AGRIGENTO – Carcere Petrusa: 30 detenuti segnalano abusi

Si allarga l’inchiesta, coordinata dal procuratore della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio, sulle presunte violenze e sulle carenze strutturali all’interno del carcere “Di Lorenzo”. Circa trenta detenuti hanno segnalato anomalie e adesso saranno sentiti dai carabinieri.

L’inchiesta, per il momento a carico di ignoti, per le ipotesi di violenza privata e omissione di atti di ufficio, e’ stata avviata in seguito alle denunce dei Radicali che hanno presentato un dossier per segnalare violenze all’interno del reparto di isolamento della struttura di contrada Petrusa. Le indagini hanno avuto un’accelerazione in seguito alla ribalta mediatica del caso, sollevata dal deputato di Italia viva Roberto Giachetti, che ha presentato un’interrogazione parlamentare scritta, e da una delegazione del Partito Radicale, guidata da Rita Bernardini e dall’Osservatorio carceri delle Camere penali, che hanno effettuato una visita ispettiva lo scorso 17 agosto, conclusa con la denuncia al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. 

Sulla base di cio’ diversi detenuti, una trentina – qualcuno, nel frattempo, e’ stato trasferito in altre strutture – hanno scritto ai pm e al Garante dei detenuti, che a sua volta aveva eseguito un’ispezione, per segnalare circostanze ritenute, sottolineano fonti giudiziarie, di interesse investigativo. I carabinieri sono stati delegati dal capo dei pm agrigentini di sentirli tutti e acquisire la loro testimonianza. Patronaggio, pochi giorni dopo l’apertura del fascicolo, ha fatto un’ispezione nella struttura con gli stessi carabinieri eseguendo riprese video e fotografiche. Il materiale raccolto verra’ esaminato per l’ulteriore sviluppo delle indagini.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.