AGRIGENTO – Premiati stamani in sala Pellegrino i vincitori del progetto GJO [FOTO]

Si è concluso stamani nell’aula “Pellegrino” della Provincia Regionale il progetto “Green Jobs Opportunities” (GJO) promosso e cofinanziato dall’Unione Province Italiane nell’ambito del programma Azione ProvincEGiovani 2013, in partenariato con la Provincia di Lecce (ente capofila), la Provincia di Agrigento, oggi Libero Consorzio Comunale, e il CTS. Un progetto ideato per stimolare la realizzazione di nuove idee imprenditoriali nell’ambito della green economy nelle province di Agrigento e Lecce, caratterizzate, come le regioni di cui fanno parte, da notevoli risorse ambientali e culturali ma, al tempo stesso, da preoccupanti tassi di disoccupazione giovanile. I 14 laureati, riuniti in 6 gruppi di progettazione, hanno presentato al pubblico le rispettive idee imprenditoriali, diverse ma caratterizzate da originalità, innovazione e sostenibilità ambientale.

Il primo premio (assegno del valore di 5.000 euro) è andato al gruppo di progettazione CARTOCAMERE, composto dagli architetti Andrea Moscato, Vincenzo Cardinale, Giuseppe Maglio e Daniele Occhipinti. Il progetto è basato sulla produzione e commercializzazione di una gamma flessibile di arredo per camerette per bambini, realizzata con cartone pressato riciclato, materiale ecocompatibile per eccellenza.

Il secondo premio (assegno del valore di 1.500 euro) è andato al progetto EVERGREEN srl, realizzato da Agostino Trupia e Daniele Fiorino, che consiste nella realizzazione di un sistema di produzione di energia elettrica mediante il processo di gassificazione del cosiddetto cippato di legno, proveniente però esclusivamente dal materiale vegetale di potatura o di scarto delle aziende agricole.

Il terzo premio (800euro) è andato a CAMBIO VITE, composto da Fulvio Baio, Damiana Cutaia e Krizia Cutaia, progetto di un’azienda agricola ecocompatibile dalla doppia finalità, ovvero la produzione di uva con impianti fuori terra (quindi senza consumo di suolo) e di un importante derivato di nicchia, ovvero il succo d’uva, e il recupero e reinserimento sociale di soggetti svantaggiati.

Gli altri progetti, che hanno ottenuto il quarto posto ex equo, sono CEA Artenatura (Francesca Dainotto e Antonino Amata), GLASS SICILY srl (Pierangelo Catania e Danila Maggio) e COIBENTE Più (Alfonso Pullara).

L’evento finale è stato introdotto da Benito Infurnari, Commissario Straordinario del Libero Consorzio, e ha visto anche gli interventi di Bernardo Barone, Direttore del Settore Ambiente, Luigi De Luca, Responsabile del progetto GJO per la Provincia di Lecce, Giuseppe Parrinello, Direttore Generale della Banca di Credito Cooperativo Agrigentino, Florinda Saieva, Direttore Generale Farm Cultural Park Favara, e Antonio Rizzuto, Esperto in Start Up di Impresa.

Il successo del progetto e soprattutto la validità e la novità rappresentate dalle idee presentate dai giovani che vi hanno partecipato potrebbero favorire anche la riproposizione di GJO anche con finanziamenti indipendenti dall’intervento dell’UPI.

La valutazione, ad opera della commissione esaminatrice, ha tenuto conto di vari parametri: originalità, business plan, fattibilità, rapporto tra costi e ricavi, sostenibilità ambientale e temporale, e altri ancora. Infine, tutti i progetti saranno pubblicato sul sito internet www.provincia.agrigento.it .


Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.