AGRIGENTO – “Casual Covid party” per contagiarsi e ottenere il green pass

Incontri «clandestini» dove l’obiettivo è contagiarsi con il Covid per avere il Green pass ed evitare il vaccino. A quanto apprende l’Adnkronos è questa l’ultima trovata dei no-vax per aggirare la stretta delle misure voluta dal Governo con l’obbligo del vaccino per gli over 50 e il super green pass. Nelle ultime settimane c’è stato un boom, complice le vacanze di Natale, di queste “incontro” con una tam-tam sui canali Telegram.

L’ultima, nata proprio a ridosso delle nuove restrizioni, è “Casual Coronavirus party” dove c’è chi inserisce veri e propri annunci: «Sono della provincia di Agrigento. Cerco positivo urgentemente e sono disposto a pagare», la risposta non si fa attende: «Sono positivo e vivo in Toscano». E’ così che poi si potrà passare all’incontro. C’è poi chi cerca un positivo “con urgenza” ed disponibile a “spostarsi ovunque”. 

La caccia al Covid-party o al Corona-party dopo il giro di vite del Governo è diventata per molti una necessità. Spesso sono persone che hanno bisogno del certificato per lavorare ma non vogliono vaccinarsi e così puntano al certificato verde che si ottiene anche se si è avuta la malattia. La dinamica è la stessa dei morbillo-party organizzati anni fa da alcune mamme no-vax che invitavano a frequentare le case con bambini colpiti da morbillo in modo tale che anche altri bimbi potessero prendere la malattia in modo naturale. 

Altra modalità molto ricercata nella chat su Telegram è quella dello scambio della tessera sanitaria per effettuare un tampone. Il positivo al Covid, ovvero che ha fatto la malattia, presta la propria tessera sanitaria e così si ottiene un Green pass provvisorio. “Lo so che è truffa – scrive un utente – ma quella del Governo dal 2020 non è una truffa?”. 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.