Tag Archive | "traffico droga"

RAGUSA – Traffico e spaccio di droga. Blitz all’alba: 21 persone arrestate


Ventuno arresti di italiani e albanesi per traffico e spaccio di droga. Gli accusati avrebbero operato in provincia di Ragusa. I carabinieri hanno dato esecuzione a 21 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Ragusa su richiesta della locale Procura della Repubblica.
Un’indagine, condotta dai militari e coordinata dalla Procura Iblea, ha consentito di arrestare in flagranza otto persone e recuperare circa un chilo di cocaina pura.
Gli indagati sono accusati del il reato di detenzione ai fini di spaccio di cocaina, in concorso, continuato, mentre alcuni di detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.
I carabinieri stanno effettuando perquisizioni degli indagati e di altre persone coinvolte nell’inchiesta, per cercare di trovare altra droga.
E’ stato sequestrato il denaro contante provento dell’attività di spaccio e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Postato in Cronaca, In evidenza, RAGUSACommenti (0)

PORTO EMPEDOCLE – Processo “Hardom”, chiesta condanna per 4 empedoclini


A conclusione della requisitoria, il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Rita Fulantelli, ha chiesto la condanna di 4 imputati di Porto Empedocle giudicati in abbreviato nell’ ambito dell’ inchiesta antidroga cosiddetta “Hardom”. 12 anni e 6 mesi di reclusione per Alfonso Sanfilippo, 43 anni di età. Poi, 12 anni di carcere ciascuno per Salvatore Radio, 50 anni, Salvatore Miliziano, 26 anni, e Salvatore Di Betta, 35 anni. Il blitz Hardom risale all’8 febbraio del 2011, ad opera dei poliziotti del Commissariato di Porto Empedocle e della Squadra Mobile di Agrigento. L’organizzazione sgominata avrebbe acquistato ingenti quantitativi di cocaina per poi rivenderli al dettaglio a Porto Empedocle e a Favara.

 

 

 

Postato in CronacaCommenti (0)

PALERMO- Droga, sgominata rete di trafficanti tra la Sicilia e il Sud America: 15 arresti [VIDEO]


La droga partiva dal Perù, attraversava porti e aeroporti grazie a insospettabili corrieri e a sistemi di trasporto capaci di eludere anche i controlli più sofisticati, e alla fine sbarcava in Sicilia. Destinazione “Palermo bene”. E col bene placito dei boss. Dopo una lunga indagine – correlata di arresti in flagranza e di sequestri – la polizia di Palermo ha smantellato una rete di spaccio capace di piazzare qualsiasi tipo di sostanza nel mercato cittadino e di importare anche grossi quantitativi di cocaina da Sud America. Sono 15 le persone individuate finora e alle quali, da questa notte, gli agenti della sezione Antidroga della Squadra mobile – conl’ausilio di unità cinofile e di un elicottero – stanno notificando un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari su richiesta della direzione distrettuale antimafia di Palermo.
Le accuse, per tutti, vanno dall’importazione in Italia al traffico e alla detenzione di sostanze stupefacenti. L’organizzazione, è stato accertato dagli investigatori, era capace di soddisfare qualsiasi richiesta e in particolare cocaina, eroina e hashish.
Alla regia, secondo l’accusa, c’era l’avvocato palermitano Memi Salvo, ritenuto vicino ai boss di Brancaccio Giuseppe e Filippo Graviano e già condannato a 4 anni e otto mesi per mafia. Nel 2008, dopo avere presentato pubbliche scuse, Salvo riuscì ad iscriversi nuovamente all’ordine degli avvocati (quello di Locri) e riprese la professione. Era accusato di aver aiutato sorella dei Graviano di trasferire capitali all’estero.
L’operazione, denominata “Monòpoli”, ha consentito di ricostruire una fitta rete di spacciatori e corrieri composta sia da volti noti ma anche da insospettabili. Tra i destinatari del provvedimento, ci sono infatti pregiudicati per droga, recidivi con precedenti specifici e una serie di insospettabili corrieri scelti spesso proprio per la loro fedina penale immacolata. Che per l’organizzazione rappresentava una sorta di garanzia in più nel caso di controlli mirati. L’indagine, che gli uomini diretti dal vice questore aggiunto Stefano Sorrentino hanno condotto con il coordinamento del procuratore aggiunto Teresa Principato, oltre a disarticolare l’interoorganigramma, ha portato al sequestro di ingenti quantitativi di droga e ha evidenziato ancora una volta come sia forte, soprattutto negli ultimi anni, l’interessamento di Cosa nostra. Alcuni dei soggetti arrestati, i cui nomi saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa, in programma alle 11 nei locali della Questura, sono infatti legati alla criminalità organizzata e oltre ad avere contatti solidi con il Sud America e con importanti bande di narcotrafficanti, gestivano anche la fornitura di cocaina di altissima qualità destinata alla cosiddetta “Palermo bene”. Coinvolti anche tre albanesi.

