AGRIGENTO – Rifiuti/Ato Ag2 Gesa: lavoratori minacciano esecuzione forzata

Potrebbe finire nelle aule giudiziarie la vertenza dei netturbini dipendenti delle ditte che per conto di Gesa svolgono il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani nei comuni ricadenti nelle competenze dell’Ato Ag2. Alcuni lavoratori, infatti, hanno diffidato l’azienda d’appartenenza a pagare entro 5 giorni le spettanze arretrate, altrimenti avvieranno le procedure di esecuzione forzata per il recupero di quanto loro dovuto. I lavoratori sono creditori degli stipendi di maggio, giugno ed ora anche di luglio, senza contare la quattordicesima mensilità. Le ditte, a loro volta, sono creditrici di sette mensilità. Ieri il liquidatore di Gesa Teresa Restivo si è recata a Palermo per sollecitare le anticipazioni dalla Regione, ma è stato risposto che l’erogazione avverrà solo dietro presentazione dei piani di rientro dei Comuni.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.