Tag Archive | "Montevago"

MONTEVAGO – Calcestruzzi Belice in ripresa, i lavoratori pronti a gestirla


Gli 11 operai della Calcestruzzi Belice di Montevago (Ag) vogliono gestire in proprio l’impresa confiscata ai mafiosi riunendosi in cooperativa.

La proposta è già al vaglio del ministero dell’Interno, scrive il Giornale di Sicilia. L’azienda, che ha come oggetto la produzione di calcestruzzo preconfezionato, è sotto la competenza dell’Agenzia nazionale per i beni confiscati che potrebbe cederla ai dipendenti così come è stato fatto alcuni anni fa per la Calcestruzzi Ericina di Trapani.

Da luglio a dicembre 2017, la Calcestruzzi Belice ha ripreso l’attività a pieno ritmo dopo la sospensione forzata per una sentenza di fallimento che era stata decisa in gennaio dal Tribunale di Sciacca, poi ribaltata in appello.

 

 

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, In evidenzaCommenti (0)

MONTEVAGO – Riapre la Calcestruzzi Belice, incubo finito per 11 lavoratori


Giornata importante per la Calcestruzzi Belice. Di buon mattino – –  l’azienda ha riaperto i cancelli ospitando di fatto 11 lavoratori. L’incubo è finito e si ricomincia a lavorare. Gli operatori sono stati messi in servizio, dopo che gli stessi erano stati licenziati. Non si sono mai arresi, presidiando l’azienda che  aveva dichiarato il fallimento.

L’idea è quella di affidare ad una cooperativa il persona, intanto i lavoratori di buon mattino si sono messi a disposizione, esultando per la riapertura di una struttura importante, infatti l’azienda di Montevago è controllata dall’agenzia nazione per i beni sequestrati e confiscati.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

MONTEVAGO – Riaprirà a luglio la “Calcestruzzi Belice”, oeprai tornano al lavoro


Finalmente ci siamo. La Calcestruzzi Belice, l’azienda confiscata alla mafia e che era stata dichiarata fallita dal Tribunale di Sciacca per un debito di soli 30 mila euro, dopo mesi di lotte e interventi da ogni parte e con la sentenza di Appello che ha annullato quella di primo grado, riaprirà i battenti a luglio. E’ quanto si apprende dopo la riunione che si è svolta al Ministero dell’Interno per formalizzare l’accordo tra le parti.
L’incontro era stato promosso dal vice ministro degli Interni, Filippo Bubbico, con il prefetto Ennio Mario Sodano, direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. La Calcestruzzi Belice conta attualmente 11 operai che così dopo mesi di amarezze e varie vicissitudini potranno tornare al lavoro.

 

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, In evidenzaCommenti (0)

MONTEVAGO – La soddisfazione della CGIL e della FILLEA per la sentenza su Calcestruzzi Belice


La sentenza con la quale la Corte di Appello di Palermo ha revocato la decisione del Tribunale di Sciacca che aveva dichiarato il fallimento della “Calcestruzzi Belice” e di condannare alle spese legali la ricorrente ENI, non può che renderci felici.

Le nostre Organizzazioni hanno attivato da subito tutti gli strumenti a disposizione per sollecitare,  ad ogni livello, questa soluzione dichiarano i due segretari Massimo Raso e Vito Baglio.

Desideriamo dare merito pubblicamente innanzitutto agli 11 Lavoratori che con combattività e spirito di sacrificio hanno difeso e presidiato l’Azienda in tutto questo tempo ed hanno manifestato riuscendo a tenere accesi i riflettori sulla loro condizione; la CGIL Nazionale con Susanna Camusso ed i Dirigenti della CGIL Nazionale Luciano Silvestri e Giuseppe Massafra; la FILLEA Nazionale con Graziano Gorla e Antonio Riolo, quella Regionale con Franco Tarantino; la CGIL Siciliana con Mimma Argurio; le Istituzioni Cittadine con in testa il Sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo, Sindaci del Belice, il Consiglio Comunale di Montevago; la Chiesa del Cardinale Franco Montenegro e quella  di Montevago di Padre Emanuele; l’Associazione LIBERA di Don Ciotti e i Lavoratori della Coop. Calcestruzzi Ericina; i Parlamentari Capodicasa, Iacono, Mattiello, Moscatt; il Sottosegretario Bubbico fino ad arrivare a quanti hanno espresso la loro solidarietà nei social, nelle fiaccolate, con il concerto dell’Istituto Toscanini di Ribera.

