AGRIGENTO – “Girgenti Acque” costituisce un organo di vigilanza

L’ assemblea dei soci di Girgenti Acque ha rinnovato il Consiglio di amministrazione e gli Organi di controllo. E’ stato approvato il bilancio di esercizio 2015, ed è stato inoltre costituito un organismo di vigilanza con professionisti istituzionali di caratura nazionale. La società che gestisce il servizio idrico nell’agrigentino spiega : “È stata nominata una terna di funzionari dello Stato, che si sono particolarmente contraddistinti per capacità, meriti e valori in ambito internazionale, nazionale, regionale e che hanno fornito un contributo fattivo anche nella nostra provincia per l’affermazione della legalità, la salvaguardia del patrimonio pubblico e la lotta contro la criminalità organizzata. I componenti dell’organismo di vigilanza sono: Raffaele Maria De Lipsis, presidente emerito del Consiglio di giustizia amministrativa della Regione Siciliana, poi Giuseppe Sironi, comandante emerito di Stato maggiore del Comando regionale della guardia di finanza, e poi Girolamo Di Fazio, Questore emerito della provincia di Agrigento e dirigente generale di pubblica sicurezza presso il ministero degli Interni. L’organismo di vigilanza che disciplina la responsabilità amministrativa dei soggetti giuridici, è stato fortemente voluto dal presidente della società, Marco Campione, oltre che dalla maggioranza assembleare”. L’assemblea ha inoltre proceduto al rinnovo dell’Organo amministrativo, confermando Campione presidente e amministratore delegato, e nominando Francesco Barrovecchio, Igino Della Volpe, Diego Galluzzo, Giancarlo Rosato, Pietro Rizzo e Michele Termini come componenti. Confermati anche i componenti del collegio sindacale: Carlo Sorci (presidente), Ignazio La Porta e Pietro Sorci.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.