AGRIGENTO – Palazzo implode in pieno centro storico: nessun ferito [VIDEO]

Un boato ha svegliato ieri mattina i residenti della via De Castro e di via Duomo.

Una palazzina di tre piani, fatiscente e disabitata, è crollata a pochi passi dalla Cattedrale. Non ci sono stati feriti. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco, i vigili urbani, i poliziotti della sezione Volanti, i carabinieri della Compagnia di Agrigento, il personale dell’Utc del Comune di Agrigento e della Protezione civile comunale. Il crollo si è verificato intorno alle 5 del mattino, anche se le prime avvisaglie si sono avute già  sabato pomeriggio, con scricchiolii e il distacco di grosse porzioni di detriti. I cittadini, che sabato avevano omesso di segnalare il cedimento strutturale ai pompieri, hanno sentito un forte boato e da lì è scattato l’allarme. Il crollo ha interessato il tetto, i solai e le pareti interne. E’ rimasta in piedi solo la facciata esterna che da sulla stradina che dalla via Duomo porta al quartiere di Santa Maria dei Greci.  Al momento si sa soltanto che la palazzina era fatiscente e disabitata, mentre i due edifici confinanti, che saranno interessati da un’ordinanza di sgombero, uno viene utilizzato raramente dai proprietari, l’altro è interessato da lavori di ristrutturazione, quasi già conclusi, per diventare un bed e breakfast.  Sul luogo sono arrivati il comandante dei vigili del fuoco del comando provinciale di Agrigento, Marcello Lombardini, accompagnato dal vice comandante Andrea  Abruzzo, e il colonnello dei carabinieri Riccardo Sciuto. Al termine dei sopralluoghi si è deciso, in via cautelare, di transennare e chiudere la zona oggetto del dissesto. L’intera area è presidiata e sono in corso altre verifiche e sopralluoghi al fine di verificare lo stato di pericolo dell’intera area, ma dai primi accertamenti appare evidente il rischio di altri crolli. Da un controllo si è appreso che i proprietari dell’immobile non avrebbero ottemperato all’ordinanza di messa in sicurezza a firma del Sindaco. In riferimento al cedimento di ieri interviene l’assessore ai lavori Pubblici, Gerlando Gibilaro, chiedendo la mappatura degli immobili pericolanti ricadenti nel territorio comunale. “ Prenderò visione di tutte le ordinanze emesse dal 1 gennaio 2007 sino ad oggi – afferma Gibilaro – , e copia di tutte le azioni di rivalsa poste in essere dall’ufficio legale del Comune”.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.