AGRIGENTO – Di Rosa sospende lo sciopero della fame ma non la protesta [VD TG]

La protesta di Giuseppe Di Rosa non si ferma. L’agrigentino è ai piedi del comune di Agrigento, da più di 64 ore. Niente cibo e soltanto acqua. Di Rosa ha già accusato un malore, ma lui questa mattina non ha voluto demordere. Oggi, in visita all’attivista Di Rosa, il questore Maurizio Auriemma. “Mi ha portato i suoi saluti ed i saluti del prefetto. Li ringrazio pubblicamente, è voluto venire a sincerarsi del mio stato di salute. Sono stato felice della sua visita. Si è complimentato con me per il modo della mia contestazione, che è civile”. Di Rosa chiede che venga depositata la sentenza Firetto. L’attivista, però, fa sapere di avere interrotto lo sciopero della fame.

“In seguito al malore avuto ieri e su consiglio medico – dice Di Rosa –  confortato dalla vicinanza dello Stato nella persona del questore Maurizio Auriemma, ho deciso di sospendere lo sciopero della fame ma non la mia protesta davanti al Comune di Agrigento. Rimarrò qui in attesa della sentenza della Corte dei Conti, in qualunque data essa arrivi. La mia, lo ribadisco, è una battaglia di civiltà. Non cerco colpevoli, voglio solo la verità per il bene di Agrigento”.

L’intervista realizzata da Davide Sardo

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.