AGRIGENTO – Il giallo in Questura…intervento Arnone

Dall’avvocato Giuseppe Arnone, nel merito del presunto pestaggio dell’ imprenditore Angelo Capraro a opera di due poliziotti in servizio alla Questura di Agrigento, che hanno smentito Capraro e lo hanno contro – querelato, riceviamo e pubblichiamo :
Presunto pestaggio in Questura ad Agrigento: in un Paese democratico l’opinione pubblica deve conoscere e sapere, ed appare doveroso, quindi, che i Poliziotti accusati non si nascondano dietro affermazioni criptiche ed insinuanti in ordine alle cause delle ferite e dei danni fisici accertati dai medici sulla persona del signor Capraro.

Scandaloso il silenzio dei parlamentari agrigentini, veri e propri “mangiapane a tradimento”.

Rivolgo un appello al Questore di Agrigento perché si parli con chiarezza e si dirà di questo fumo.

Se Capraro mente, i Poliziotti devono immediatamente denunziarlo per calunnia, se Capraro non mente, i Poliziotti vanno immediatamente sospesi dal servizio.

Il Prefetto vigili sulla libertà di informazione.

Avrebbero ben altra genesi e matrice

 

La prima doverosa osservazione, che da uomo politico, libero e democratico, ritengo di dover fare a voce alta, riguarda i parlamentari agrigentini, veri e propri nullafacenti e “mangiapane a tradimento”.

Un avvocato autorevole, peraltro un ex parlamentare, denunzia un fatto gravissimo – vero o falso che sia – cioè che, dentro i locali della Questura di Agrigento, un imprenditore è stato pestato a sangue, riportando danni fisici gravissimi.

A fronte di una denunzia così pesante, non abbiamo avuto alcun chiarimento da parte delle Istituzioni: non sappiamo neanche perché quell’imprenditore abbia trascorso la notte in una cella della Questura, per quale ragioni sia stato privato della libertà.

Ed a fronte di fatti di questa enorme gravità, i parlamentari agrigentini, di tutti i partiti, di Destra e di Sinistra, si distinguono per il loro silenzio, per il loro parlar d’altro, per violare, insomma, i più elementari doveri per i quali percepiscono oltre 20.000,00 euro al mese, poco meno di mille euro al giorno.

Chi, se non questi “mangiafranchi a tradimento” eletti dal popolo dovrebbero alzare la voce perchè si facesse immediata chiarezza su vicende di questa enorme gravità?

Ovviamente, tra il signor Capraro ed i Poliziotti dal medesimo accusati, vi è almeno uno che merita la galera. O Capraro, che si è inventato tutto ed ha calunniato i Poliziotti, o i Poliziotti, che hanno violato le leggi dello Stato compiendo reati gravissimi.

Non solo ancora nessuno spiega l’ovvio, ovvero perché Capraro abbia trascorso la notte in Questura, ma, purtroppo, i giornali riportano inammissibili ed intollerabili affermazioni criptiche ed insinuanti da parte dei Poliziotti: le lesioni gravissime riportate da Capraro avrebbero “ben altra genesi e matrice”. Bene, se così è la Questura spieghi cosa è avvenuto, quale sia questa genesi e questa matrice. In democrazia i cittadini hanno diritto di sapere cosa avviene dentro le Questure pagate dai contribuenti.

Ed infine, la Procura di Agrigento ci ha abituati a conferenze stampa ed interviste ogni volta che il gallo canta un po’ dopo l’alba, o quando un cane randagio morde un passante: in questa vicenda sarebbe proprio il caso che la Procura convocasse i giornalisti, possibilmente quelli veri, non i pennivendoli di regime, per fornire ai cittadini le informazioni necessarie.

Per il rilievo che ha la presente vicenda, anche in ordine alla libertà di informazione, questa nota stampa viene pure trasmessa al Prefetto di Agrigento, affinché sia garante che in ordine a vicende così gravi non si attivino censure.

 

Agrigento, 02.08.2014

Avv. Giuseppe Arnone

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.