Tag Archive | "Angelino Alfano"

Angelino Alfano annuncia di non volersi ricandidare


Ospite di Bruno Vespa a “Porta a porta”, il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, ha annunciato che non si candiderà alle prossime elezioni Politiche e non sarà nemmeno ministro. Alfano ha aggiunto: “Lascio il Parlamento, non la politica”. Nel frattempo il suo partito, Alternativa Popolare, è diviso tra coloro che pressano per un’alleanza stabile e politica con il Partito Democratico, e altri invece che intendono invertire la barra del timone verso il centrodestra, con attenzione particolare verso i progetti di Stefano Parisi, leader di Epi, Energie per l’Italia.

Postato in AGRIGENTO, Dall'Italia, In evidenza, PoliticaCommenti (0)

VERSO LE REGIONALI – “Ticket Micari-La Via è un’ottima scelta”


“Sono molto felice che il professore Micari abbia indicato Giovanni La Via come vice presidente della Regione siciliana”. L’annuncio che già era nell’aria è arrivato dal leader di Ap, Angelino Alfano, in conferenza stampa a Palermo, alla presenza di Fabrizio Micari e dell’eurodeputato Giovanni La Via.

“Quella di Micari è la scelta migliore contro i 5stelle: la competenza contro il dilettantismo. Micari è l’unica vera novità contro il dejà vu, gli altri due (Cancelleri e Musumeci) sono gli stessi sconfitti cinque anni fa”, ha detto Alfano che ha poi coniato lo slogan “MicariLaVia giusta…”.

“Il mio impegno è di non consegnare la Sicilia a Salvini – ha continuato il leader di Ap -, è stato lui a scegliere il candidato del centrodestra e io non dimentico che Salvini voleva fare bus separati per i terroni”.

All’incontro con la stampa erano presenti anche il sottosegretario e coordinatore in Sicilia di Ap, Giuseppe Castiglione, il responsabile dell’organizzazione di Ap Dore Misuraca, il presidente dei centristi per l’Europa Gianpiero D’Alia, il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, l’eurodeputato Giovanni La Via.

“Micari è un moderato, un amministratore capace. E’ il punto di equilibrio di una coalizione ampia, è il candidato ideale”, ha commentato il presidente dei Centristi per l’Europa, Gianpiero D’Alia.

Postato in In evidenza, PALERMO, PoliticaCommenti (0)

SICILIA – Alfano: “Alle Regionali un nostro candidato Presidente”


Il ministro degli Esteri e leader di Alternativa Popolare, Angelino Alfano, inaugurando a Giardini Naxos la settima edizione della Summer School, organizzata dalla fondazione “Costruiamo il futuro”, si è soffermato anche sulle prossime elezioni Regionali in Sicilia, e, tra l’altro, ha affermato: “Per le Regionali noi presenteremo un programma a Taormina. Ascolteremo l’opinione delle altre forze politiche. Avvieremo consultazioni sul nostro programma. Chi lo condividerà sarà nostro alleato. Ovviamente forniremo un candidato presidente”. Poi, riferendosi ad un possibile accordo in Sicilia con Forza Italia, Alfano ha spiegato: “Noi partiamo dal programma e vogliamo che sul programma di rilancio della Sicilia si trovi la convergenza. È chiaro che riteniamo di avere energie e forze per esprimere una nostra candidatura a presidente della Regione. Non faccio il nome per non bruciarlo. Durante le consultazioni, che faremo con le altre forze politiche, vedremo se emergerà su una rosa di nostri nomi una possibile convergenza”.

Postato in In evidenza, PoliticaCommenti (0)

Nasce ” Alternativa Popolare” , via il Ncd


Il Nuovo Centrodestra si scioglie e al suo posto nasce Alternativa popolare. La decisione è stata presa all’Assemblea nazionale di Ncd organizzata a Roma.

“Oggi è impossibile innovare il centrodestra” e “mentre un pezzo fondamentale, FI, ha deciso di allearsi con i lepenisti, la nostra scelta è quella del popolarismo europeo”. Lo ha detto Alfano, all’Assemblea nazionale di Ncd che ne sancisce lo scioglimento. Nasce Alternativa Popolare, annuncia Alfano.”Siamo alternativi ai lepenisti, alla sinistra dell’indietro tutta, a chi ha in mente solo la ruspa”,afferma. Ma “non significa che viriamo a sinistra”, “vogliamo far risalire un ceto medio impoverito o impaurito”. Lancia le primarie “non solo per scegliere il premier, ma anche i parlamentari”. E al voto “andremmo da soli”.

alternativa-popolare2

“Contrapposti ai populisti dei 5Stelle e ai lepenisti italiani alla Salvini, alternativi alla sinistra. Con Alternativa popolare facciamo un ulteriore passo avanti come forza responsabile di centro, popolari e moderati capaci di dare risposte vere e concrete al futuro di questo Paese, partendo dai territori e dai giovani.
Abbiamo la responsabilità di portare avanti il percorso intrapreso, sapendo che solo attraverso la tenacia, l’ascolto, il lavoro e l’impegno sapremo offrire un’alternativa reale di vita, merito e sviluppo ai nostri giovani e alle nostre comunità. I populisti urlano. Noi al centro lavoriamo”. Lo dichiara Nino Bosco, a margine dell’assemblea nazionale Ncd.

