Agrigento e bilancio partecipato, anche su spesa Imu : ma l’ Imu è stata già spesa !

“Incredibile ma vero. Da paese delle meraviglie. Il sindaco di Agrigento, Zambuto, appena pochi giorni addietro ha promesso alla città che avrebbe concertato insieme al Consiglio comunale e alle Forze sociali come utilizzare il maxi incasso della tassa Imu, che lo stesso Zambuto ha elevato al massimo dell’aliquota. E adesso, invece, apprendiamo che l’ incasso Imu è stato già speso”. Così i  consiglieri comunali di Agrigento Cinzia Puleri e Luca Spinnato del Patto per il Territorio, Alfonso Mirotta e Alessandro Sollano del Popolo della libertà, Alfonso Vassallo del Movimento per le Autonomie, Giovanni Civiltà del Pid Cantiere Popolare,  e Simone Gramaglia di Voce Siciliana, intervengono a seguito della notizia secondo cui l’ incasso Imu ad Agrigento è stato già speso, soprattutto a copertura della spesa corrente, a fronte della promessa del sindaco di concordare con la città, nell’ ambito del bilancio partecipato, le modalità di spesa.  Puleri, Spinnato, Mirotta, Sollano, Vassallo, Civiltà e Gramaglia affermano : “è il sindaco che, come Alice nel paese delle meraviglie, non ha più contezza di ciò che dichiara, e gli sfugge perfino come il Comune che amministra spende dall’alba al tramonto di un solo giorno alcuni milioni di euro ? A meno che il sindaco, in mala fede, abbia promesso ciò che sapeva già di non potere promettere e che, dunque, abbia raccontato menzogne.  O siamo noi le Alici nel paese delle meraviglie, che ancora ci ostiniamo  a meravigliarci, quando invece sarebbe ormai opportuno che la meraviglia, a fronte di cotanto modo di amministrare, ceda il passo alla rassegnazione ? Attendiamo ancora una volta risposta. Nel frattempo, registriamo un’altra sconfitta per la cittadinanza, che, anziché partecipare al bilancio e alla spesa delle tasse che con tanto sacrificio ha pagato, partecipa invece all’ennesima burla”.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.