AGRIGENTO – Incendio nel capannone di azienda dei rifiuti [VIDEO]

Un incendio ha distrutto le balle di plastica ammassate all’esterno del capannone di proprietà dell’azienda Ecot che si occupa della raccolta di plastica proveniente dalla differenziata.

La ditta ha il capannone nella zona industriale di Agrigento. A dare l’allarme sono stati alcuni passanti che hanno subito chiamato i vigili del fuoco considerato che le fiamme erano molto alte. Sul posto anche i carabinieri di Agrigento che hanno avviato le indagini per stabilire l’esatta causa che ha scatenato un vero e proprio inferno. Non si esclude la matrice dolosa.

L’associazione antimafia e antiracket Libero Futuro – Libero Grassi di Agrigento, presieduta da Gerlando Gibilaro, esprime solidarietà al socio, l’imprenditore di Porto Empedocle, Giuseppe Gaglio, titolare dell’impresa Ekot, nel cui deposito di smaltimento di materiale plastico nella zona industriale in territorio di Aragona, in contrada San Benedetto, è divampato ieri sera un violento incendio. Gibilaro, a nome dell’associazione, afferma: “Esprimiamo sincera solidarietà all’imprenditore Giuseppe Gaglio e nel frattempo rinnoviamo fiducia nelle Forze dell’Ordine e nella Magistratura affinché i responsabili di questo gravissimo atto siano presto assicurati alla Giustizia. Gli imprenditori onesti devono essere incoraggiati nella loro attività economica, che deve essere svolta libera da condizionamenti o ricatti. L’Associazione Libero Futuro Agrigento, che già da alcuni anni sostiene gli imprenditori che si vogliono liberare dal ricatto e dall’oppressione malavitosa, continuerà a stare vicino a Giuseppe Gaglio e non mancherà di costituirsi parte civile nei processi contro i responsabili”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.