 

Postato in Dall'Italia, Eventi, In evidenza, PoliticaCommenti (0)

GOVERNO GENTILONI – L’agrigentino Alfano dal Ministero agli Interni agli Esteri


Tra le novità del nuovo Governo Gentiloni quella che riguarda anche l’agrigentino Angelino Alfano che è il nuovo ministro degli Esteri e alla cooperazione internazionale.

Alfano, già ministro degli Interni con Renzi, è stato titolare del dicastero della Giustizia con Berlusconi e dal 2013 al 2014 ministro dell’Interno e vice preisdente del Consiglio nel Governo Letta. Dal 2013 ha dovuto fronteggiare la complicata gestione del capitolo immigrazione.

 Uscito dal Viminale, adesso per lui si aprono le porte della Farnesina

 

Postato in AGRIGENTO, Dall'Italia, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

AGRIGENTO – Teatro antico, primi passi della campagna di scavi [Vd Tg]


Gli scavi archeologici che partono nella Valle dei Templi oggi e che comprenderanno anche l’area del tempio romano dureranno circa due mesi. Si tratta di una campagna finanziata con i fondi del Pon Cultura 2014/2020. A renderlo noto è stato il direttore del Parco archeologico Giuseppe Parello. Gli scavi nell’area Sud dell’agorà del tempio romano saranno coordinati appunto dal Parco archeologico di Agrigento, che è diretto da Giuseppe Parello, e dallo staff tecnico scientifico dell’unità operativa archeologica guidata da Carmelo Bennardo e composta dalle archeologhe Valentina Caminneci, Maria Concetta Parello e Maria Serena Rizzo. La direzione scientifica sarà condivisa con il Politecnico di Bari, la cui equipe è diretta dall’architetto Monica Livadiotti e dall’archeologo Luigi Caliò, oggi docente all’università di Catania.

«La Sicilia, io ne sono convinto dentro il mio cuore prima ancora che dentro la mia testa, può essere per l’Europa ciò che la Florida è per gli Stati Uniti d’America con un di più di beni culturali e con un di più di storia che noi mettiamo a disposizione non solo dell’Europa, ma di tutto il mondo». Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano giunto a Casa Sanfilippo, nella Valle dei Templi , per illustrare – assieme ai dirigenti del Parco archeologico ed ai rappresentanti del Politecnico di Bari e dell’università di Catania – i dettagli della nuova campagna di scavi che potrebbe portare alla luce il teatro dell’antica Akragas. “Per fare questo – ha aggiunto il ministro – noi dobbiamo migliorare una serie di performance dal punto di vista della ricettività e dal punto di vista degli investimenti. E’ il momento storico giusto perché è cambiata la narrativa sulla Sicilia. Secondo voi, nella Colombia, ai tempi di Pablo Escobar, era possibile incentivare il turismo? Era impossibile». Per Alfano: «E così nei tempi delle bombe in Sicilia e della mafia che appariva vincente, sarebbe stato possibile fare una narrativa con una Sicilia dello sviluppo e del rilancio? Con questa mafia che lo Stato ha messo in ginocchio, anche se non ha battuto definitivamente, e con questa idea che il bene in Sicilia sta prevalendo sul male, è possibile costruire una nuova narrativa della Sicilia capace di attrarre i turisti e di trasformare la Sicilia nella Florida d’Europa». “La Sicilia – ha concluso – ha un turismo che cresce dieci volte in più rispetto alla media di crescita nazionale del Paese».

 

Ha seguito per noi i lavori, Sergio Rizzo. Immagini e interviste nel Tg 98 di oggi lunedi 10 ottobre 2016 a partire dalle ore 14.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, VideoCommenti (0)

AGRIGENTO – Il ministro Alfano inaugura una campagna di scavi


Partirà lunedì prossimo la campagna di scavo nella zona meridionale dell’Agorà superiore della città di Akragas ad Agrigento, alla ricerca del teatro. Ad inaugurare i lavori, alle 11 nella Valle dei templi, saranno il ministro dell’Interno Angelino Alfano e l’assessore regionale ai Beni Culturali Carlo Vermiglio, insieme ai vertici del Parco, alle autorità locali e ai rappresentanti del Politecnico di Bari e dell’università di Catania.

