AGRIGENTO – Molestie e pedinamenti con Gps ai danni dell’ex moglie: misura cautelare per un 48enne

Avrebbe subito per oltre dieci anni – a partire dal 2006 – continue molestie, maltrattamenti, ingiurie telefoniche, violenza fisica e perfino pedinamenti con l’ausilio di un gps. E’ scattata così la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa coniugale nonché il divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla vittima per un 48enne, A.D., di Agrigento.

Il giudice per le indagini preliminari Alfonso Malato – su richiesta del sostituto procuratore della Repubblica di Agrigento Simona Faga – ha ritenuto sussistenti i motivi per l’emissione del provvedimento restrittivo per pericolo di reiterazione del reato in forma più grave ai danni della ex coniuge che sarebbe potuto sfociare in ben più gravi tipologie di reato.

L’indagato avrebbe inoltre preteso l’utilizzo della casa coniugale nonostante un provvedimento del Tribunale di Agrigento prevedesse l’esclusiva assegnazione alla persona offesa.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.