AGRIGENTO – L’Mpa pronto a bloccare il bilancio di previsione 2013

Al Comune di Agrigento, in occasione dell’esame del Bilancio di previsione 2013, in calendario il venerdì prossimo 27 dicembre, alcuni consiglieri comunali, primo firmatario il presidente di Sala Sollano, Aurelio Trupia, hanno presentato un maxi emendamento. Lo stesso Trupia spiega : “ nel Bilancio proposto dalla Giunta mancano interventi nei servizi sociali. Ecco perché, in un periodo di grave crisi, abbiamo individuato delle somme da stornare da capitoli della spesa corrente dove sono in eccesso rispetto alle necessità. Complessivamente si tratta di 223 mila euro. Auspichiamo che il Consiglio comunale approvi tale maxi emendamento tramite cui saranno sostenute le fasce sociali più disagiate, tra meno abbienti e disabili, famiglie numerose e anziani, colmando un grave vuoto dell’ amministrazione Zambuto, e tutto ciò a saldi invariati”.

Il Comune di Agrigento e l’esame del Bilancio in calendario il prossimo 27 dicembre. Il consigliere del Movimento per le Autonomie, Alfonso Vassallo, afferma : “ noi dell’Mpa siamo pronti a bocciare lo schema del bilancio di previsione 2013 varato dalla giunta. Non ci piace l’impianto, che presenta parecchie falle e incongruenze, e non ci convince l’eccessivo e imbarazzante ritardo, a nostro avviso ingiustificato ma consapevole e volontario, con il quale l’Amministrazione Zambuto ha fatto pervenire la proposta in Aula, mortificando e annullando la funzione propositiva e di orientamento del Consiglio comunale. Andarsene a casa anticipatamente, per la compagine dell’Mpa, non sarebbe assolutamente un problema. Per noi la politica è servizio e quindi non ci scoraggia l’ipotesi che, in caso di bocciatura del bilancio, il consiglio comunale sia sciolto”.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.