AGRIGENTO – Partecipò alla tragica rapina: condannato

Quattro anni di reclusione a Soufiene Mouzhair, il 22enne marocchino, coinvolto nella rapina in cui perse la vita la prostituta colombiana di 25 anni, Cindy Vanessa Candelo Arroyo. Sono stati inflitti dal Gup del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, al termine del processo celebrato con il rito abbreviato. L’immigrato era chiamato a rispondere dei reati in concorso con altri di violazione di domicilio, porto abusivo di armi e rapina. Accolta la richiesta dell’accusa, rappresentata in aula da pubblico ministero Giacomo Forte, che aveva avanzato proprio la richiesta di quattro anni di carcere.  La scorsa estate uno dei presunti complici di Mouzhair, l’algerino Mohamed Juda, 21 anni, è stato condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione dal giudice del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella. Ha un volto e un nome anche il terzo componente della banda di malviventi. E’ un marocchino, Karim Hitani, 22 anni, residente nella zona a valle della stazione ferroviaria di Agrigento, già altre volte finito nei guai per motivi di spaccio di sostanze stupefacenti. L’immigrato da quella tragica notte risulta irreperibile ed è attualmente ricercato in tutto il territorio nazionale.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.