AGRIGENTO – Cgil Spi:”Defibrillatori e cardiotelefoni nelle Guardie mediche”

Ad Agrigento, il sindacato dei pensionati della Cgil, tramite Caterina Santamaria e Piero Mangione , ha chiesto al Direttore dell’ Azienda sanitaria provinciale, Ficarra,  di attrezzare le Guardie mediche e turistiche di defribillatori e di cardiotelefoni. Santamaria e Mangione affermano : “Si tratta di apparecchi indispensabili, dal cui utilizzo in modo tempestivo, in una situazione di emergenza cardiovascolare, dipende la salvezza di una vita. Ad oggi, solo la Guardia medica di Raffadali è dotata di un defibrillatore, e ciò grazie alla donazione della famiglia Vedova- Di Benedetto. La Cgil Spi chiede all’ Azienda sanitaria di diffondere in modo capillare lo strumento di soccorso immediato di rianimazione, e del cardiotelefono, altro strumento diagnostico fondamentale, in tutte le Guardie mediche e turistiche, peraltro in prossimità della stagione balneare”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.