AGRIGENTO – La Procura indaga sui corsi di formazione, aperta inchiesta [VD TG]


La Procura della Repubblica di Agrigento ha avviato un’inchiesta, delegata alla Digos, su alcuni enti di formazione e, in particolare, sulle cosiddette scuole telematiche operanti ad Agrigento, che rilasciano attestazioni e certificazioni utili al curriculum.  Contestata l’associazione a delinquere, falso, truffa e autoriciclaggio. Sono i reati contestati dal pubblico ministero Chiara Bisso . L’indagine, molto datata nel tempo, ha avuto un seguito nei giorni scorsi con il sequestro, da parte della Digos, di documenti e materiale nella disponibilità di uno dei responsabili di un’università telematica, molto noto anche per la sua attività politica, e di altri quattro indagati.
L’ufficio diretto dal procuratore Luigi Patronaggio e dal suo vice Salvatore Vella ha fatto notificare anche gli avvisi di garanzia. Per il momento le carte sono molto coperte. Gli indagati sono almeno dieci.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.