A Sanremo trionfa EMMA

SANREMO

Emma vince Sanremo con il brano “Non è l’inferno”. In una finale di sole donne è lei a spuntarla. Al secondo posto si piazza Arisa. Terza Noemi. Questa edizione si chiude con uno spettacolo all’insegna dell’amore.

Alla fine arriva il momento di Celentano. Applausi e contestazioni per la seconda performance di Adriano all’Ariston. «Quando parlo di chiusura di Famiglia Cristiana e di Avvenire – ha detto il Molleggiato – dico ’andrebbero chiuse’, non significa esercitare una forma di censura». A quel punto dall’Ariston si sono levati fischi e contestazioni. «Dovreste farmi finire di parlare, magari c’è qualcosa di interessante anche per voi». E poi ha continuato fino a quando ha invitato il pubblico: «Adesso potete fischiare». Chiusa la parentesi cattolica, Celentano torna vero ’Molleggiato’ quando intona ’La cumbia di chi cambia’, il pezzo-invettiva che Jovanotti ha scritto per il suo ultimo album. Adriano balla insieme ad una ballerina di colore. Poi entra Gianni Morandi e i due si incontrano vicino ad una scrivania. Gianni dice: «Grazie». Adriano risponde: «Prego». Gianni prosegue: «È stato bello». E Celentano replica: «Anche per me». Poi i due cantano insieme «Ti penso e cambia il mondo» e Morandi comincia a commuoversi già mentre duettano. Quando poi sul finale della canzone si siedono sui gradini del palco e Adriano afferma «è il festival di Morandi», Gianni salutando l’amico non trattiene le lacrime, lo saluta e poi confessa: «Ho rivissuto in questi dieci minuti con lui tutte le immagini della mia vita, da quando ero ragazzino ed ho iniziato ad imitarlo. Sono davvero felice. Celentano ama la gente, ama il festival, ama i media. Adriano non odia nessuno».  Sul discorso di Celentano la Rai sembra soddisfatta: «Ha fatto il suo lavoro in modo corretto e attento: c’è soddisfazione per il suo discorso, vicino agli uomini, alle donne, alla realtà. È stato bello ascoltarlo».

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.