AGRIGENTO – Crollo viale della Vittoria, al via il cantiere tra diffide e denunce

Il Comune di Agrigento notifica ai condomini dei palazzi Crea una diffida : pagheranno i lavori di recupero dopo la frana. Il condominio risponde e denuncia penalmente il funzionario del procedimento. Intanto, oggi è stato aperto il Cantiere, il cui incarico è stato affidato ad un’impresa di Palermo che dovrà occuparsi del monitoraggio e messa in sicurezza del pendio franato. Sulla palazzina franata saranno posizionati i “clinometri” per la misurazione delle possibili inclinazioni.

Nel frattempo, il Comune di Agrigento ha diffidato i condomini proprietari che abitano i palazzi Crea, annunciando che si iniziano i lavori e che poi saranno loro, i condomini, a pagare. Il condominio dei palazzi Crea è indignato e si è riunito in assemblea. I condomini dei palazzi Crea si sentono vittime del danno,  non i coautori del danno”. Tutto ciò è stato scritto in una lettera spedita in piazza Pirandello, all’ attenzione del sindaco, Marco Zambuto. Poi, un altro atto è stato spedito in via Mazzini, alla Procura della Repubblica di Agrigento : i condomini dei palazzi Crea hanno denunciato penalmente il funzionario comunale responsabile del procedimento in questione. Pare, che i condomini dei palazzi Crea,  da tempo e anche due mesi prima del crollo, hanno inviato 15 lettere di diffida al Comune e ai privati proprietari del costone lanciando l’allarme. Secondo indiscrezioni, anche la Protezione civile regionale ha più volte diffidato il Comune affinché si intervenisse, sollevando letteralmente il rischio vita dei cittadini. E ancora, sembra, che la responsabilità è dei privati proprietari del terreno franato, Sollano – Carmina, che non hanno provveduto, e poi del Comune che, nonostante fosse stato più volte ravvisato il pericolo incombente a danno dell’ incolumità pubblica, reso evidente anche dai crolli precedenti al 5 marzo 2014, non è intervenuto in sostituzione.


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.