AGRIGENTO – Caso La Gaipa, Capo della Mobile Minardi:”Venite a denunciare”

“Se ci sono altre situazioni simili all’ultima inchiesta, ossia gente che ha una busta paga di 2 mila euro e ne percepisce appena mille, siamo disponibili ad aiutarvi. Venite a denunciare”, è’ l’accorato appello lanciato dal Capo della Mobile di Agrigento, Giovanni Minardi, dopo il caso di sfruttamento dei lavoratori che ha portato all’arresto ai domiciliari dell’imprenditore Fabrizio La Gaipa. Secondo l’accusa le registrazioni “acclarano” in modo incontrovertibile, la restituzione, da parte del lavoratore assunto, oltre che della tredicesima, anche di una parte consistente della retribuzione mensile  visto che a fronte  di una busta paga  di 1634 euro, l’impiegato, suo malgrado,  si vede costretto a restituire al proprio datore di lavoro, la somma di 780 euro. Un ex dipendente , militante del M5S, aveva registrato due conversazioni che per la Procura dimostrano le estorsioni. Dal M5S smentiscono cause legate a faide interne. Lo chiarisce Emanuele Dalli Cardillo, candidato a Sindaco di Agrigento del M5S nel 2015, che nella vita svolge la professione di avvocato.” Se dalla lista  per le candidature all’Ars fosse uscito la Gaipa  sarebbe stata candidata  una persona di Ravanusa. Da tutta la Provincia  sono arrivate segnalazioni allo staff  sul fatto che la sua candidatura  fosse inopportuna  e questo perchè non gli si riconosaceva lo status di attivista. Il movimento però non poteva  naturalmente  sapere come sarebbe finita, ma ha gli anticorpi  per reagire immediatamente  e mettere alle porte soggetti indegni”.   

Fabrizio La Gaipa, , sarà interrogato sabato prossimo, 18 novembre, in occasione dell’interrogatorio di garanzia. La Gaipa,  è difeso dagli avvocati Diego Galluzzo e Calogero Petix.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.