AGRIGENTO – Salvatore Moncada invoca dissequestro impianto e conti

Innanzi ai giudici del Tribunale del Riesame di Palermo, l’ avvocato Marco Giglio, nell’ interesse dell’ imprenditore agrigentino, Salvatore Moncada, e delle sue società imprenditoriali, ha invocato il dissequestro dell’ impianto di energia elettrica ad Agrigento in contrada Monte Narbone e dei conti correnti, congelati dalla Procura e dalla Guardia di Finanza di Agrigento lo scorso 4 febbraio. In sintesi, l’ avvocato Giglio ha ribadito che non ricorrono irregolarità nell’impianto di energia elettrica in contrada Monte Narbone e le relative autorizzazioni comunali sono legittime. Nessuna truffa è stata commessa. Sarà adesso il Tribunale del Riesame, presieduto da Francesco Paolo Pizzo, ed a latere Ermelinda Marfia e Francesco Gallegra, a sentenziare, confermando o meno la convalida dei provvedimenti di sequestro già disposta dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Agrigento, Alessandra Vella.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.