AGRIGENTO – Giudice del Lavoro condanna Prefettura

Un funzionario della Prefettura di Agrigento, G I sono le iniziali del nome, 54 anni, è stato sanzionato con la censura perché un ordine di servizio che gli è stato impartito non sarebbe stato eseguito. Ebbene, il dottor G I, ritenendo la censura illegittima, si è rivolto al Giudice del Lavoro tramite gli avvocati Girolamo Rubino (nella foto) e Mario La Loggia, chiedendo l’annullamento del provvedimento disciplinare. Gli avvocati Rubino e La Loggia hanno lamentato, tra l’altro, sia la mancata affissione del codice disciplinare nei locali dove è svolta l’attività lavorativa dei dipendenti, sia la mancata pubblicazione dello stesso codice nel sito internet dell’Amministrazione, con conseguente nullità della sanzione irrogata. E poi, anche la mancanza del preavviso di convocazione per le giustificazioni, la cui violazione comporta per l’Amministrazione la decadenza dall’azione disciplinare. Il Giudice del Lavoro di Agrigento, Giuseppe Lupo, ritenendo fondati i motivi di ricorso formulati dagli avvocati Rubino e La Loggia, ha accolto il ricorso annullando la sanzione. La Prefettura di Agrigento, che ha resistito in giudizio, è stata condannata al pagamento delle spese processuali e giudiziali.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.