasma» a Cannatello.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

SICILIA – Crocetta chiede aiuto al Capo dello Stato Napolitano


Il presidente è preoccupato e adesso chiede aiuto al Capo dello Stato. Lo stallo della finanziaria, bocciata in larga parte dal commissario dello Stato protrebbe far collassare la Sicilia, colpita nella sua parte più debole. 

“Domani sarò costretto a pubblicare una finanziaria che non mi appartiene, che ripudio, che canta il de profundis al posto di lavoro di migliaia di lavoratori, che uccide la diversabilità e impedisce ai non vedenti di studiare, che butta sul lastrico migliaia di famiglie e impone alla Sicilia una manovra depressiva senza precedenti, che potrà influire sulla tenuta sociale della Regione, che affossa le imprese e influirà negativamente sul rating nazionale e regionale” scrive Crocetta in una nota.

“Faccio appello al Capo dello Stato, affinchè intervenga in questa situazione terribile, perchè si possa trovare una soluzione rapida che permetta alla Sicilia di rilanciare le politiche di sviluppo, di crescita e di solidarietà. Per me domani sarà un giorno di grande tristezza, che trascorrerò pregando per la Sicilia e per il popolo siciliano, perchè non debba più subire violenze cieche e irrazionali. Sono pronto al confronto istituzionale, ma con fermezza, sapendo che in ballo non ci sono i giochetti della politica politicante, ma gli interessi di un intero popolo che ha già subito tante violenze e che oggi viene massacrato”.

“Usciremo dal guado, perché la verità e la giustizia trionfano sempre. Faccio appello ai siciliani di stringersi in questa civile e democratica lotta per la Sicilia, con uno stile quasi gandhiano, quello di un popolo assediato che sa che soltanto attraverso la mobilitazione democratica e non violenta, potrà ottenere quella comprensione istituzionale che è necessaria per risorgere. Nell’ultimo anno abbiamo tagliato sprechi e corruzione, non possiamo pagare in una sola finanziaria un passato di sprechi e di irresponsabilità che ci inseguono. E’ venuto il momento della responsabilità e della coesione regionale, sapendo che ce la faremo. Non ho dubbi”.

“La Sicilia non chiede fondi, elemosine o privilegi allo Stato ma chiede di essere trattata esattamente come tutte le altre Regioni, in un momento in cui sta facendo il più grande sforzo della sua storia nella lotta alla corruzione, tagliando sprechi e risanando i conti: uno sforzo che non ha emuli in Italia”. “Molti non hanno capito nulla e continuano a sparare sentenze contro la Regione siciliana con gli stessi pregiudizi del passato – aggiunge Crocetta – I soliti critici si studino la finanziaria e i tagli che avevamo apportato e poi parlino. E poi ci dicano se dobbiamo chiudere le scuole per i disabili, le aree industriali con la conseguente eliminazione di 2.400 imprese e i teatri che nelle altre Regioni vengono sostenuti dallo Stato. Sono pronto a un confronto pubblico con chiunque”. Per il governatore il caso Sicilia “sta in norme dello Stato che non vengono applicate nelle altre Regioni perché la decisione non è riservata a organismi tecnici”.

“In Piemonte c’è un buco di 10 miliardi di euro ma nessuno chiede alla Regione di recuperare in una sola manovra finanziaria queste risorse. Alla Sicilia, invece, viene chiesto di farlo. Sulla questione dei residui attivi pregressi chiediamo di essere trattati esattamente come tutte le altre Regioni, spalmando il debito su più esercizi finanziari evitando così il massacro sociale e la politica depressiva che distruggerebbe l’economia della Sicilia, con ripercussioni a livello nazionale”.

“Chiediamo la possibilità di portare avanti una politica rigorosa di spending review senza causare problemi sociali spaventosi che determinerebbero la fine del patto di coesione sociale che ci deve essere tra istituzioni e cittadini – aggiunge Crocetta – Il mio governo si è insediato da un anno, vogliamo la possibilità di potere continuare l’opera di risanamento necessario per l’intero mandato. Questa è la partita, spero che tutti se ne rendano conto”.

Postato in Cronaca, Economia, In evidenza, PoliticaCommenti (0)


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

novembre: 2017
L M M G V S D
« Ott    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

STATISTICHE

Site Info

TRS98