Tag Archive | "arrestato tunisino"

RACALMUTO – Ubriaco minaccia ex moglie con coltello,arrestato tunisino


Ruba il coltello – con una lama da 27 centimetri – ad un pescivendolo che è posteggiato in piazza del Carmelo. Si precipita in via Sacerdote Romano, a Racalmuto, sfonda a pedate ed a spallate la porta-finestra dove vive l’ormai ex moglie e, brandendo in aria il coltellaccio, la minaccia.

E’ a pochi passi da piazza del Carmelo che accorrono i carabinieri. Militari che provano a fermare l’uomo che, ubriaco, era praticamente fuori di se. Senza non poca fatica, i carabinieri riescono a disarmare il tunisino di 43 anni e ad arrestarlo.

Sia il tunisino che uno dei carabinieri, rimasti feriti, vengono accompagnati al pronto soccorso dell’ospedale “Barone Lombardo” di Canicattì. Il tunisino, G. A., tagliuzzatosi con il vetro della porta finestra che ha infranto, ha avuto diagnosticata una prognosi di 7 giorni. Cinque, invece, i giorni di prognosi per il carabiniere.

Il tunisino, praticamente una “vecchia conoscenza” degli investigatori, è stato arrestato per le ipotesi di reato di furto aggravato, danneggiamento, violazione di domicilio, resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo era già finito nei guai, lo scorso anno, per aver picchiato, in mezzo alla strada, la figlia quindicenne.

 

Postato in Cronaca, In evidenza, RACALMUTOCommenti (0)

CANICATTI’ – Arrestato tunisino per maltrattamenti e lesioni


A Canicattì, i Carabinieri, allarmati nottetempo al 112, sono intervenuti su richiesta di una donna di 56 anni, perché il convivente, ubriaco, inveiva contro di lei minacciandola con un coltello. Il convivente, Ben Dhafer Wassim, 29 anni, originario della Tunisia, ha colpito a pugni in faccia la donna e poi si è scagliato contro i Carabinieri. La 56enne è stata soccorsa in ospedale con 7 giorni di prognosi. Il tunisino è recluso in carcere. L’ arresto è stato convalidato dall’ autorità giudiziaria.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, In evidenzaCommenti (0)

PALMA DI MONTECHIARO – Tenta di scardinare la porta di un’abitazione, arrestato tunisino


Nella serata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Palma di Montechiaro hanno arrestato in flagranza di reato:BEN MEFTAH ZIED, classe 1989, cittadino tunisino senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato, poiché ritenuto responsabile del reato di tentato furto in abitazione.

In particolare i Militari della Stazione intervenivano tempestivamente in via Gino Selici al civico 10, nel centro abitato della Città del Gattopardo, in seguito ad una segnalazione telefonica di un vicino di casa, dove sorprendevano e bloccavano il 26enne tunisino il quale, dopo un primo tentativo di scardinare la porta di un’abitazione, cercava di entrare all’  interno della casa rompendo una finestra.

Alla vista dei militari il disoccupato tunisino tentava di darsi alla fuga, venendo però raggiunto ed ammanettato.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

AGRIGENTO – “Ruba un portafogli e scappa”, arrestato tunisino


Prende il portafogli di un uomo di Campofranco e scappa, a gambe levate, dal sottopassaggio fra il viale della Vittoria e piazza Marconi. La vittima del furto con destrezza denuncia tutto alla polizia di Stato e gli agenti della sezione Volanti, neanche 24 ore dopo, riescono ad identificare e a far scattare un fermo di polizia giudiziaria per il presunto artefice. Un giovane, figlio di immigrati che vivono in città da oltre 25 anni, che ha però subito restituito la somma che era custodita nel portafogli, all’interno del quale aveva 200 euro. La vittima ha subito denunciato tutto fornendo l’identikit anche il nome di colui che lo aveva derubato. Quando gli agenti sono piombati in casa del tunisino, quest’ultimo ha ammesso il furto e restituito i 170 euro che ancora aveva con se. Dopo le formalità di rito, il tunisino è stato trasferito alla casa circondariale di contrada Petrusa ad Agrigento.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

RACALMUTO – Picchia la figlia 15 enne: arrestato tunisino


Ubriaco prende a schiaffi e calci la figlia di 15 anni che stava passeggiando in piazza con un’amica e all’arrivo dei Carabinieri, invece di desistere dall’azione che stava compiendo si scaglia contro di loro iniziando a colpirli con violenza. Protagonista di questo episodio avvenuto domenica sera nella piazza centrale di Racalmuto un tunisino da tempo residente nella città di Sciascia. Tutto ha avuto inizio poco prima delle ore 21 nella piazza principale del paese. L’uomo, ha notato la figlia che passeggiava insieme ad una amica ed a questo punto si è scagliato contro di lei. Prima gli schiaffi, poi quando la quindicenne è finita a terra anche calci e pugni. Sfogata la sua ira contro la figlia si è scagliato contro l’amica strattonandola. La ragazza, anche lei minorenne, ha iniziato ad urlare attirando l’attenzione di una pattuglia dei carabinieri che si trovava in zona. Udite le urla i militari  sono intervenuti ma l’uomo che era completamente ubriaco nonostante i tentativi dei carabinieri di calmarlo si è scagliato contro di loro iniziando a sua volta a colpirli. Dopo una decina di minuti, alla fine, i militari senza usare metodi violenti sono riusciti a bloccare l’uomo e a condurlo in caserma. Per lui scattava l’arresto con le accuse di maltrattamenti in famiglia, oltraggio, violenza e resistenza a pubblico ufficiale. La figlia dell’uomo, l’amica, e i carabinieri hanno fatto ricorso alle cure dei medici per le contusioni riportate che sono state giudicate guaribili in pochi giorni.

