AGRIGENTO – Sangue infetto, risarcimento di quasi 900mila euro agli eredi

Accogliendo le istanze dei difensori, gli avvocati Angelo Farruggia e Annalisa Russello del Foro di Agrigento, il Tribunale civile di Palermo ha condannato il Ministero della Salute a pagare 874mila e 282 euro come risarcimento danni a favore degli eredi di una donna agrigentina contagiata a causa di una trasfusione di sangue infetto da epatite C, nel 1978 all’ Ospedale di Agrigento, e poi morta per cirrosi epatica. La donna morì all’età di 56 anni, lasciando il marito, un figlio a 16 anni e un altro a 19.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.