AGRIGENTO – No del “Riesame” alla scarcerazione del boss Massimino e del nipote

Il Tribunale del Riesame  conferma l’ordinanza cautelare nei confronti di Antonio Massimino, 51 anni, storico capomafia di Agrigento e il nipote Gerlando, 26 anni, arrestati il 6 febbraio dai Carabinieri con l’accusa di detenere un piccolo arsenale. A presentare l’istanza è stato l’avvocato dei due indagati, Salvatore Pennica, chiedendo di annullare il provvedimento restrittivo. Il Gip Francesco Provenzano, che ha convalidato l’arresto e disposto la custodia in carcere come chiesto dal pubblico Ministero  Gloria Andreoli, ha definito Massimino “una figura dal potere ancora penetrante nel tessuto mafioso” mentre il nipote viene etichettato come la sua “longa manus”

Condividi
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    2
    Shares
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.