Agguato con colpi di pistola al Villaggio Mosè: vittima un 38enne,in due sono riusciti a fuggire [FOTO]

Sparatoria nel quartiere di Villaggio Mosè, ad Agrigento. Tre uomini armati si sono presentati all’ingresso di una concessionaria in quello che, secondo una prima ricostruzione, sarebbe dovuto essere un attentato ai danni del titolare. La vittima, ferita con un colpo di pistola all’addome e successivamente deceduta, è uno dei tre attentatori. Si tratta di Roberto Di Falco, 38 anni, di Palma di Montechiaro. Gli altri due uomini, invece, sarebbero fuggiti a bordo di un’auto. Sono ancora in corso le ricerche. 

La ricostruzione della dinamica è ancora tutta da decifrare. Secondo quanto si apprende i tre uomini si sarebbero presentati, armi in pugno, nel parcheggio della concessionaria “AutoXpassione” gestita dall’agrigentino Lillo Zambuto. Il bersaglio dell’agguato, con molta probabilità, sarebbe dovuto essere quest’ultimo. Ne sarebbe nata una colluttazione con il commerciante, rimasto poi ferito nel corpo a corpo con gli aggressori, culminata con l’esplosione dei colpi. Uno dei tre attentatori è morto mentre gli altri due sono riusciti a fuggire. Sono ancora in corso le ricerche.

Le circostanze sono tutte da chiarire. Ci sarebbe stata una rissa per questioni legate alla compravendita di auto nel piazzale della concessionaria del Villaggio Mosè,a pochi metri dalla chiesa Santa Rosa. Ed è durante la rissa che all’improvviso è stata tirata fuori una pistola ed è partito il colpo che ha raggiunto all’addome Di Falco, 38 anni, di Palma di Montechiaro, che è morto poco dopo essere giunto al pronto soccorso con un’ambulanza.Sul posto sono intervenuti i poliziotti di squadra mobile, scientifica e Volanti. Pare che la lite sia stata provocata da divergenze legate all’acquisto di autovetture. La squadra mobile sta interrogando diverse persone per provare a fare piena luce sull’episodio.Gli agenti stanno acquisendo le immagini dei sistemi di videosorveglianza dell’attività. L’indagine è coordinata dal procuratore Giovanni Di Leo.

IN AGGIORNAMENTO

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *