Un ‘auto guidata da un ventenne travolge gli scooter. Muoiono due quindicenni ad Agrigento

Gravissimo incidente stradale la notte scorsa, poco dopo l’1,30. Un’autovettura ha travolto tre scooter, e due quindicenni hanno perso la vita, altri cinque giovani sono rimasti feriti, uno in maniera grave. Le vittime sono Giuseppe Piparo e Cristian Russo (nella foto a fianco), entrambi nati ad Agrigento, e residenti nel popoloso quartiere di Villaseta. L’incidente stradale è avvenuto lungo la strada statale 640, all’altezza del bivio per contrada Maddalusa. A provocare l’incidente una Alfa Romeo di colore blu, con a bordo due ventunenni di Siculiana, che viaggiava in direzione della rotatoria di Giunone. La vettura ha affrontato la curva a forte velocità, trovandosi davanti tre scooter, due Gilera Runner 50 e una Vespa che uscivano dalle due strade laterali per andare in direzione di Villaseta. L’impatto è stato inevitabile. Due mezzi a due ruote sono finiti fuori strada, mentre la macchina ha proseguito la sua folle corsa, trascinandosi uno dei motorini con in sella le due giovani vittime. Giuseppe Piparo è stato trovato morto a un centinaio di metri dal punto d’impatto, mentre Cristian Russo, che si trovava alla guida, a circa 300 metri. Lo scooter su cui viaggiavano i due si è incendiato. Il conducente dell’auto e i quattro occupanti degli altri due ciclomotori sono rimasti feriti e trasportati con le ambulanze del 118 al pronto soccorso dell’ ospedale San Giovanni di Dio. Gravemente ferito G.P., il passeggero della Vespa. Secondo le prime informazioni, il gruppo di ragazzi in sella ai ciclomotori erano reduci da una festa privata in una villetta di Maddalusa. Sul posto per diverse ore hanno operato i vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento, i poliziotti della sezione Volanti e gli agenti della Polizia stradale, impegnati nella ricostruzione della dinamica del’incidente. La strada è rimasta bloccata per più di cinque ore, in entrambe le direzioni, con deviazioni sulle strade laterali.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.