Tanta attenzione e tanta solidarietà di cui Vi siamo grati.

Ma la battaglia non è finita. Adesso si deve riattivare il lavoro, cosa non facile dopo mesi di inattività e dopo che, assai incautamente, sono state operate scelte discutibili da parte dell’ANBCS in merito ai rapporti con clienti e banche.

Come CGIL e FILLEA chiederemo subito la riconvocazione al tavolo del Ministero per avviare il confronto con i nuovi vertici dell’ANBCS che abbia  come oggetto il riavvio del lavoro e che affronti il tema di come arrivare alla fine delle gestioni commissariali dell’Azienda.

Continuerà come prima il nostro impegno e la nostra vigilanza affinché, adesso, dopo questo bel risultato, possa davvero essere restituita la serenità a questi Lavoratori ed alle loro Famiglie ed anche a quegli ex Lavoratori  che da troppo tempo attendono il saldo delle loro spettanze.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, In evidenzaCommenti (0)

MONTEVAGO – 11 licenziati alla Calcestruzzi Belice


A Montevago, in provincia di Agrigento, hanno ricevuto il preavviso di licenziamento gli 11 dipendenti della Calcestruzzi Belice Srl, un tempo di proprietà dell’imprenditore di Partanna, Rosario Cascio, condannato per associazione mafiosa. La società da anni è confiscata e tuttora è gestita dall’agenzia nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati alla criminalità organizzata. Lo scorso 29 dicembre il tribunale di Sciacca ha dichiarato il fallimento dell’impresa, accogliendo l’istanza dell’Eni Spa, creditrice per 30 mila euro circa. La sindaca di Montevago, Margherita La Rocca Ruvolo, deputata regionale Udc, protesta e afferma : “La Calcestruzzi Belice è un’azienda sana, che ha un volume d’affari superiore al milione e duecentomila euro l’anno, non è possibile che l’agenzia per i beni confiscati non trovi una soluzione, lasciando undici padri di famiglia in mezzo la strada”. E il sindacalista Vito Baglio, segretario provinciale della Fillea Cgil, aggiunge : “È un provvedimento assurdo. La lotta alla mafia si fa incrementando i posti lavoro, non togliendo il lavoro a chi ce l’ha”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Economia, In evidenzaCommenti (0)

MONTEVAGO – Agricoltore condannato a 3 anni di carcere per droga


Un agricoltore di Montevago, Calogero Alagna, 39 anni, è stato condannato, col rito abbreviato, a tre anni di reclusione. Alagna era accusato di aver coltivato canapa indiana in un terreno di proprietà demaniale sito in contrada Mastragostino. La scoperta della piantagione fu fatta dai carabinieri nel settembre del 2015 che rinvennero circa 200 piantine che a fioritura ultimanta avrebbero fruttato qualcosa come 300 mila euro.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

MONTEVAGO – Furto d’acqua, condannata donna 40 enne


Il Tribunale di Sciacca ha condannato una donna di Montevago di 40 anni di età ad 1 anno di reclusione e 200 euro di multa, con sospensione condizionale della pena. La donna è stata imputata di avere effettuato, nel 2013, un allaccio abusivo alla rete idrica, conducendo abusivamente l’ acqua alla propria abitazione.

Postato in AGRIGENTO, CronacaCommenti (0)

MONTEVAGO – Il Baglio Ingoglia “risplende” e diventa antiquarium: inaugurazione il 5 agosto


Dopo il recente restauro, sarà inaugurato il 5 agosto prossimo il Baglio Ingoglia nel cuore della vecchia Montevago: ospiterà un antiquarium come luogo di raccolta dei reperti rappresentativi della civiltà del paese, con sale per esposizioni artistiche, rappresentazioni teatrali, incontri culturali. Nell’occasione sarà inaugurata, alla presenza del cardinale Francesco Montenegro, la prima mostra di pittura di vari artisti locali. “Sarà un momento importante per Montevago e per l’intero territorio belicino”, ha detto il sindaco di Montevago Margherita La Rocca Ruvolo ieri a margine di un sopralluogo operativo con tecnici e artisti in vista dell’inaugurazione.

