AGRIGENTO – Rapine in banca, arrestato presunto responsabile

Nella giornata di ieri, al termine di una intensa ed articolata attività di indagine, la Polizia di Stato di Agrigento ha arrestato Salvatore Cavallaro, catanese di 22 anni, in esecuzione di ha un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Agrigento, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Cavallaro è ritenuto responsabile di due distinte rapine consumate, la prima avvenuta il 2 luglio 2013, e la seconda il 2 dicembre dello stesso anno, in pregiudizio di due istituti di credito, di Agrigento e Licata.

L’attività d’indagine intrapresa a seguito della rapina consumata ai danni dell’agenzia della banca Monte dei Paschi di Siena di Via Manzoni di Agrigento, avvenuta il 2 luglio dello scorso anno, è stata condotta dai poliziotti della Squadra Mobile di Agrigento che hanno proceduto anche alla comparazione delle immagini dei videofotogrammi registrati dal sistema di videosorveglianza della banca con le foto di alcuni rapinatori, già tratti in arresto il 23 dicembre 2013 dal Commissariato di P.S. di Palma di Montechiaro, a seguito di un analogo atto delittuoso perpetrato ai danni dell’istituto di Credito Banca Popolare Sant’Angelo – agenzia di Licata.

Il quadro indiziario acquisito, sarebbe stato definitivamente suggellato dalla relazione tecnica di identità dattiloscopica elaborata dalla Polizia Scientifica, in ordine alla perfetta coincidenza tra il frammento papillare prelevato sulla scena del crimine recante le impronte del Cavallaro, esistenti nella Banca Dati della Polizia Scientifica.

In ordine alla rapina perpetrata il 2 dicembre 2013 ai danni dell’agenzia di Licata del medesimo istituto di credito, le indagini sono state condotte da personale della Polizia Scientifica del Commissariato di P.S. di Licata che ha provveduto, in sede di sopralluogo effettuato all’interno della banca, alla esaltazione di un frammento papillare che ha poi consentito di ascrivere, in maniera incontrovertibile, la rapina all’odierno arrestato.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.