AGRIGENTO – Morte Cindy Arroyo, non si trovano i parenti: processo rinviato

I familiari di Cindy Vanessa Candelo Arroyo, la prostituta colombiana di 25 anni morta dopo essere precipitata dalla finestra della sua bitazione nel tentativo di chiedere aiuto a fuggire a un gruppo di rapinatori, non si trovano: rinviata l’udienza preliminare a carico del marocchino Karim Hitani, 23 anni, ritenuto il terzo componente della banda di stranieri che il 22 ottobre del 2012 fece irruzione nell’appartamento a luci rosse di via Damareta, al cui interno la colombiana e altre ragazze si prostituivano per rapinarle con un coltello. Venerdì mattina è partito il processo  a carico del giovane africano che attulamente è latitante. Il gup Francesco Provenzano ha preso atto che non risultavano andate a buon fine le notifiche ai familiari della vittima, che potranno costituirsi parte civile, e ha rinviato di sei mesi per consentire le ricerche. Nel frattempo gli inquirenti tenteranno di individuare anche l’imputato che al momento è latitante. L’immigrato dalla notte della tragedia si è reso irreperibile ed è attualemente ricercato in tutto il territorio nazionale e internazionale.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.