I lavori sono seguiti dal Politecnico di Bari che da alcuni anni ha avviato un estensiva ricerca nell’area in cui doveva svilupparsi l’agorà di età ellenistica ed il foro di età romana con la direzione congiunta ed il coordinamento del Parco di Agrigento. I recenti interventi hanno portato all’individuazione di una struttura ad andamento semicircolare lungo il margine meridionale dell’area dell’agorà, raffrontabile ad un edificio di tipo teatrale.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

Angelino Alfano apre a Forza Italia ma senza Salvini


Dalla convention di Giardini Naxos, il leader di Ncd e Ministro dell’interno, Angelino Alfano, rilancia il progetto della “casa dei moderati” aprendo a Forza Italia ma chiudendo le porte agli estremismi di Salvini. “Un partito liberal-popolare con primarie per individuare un nuovo leader”. Un cammino comune con gli “azzurri” di Berlusconi che potrebbe essere testato in Sicilia.

 

Postato in Dall'Italia, PoliticaCommenti (1)

“Durissima reazione contro i piromani”


“Se ieri il disastro ambientale in Sicilia ha risparmiato le persone evitando morti è perché il sistema di coordinamento ha funzionato”. Riesce a trovare un lato positivo all’emergenza incendi che ha colpito la Sicilia il ministro degli Interni, Angelino Alfano, a conclusione di una riunione tecnica in Prefettura a Palermo.

“L’autocombustione è una pista suggestiva, la reazione sarà durissima, faremo di tutto per accettare eventuali responsabilità – ha continuato il ministro -. La polizia e i carabinieri hanno mandato le informative alle Procura di Termini Imerese e di Palermo per trovare gli eventuali responsabili. Darò tutti i mezzi a polizia e carabinieri per raggiungere l’obbiettivo di assicurare i responsabili”.

“Dobbiamo essere onesti, ci attende un’estate di fatica, ma siamo pronti a rafforzare la nostra presenza – ha aggiunto -. L’importante è che adesso la situazione è sotto controllo. Ci sono in corso ancora 184 interventi dei vigili del fuoco a fronte di 300-400 focolai che sono divampati in Sicilia, con circa 80 centri colpiti”.

Per fare la valutazione dei danni causati dagli incendi Alfano ha chiesto al prefetto di Palermo di organizzare una riunione col governo della Regione e con i comuni per fare il punto della situazione “e – dice il ministro – per dividerci i compiti”.

L’eventuale adozione delle misure per lo stato di calamità con danni all’ambiente e alle cose “non dipende in modo unilaterale dalla volontà del governo nazionale, ma sarà la Regione a valutare”.

Poi un accenno alla prevenzione. “Dobbiamo utilizzare le tecnologie per controllare i luoghi. Abbiamo bisogno di mezzi ma dobbiamo investire di più sulle tecnologie satellitari per controllare il territorio”. 

Postato in Cronaca, In evidenza, PALERMOCommenti (0)

LICATA – Il Ministro Alfano:”Il Sindaco Cambiano sarà scortato”.[VIDEO]


Il Ministro dell’Interno Angelino Alfano è arrivato a Licata in elicottero su un aviopista presente nei pressi della strada statale 115.

Alfano: “Finito il tempo dei politici che coccolavano gli abusivi”. “Lo Stato c’è, è forte e fa rispettare le proprie regole. Abbiamo avuto proteste perché una squadra, composta dalla Procura della Repubblica, dal Comune di Licata, dalla Prefettura di Agrigento, ha semplicemente preteso che delle sentenze fossero eseguite. E noi siamo qui per ribadire che le sentenze si rispettano e si eseguono”. Esordisce così il ministro dell’Interno Angelino Alfano, al suo arrivo al Municipio di Licata. “Siamo qui a ribadire una cosa molto importante – dice Alfano – cioè che per il futuro se non avvengono queste demolizioni, ci saranno altre case abusive. E che è finito il tempo della politica che coccolava gli abusivi per avere qualche migliaio di voti. Oggi è giunto il tempo della politica e delle istituzioni che fanno rispettare le leggi, puntando al consenso democratico di tutti quei cittadini che, onestamente, per fare una cosa chiedono il permesso”. “Proporrò una scorta al sindaco e una vigilanza ai luoghi della sua vita perché la scelta di amministrare una città, non significa fare un scelta dell’eroismo – ha continuato Alfano – La paura è un sentimento naturale e lo Stato deve intervenire per sottrarre paura a chi ce l’ha avendo avuto il consenso del popolo per governare un terra splendida e difficile come questa”. Ma al suo arrivo il mninistro ha dovuto anche affrontare le contestazioni. In molti hanno gridato “vergogna, vergogna”. intanto stamattina è stata abbattuta un’altra costruzione abusiva.

VIDEO DA LICATANEWS A CURA DI GIUSEPPE CELLURA

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenza, VideoCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

STUDIO 98 PROMO

STASERA IN TV

Calendario

febbraio: 2018
L M M G V S D
« Gen    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728  

STATISTICHE

Site Info

TRS98