AGRIGENTO – Caso di Coronavirus riscontrato su donna di Favara ricoverata al reparto di Cardiologia

Nel reparto di Cardiologia dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento è stato riscontrato un caso di coronavirus su una anziana di 76 anni di Favara che vi era ricoverata – giunta in blocco cardiaco – per un necessario e indifferibile intervento per impiantarle un pacemaker è risultata positiva al tampone per il Covid 2019. . L’anziana, con il passare delle ore ha cominciato a rivelare i sintomi tipici di una infezione da coronavirus. Il tampone è stato effettuato nel primo pomeriggio e in serata è arrivato il risultato. Preoccupazione anche tra i medici e il personale infermieristico, molti dei quali lamentano inadeguate protezioni messe a disposizione dall’Asp di Agrigento, nonché per un’altra donna ricoverata e che è stata a contatto con la paziente positiva. La stessa Asp di Agrigento inspiegabilmente insiste nel non diffondere alcun bollettino sui casi di coronavirus. Ora si sta cercando di ricostruire i contatti dell’anziana e delle persone con cui è venuta in contatto. Il reparto di Cardiologia dell’ospedale di Agrigento da sempre fiore all’occhiello della sanità agrigentina rischia cosi di subire un forte arresto,oltre ad uno stato di penalizzazione. Diretto magistralmente da Giuseppe Caramanno, sono in corso le opere di disinfezione dopo il caso della donna risultata positiva. La paziente è in isolamento, e domani sarà trasferita in altra struttura sanitaria, probabilmente a Caltagirone. Nel frattempo il tampone è stato eseguito su tutti gli altri ricoverati dello stesso reparto, e così anche al personale medico e sanitario. Al reparto Cardiologia al momento non si effettuano più ricoveri tranne che per i casi gravissimi come l’infarto acuto.

Condividi
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    17
    Shares
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.