37enne di Canicattì ferito a fucilate sempre in prognosi riservata sulla vita

Rimane ancora un mistero il grave fatto di sangue di Canicattì dell’altra sera con un 37enne colpito con una fucilata alla schiena è arrivato al pronto soccorso del locale ospedale “Barone Lombardo” con un’autovettura guidata da un compaesano. Ad ora, alcune persone sentite durante gli interrogatori non sarebbero state affatto collaborative.

Intanto, il 37enne canicattinese, Rosario Lauricella, ferito con un colpo di fucile alla schiena dall’ospedale Civico, è stato trasferito al Policlinico di Palermo. E’ ricoverato in gravissime condizioni, in prognosi riservata sulla vita. Per un soffio non è stato ammazzato. La Procura di Agrigento, diretta dal procuratore capo, facente funzioni, Salvatore Vella, ha aperto un fascicolo d’inchiesta, che dovrebbe portare alla risoluzione del fatto di sangue. L’episodio si è verificato nella serata di martedì.Tra i tanti misteri da chiarire non si conosce ancora il luogo dove il trentasettenne è stato ferito.

carabinieri hanno avviato le indagini.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *