AGRIGENTO – Questura, insediati 3 nuovi funzionari

Sono stati presentati questa mattina nel corso di una conferenza stampa i tre nuovi funzionari della Polizia di Stato, assegnati alla Questura di Agrigento. I tre nuovi commissari provengono dal 103esimo corso di formazione per Commissari della Polizia di Stato, che si è svolto a Roma. Oltre ai nuovi funzionari arrivati presenti il questore Mario
Finocchiaro, il vicario Giuseppe Felice Peritore, il capo di gabinetto Carlo Mossuto, e il dirigente Damiano Lupo, che da qualche giorno su disposizione del Dipartimento della Pubblica sicurezza, ha assunto la funzione di responsabile del Commissariato di pubblica sicurezza di Sciacca, in sostituzione di Emilio Basile, promosso alla qualifica di
Primo dirigente e trasferito in altra sede di servizio. I nuovi commissari capo sono: Marco Alletto, di 33 anni, originario di Delia in provincia di Caltanissetta, che ha conseguito la laurea in giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Palermo, discutendo una tesi in materia di diritto processuale penale ed in possesso dell’abilitazione alla professione di avvocato; Tommaso Amato, 30 anni, di Palermo, in possesso della laurea in giurisprudenza conseguita presso l’Università degli Studi di Palermo, discutendo la tesi di laurea in diritto tributario; Marcella Di Rocco, 45 anni, di Roma, già nei ruoli della Polizia di Stato con la qualifica di ispettore, in possesso di una laurea in giurisprudenza conseguita presso l’Università degli Studi “la Sapienza” di Roma, discutendo la tesi di laurea in materia di diritto
penale ed in possesso dell’abilitazione alla professione di avvocato. I tre funzionari, inoltre, hanno conseguito il Master di II livello in Scienze della Sicurezza, presso l’Università “La Sapienza”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.