BAGLIO INGOGLIA1

“Attraverso il recupero e la valorizzazione della memoria, del nostro patrimonio storico, monumentale e artistico puntiamo a creare nuove opportunità per il futuro rilanciando il turismo. Questi due anni che precedono l’appuntamento al 50° anniversario del sisma del ’68 – ha aggiunto il primo cittadino – dovranno servire per preparare eventi di forte impatto culturale per non dimenticare e sempre con lo sguardo proiettato al futuro”.

Antica residenza del Cavaliere Calogero Ingoglia che la ereditò dal padre, la costruzione fu realizzata tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900, subendo nel tempo diversi ampliamenti e ristrutturazioni. Si trova tra i ruderi della vecchia Montevago, accanto alla vecchia chiesa Madre, e nel 1962 fu utilizzata come set cinematografico per alcune scene del film “La smania addosso” del regista Marcello Andrei con un cast composto da attori di fama internazionale: Gérard Blain, Annette Stroyberg, Vittorio Gassman, Lando Buzzanca e Gino Cervi per citare alcuni nomi.

baglioingoglia3

“Il Baglio Ingoglia – si legge nei pannelli descrittivi – si presenta costituito da tutti gli elementi tradizionalmente appartenenti alla tipologia costruttiva a cui è iscritto: si riconoscono il cortile centrale, che era anche giardino ed orto, come le stanze di rappresentanza, che erano il salottino e le camere da letto”.

“Con il recupero della struttura – ha spiegato  l’architetto Giuseppe Neri – si vuole ricreare la vocazione conservativa dell’antiquarium come luogo di raccolta dei reperti rappresentativi della civiltà del paese. L’importanza del progetto è anche la doppia valenza dell’antiquarium, che oltre a essere luogo di conservazione – ha sottolineato – è esso stesso conservato, proponendo per il futuro,  analogo atteggiamento verso le ulteriori occasioni che l’antica Montevago offre”.

Postato in AGRIGENTO, Cronaca, Cultura, Eventi, In evidenzaCommenti (0)

MONTEVAGO – “Uniti per crescere” devolve per l’intero mandato i propri gettoni


A Montevago, in provincia di Agrigento, al Consiglio comunale, appena eletto alle scorse amministrative del 5 giugno, il gruppo consiliare di “Uniti per crescere” ha rinunciato, in modo permanente sino a fine mandato, ai gettoni di presenza. “Uniti per crescere”, forza politica d’opposizione, tramite il suo capogruppo Vincenzo Infranco ed il delegato per l’Unione dei Comuni Nino Triolo, afferma : “Abbiamo scelto di devolvere le cifre spettanti per fini sociali, ed in particolare alla ‘Grande quercia’, una locale casa di riposo che svolge da anni il non facile compito di accudire anziani e bisognosi.Oltre le facili dichiarazioni d’opportunismo che in tanti continuano a manifestare falsamente per accaparrarsi piccole simpatie o qualche consenso in più, noi di ‘Uniti per crescere’ abbiamo messo in atto da subito e senza esitazioni, il primo provvedimento utile per la nostra comunità”.

Postato in AGRIGENTO, PoliticaCommenti (0)

MONTEVAGO – Il 20 giugno si insedia Sindaco e consiglio comunale


A Montevago, lunedi 20 giugno, alle ore 18.30,  si svolgerà il giuramento dei nuovi consiglieri comunali e del nuovo sindaco Margherita La Rocca Ruvolo

Postato in Eventi, PoliticaCommenti (0)

Advert

TROVACI SU FACEBOOK




ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

STUDIO 98 PROMO




STASERA IN TV




Calendario

gennaio: 2018
L M M G V S D
« Dic    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  




STATISTICHE

Site Info

TRS98