Postato in Cronaca, RACALMUTOCommenti (0)

PALMA DI MONTECHIARO – Arrestato giovane tunisino sorpreso a rubare in un’abitazione


I poliziotti del Commissariato di pubblica sicurezza di Palma di Montechiaro, hanno arrestato Akram Derbali, 21 anni, tunisino, per furto in abitazione. A seguito di una seganalzione al centralino del 113 di un furto in atto nella centralissima  via Marconi. Una pattuglia,interveniva sul posto, dove notava nell’immediatezza, la finestra del piano terreno forzata con i vetri infranti. Entrati all’interno dell’abitazione, a mezzo di torcia gli agenti ispezionavano dapprima il piano terreno con esito negativo, e successivamente salivano al piano superiore, sorprendendo il giovane
nordafricano, al buio, nascosto immobile sotto il tavolo della cucina.
Gli agenti ispezionavano  l’appartamento le cui stanze erano state messe a soqquadro e notavano diverse scatolette contenenti preziosi vari, svuotate del loro contenuto, che veniva raccolto sul letto pronto per essere trafugato. 

Mentre all’interno di una custodia porta documenti sempre in possesso all’arrestato gli uomini in divisa rinvenivano una modica quantità di sostanza stupefacente del tipo hashish avente peso 0.20 grammi. Della quale se ne dichiarava proprietario ed assuntore, per cui veniva segnalato alla Prefettura di Agrigento.

Postato in CronacaCommenti (0)

SCIACCA – Arrestato tunisino per possesso e spaccio di droga


Nel corso di un servizio di contrasto al traffico di sostanze stupefacenti, nella serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sciacca hanno tratto in arresto ai domiciliari Derbali Ward, diciannovenne tunisino, incensurato, per possesso ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Le manette sono scattate al termine di un servizio di pedinamento ed osservazione da parte dei Carabinieri. Il predetto è stato sorpreso presso la sua dimora sita in un vicolo del centro storico saccense e sottoposto a perquisizione personale poi estesa al domicilio. I militari operanti hanno così rinvenuto, celato all’interno di una lavatrice, un pacchetto di sigarette contenente 20 dosi di hashish del peso complessivo di 16 g, pronte per l’immissione nel mercato locale.

 

Postato in CronacaCommenti (0)

CANICATTI’ – Aggredisce una prostituta: tunisino in manette


Brutto sabato sera per una giovane prostituta di origini sudamericane aggredita da un tunisino, pregiudicato e residente in città, che ha cercato con le brutte maniere di approfittare della donna all’interno dell’appartamento utilizzato come alcova.
I fatti si sono verificati attorno alle 23 di sabato sera in via Monforte, una stradina nei pressi di Largo Castello. Il trentenne tunisino ha bussato alla porta dell’abitazione dove si trovava la prostituta con l’intenzione di trascorrere alcuni momenti di intimità insieme alla donna. Una volta all’interno dell’appartamento però qualcosa non è andata come previsto e per la ragazza quello che sembrava essere un normale incontro si è trasformato in un vero e proprio incubo.
Il tunisino infatti avrebbe in un primo momento minacciato la giovane cercando di obbligarla ad avere un rapporto sessuale senza pagare e successivamente, al rifiuto della prostituta, avrebbe cercato di aggredirla. La donna, che si trovava in casa da sola, è riuscita nonostante lo spavento e la situazione di pericolo a chiamare i soccorsi allertando attraverso il telefono cellulare i Carabinieri della locale Compagnia. Sul posto immediatamente è giunta una gazzella con due Carabinieri che sono riusciti a fermare il tunisino, trovato ancora all’interno dell’abitazione della prostituta.
Il trentenne pregiudicato è stato immobilizzato ed ammanettato e successivamente trasferito presso la caserma dei Carabinieri di contrada Carlino. Per il tunisino, dopo le formalità di rito, sono stati disposti dall’Autorità Giudiziaria gli arresti domiciliari presso la propria abitazione con l’accusa di minacce e tentata violenza privata. La giovane prostituta invece nei concitati momenti che hanno caratterizzato la sicuramente sgradita visita del tunisino non ha fortunatamente riportato alcuna conseguenza fisica.

Postato in CronacaCommenti (0)

SCIACCA – Arrestato giovane tunisino con 200 grammi di hashish


A Sciacca i Carabinieri hanno arrestato ai domiciliari Mcharek Amor Moutia, 18 anni, originario della Tunisia, sorpreso nei pressi della propria abitazione, in via Fratelli Argento, in possesso di 200 grammi di hashish, divisi in 2 panetti, in un sacchetto di plastica.

Postato in CronacaCommenti (0)

NARO – Un arresto dei carabinieri per spaccio di stupefacenti


I carabinieri della Stazione di Naro,  hanno arrestato ai domiciliari, in flagranza di reato Zouhaier Knis, 20 anni, tunisino, del luogo, perché si è reso responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto di armi od oggetti atti ad offendere. In particolare a seguito di una perquisizione personale e domiciliare eseguita presso l’abitazione del giovane, è stato trovato in possesso di 22 dosi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” del peso complessivo di 38 grammi e di un coltello di genere vietato.

Postato in CronacaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

aprile: 2017
L M M G V S D
« Mar    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98