ECCO I NOMI DEGLI ARRESTATI –

Fabio Costantino, classe 1977, di Vibo Valentia

Giuseppe Costantino, classe 1966, di Vibo
Andrea Di Fede, 39 anni, di Palermo
Dritan Dulemato, classe 1977, albanese
Claudio Fiorelli, di Roma
Francesco Fumuso, 46 anni, di Palermo
Fatjan Karasan, 24 anni, albanese
Pasquale Lo Nardo, 56 anni, di Palermo
Christian Mancino, 29 anni, di Palermo
Domenico Marino, 41 anni, di Palermo
Aldo Monopoli, 56 anni, di Palermo
Antonino Riina, 42 anni, di Palermo
Luan Rushiti, 45 anni, albanese
Domenico detto Memi Salvo, 66 anni, di Palermo
Domenico Uzzo, 35 anni di Palermo


Postato in Cronaca, In evidenza, VideoCommenti (0)

GELA – Arrestato un trafficante di droga


Un pregiudicato di Gela, Crocifisso Di Gennaro, di 32 anni, è stato arrestato dalla polizia in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Palermo, su richiesta della Dda dello stesso capoluogo, per concorso in traffico illecito di stupefacenti. Alla fine dell’estate 2009, Di Gennaro fu intercettato con 100 grammi di cocaina, del valore di quasi seimila euro, acquistata presso alcuni trafficanti palermitani e destinata al mercato della droga a Gela.

Postato in CronacaCommenti (0)

Scoperto traffico di droga tra Palermo e il Messico


Scoperta dalla polizia un’organizzazione internazionale di trafficanti di droga che importava cocaina e hashish in Italia. Trentaquattro i provvedimenti restrittivi emessi dal Gip di Palermo su richiesta della Dda ed eseguiti dalla Squadra mobile, in collaborazione con la Direzione centrale servizi antidroga e la Direzione centrale anticrimine in un’operazione denominata “Monterrey”. Nel corso delle indagini, durate circa tre anni, sono stati sequestrati in totale 5 quintali di cocaina e altrettanti di hashish.

L’attività investigativa ha sviluppato spunti venuti da un’informativa della Dea, l’agenzia statunitense antidroga, dalla quale erano emerse probabili connessioni con indagini già avviate a Palermo. L’organizzazione era formata da cittadini italiani residenti in Messico e in contatto con i gruppi di “narcos” del Paese centroamericano. Un altro canale di approvvigionamento degli stupefacenti faceva capo a corrieri dell’Europa dell’Est. Tra gli arrestati anche alcuni soggetti legati alla criminalità organizzata.

Postato in CronacaCommenti (0)


Advert

TROVACI SU FACEBOOK

ULTIME NOTIZIE

PREVISIONI METEO

ALMANACCO

HERCOLE NEWS 24

STASERA IN TV

Calendario

gennaio: 2017
L M M G V S D
« Dic    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

STATISTICHE

Dettagli www.trs98.it

Site Info

TRS98