7 detenuti citati a giudizio per l’uso di telefoni cellulari in carcere

La Procura della Repubblica di Caltanissetta ha disposto la citazione a giudizio di sette detenuti, tre dei quali agrigentini, che avrebbero ricevuto e utilizzato telefoni cellulari e schede sim all’interno del carcere di San Cataldo per continuare a comunicare con l’esterno e gestire i traffici illeciti.Si tratta di Antonino Manganello, 51 anni, di Palma di Montechiaro; Giuseppe Carita’, 39 anni, di Licata; Calogero Falzone, 39 anni, di Sciacca; Kevin Bonfiglio, 30 anni, di Catania; Maicol Amico, 32 anni, di San Cataldo; Antonino Bongiovanni, 40 anni, di Messina e Giuseppe Giannone, 43 anni, di Caltanissetta.

Sono accusati di avere ricevuto e utilizzato telefoni cellulari e schede fatti entrare illegalmente all’interno del penitenziario. La vicenda risale all’estate del 2021 quando e’ scattata l’operazione con alcune misure cautelari.

Il pubblico ministero Piera Anzalone ipotizza a carico degli imputati il reato di accesso indebito a dispositivi idonei alla comunicazione da parte di soggetti detenuti, introdotto di recente. L’udienza predibattimentale e’ stata fissata per l’11 settembre davanti al giudice Giulia Zappala’.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *