AGRIGENTO – Sentenza della Cassazione, restituiti i beni alla famiglia Agrò

La Cassazione ha rigettato il ricorso della Procura Generale di Corte d’Appello e ha disposto la restituzione dei beni mobili e immobili, per un valore di circa 54 milioni di euro, che il 26 gennaio 2015 la Direzione investigativa antimafia di Agrigento ha confiscato ai fratelli Diego Agrò, 70 anni, e Ignazio Agrò, 78 anni, di Racalmuto, imprenditori nel settore della produzione e della commercializzazione di olio alimentare. I decreti di confisca furono emessi dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Agrigento, su proposta della Procura antimafia di Palermo. La restituzione comprende 58 immobili, tra fabbricati e terreni, in provincia di Agrigento, Messina e Spoleto. 12 imprese con sede ad Agrigento e provincia, a Fasano in provincia di Brindisi, e a Petilia Policastro in provincia di Crotone, impegnate in diversi settori economici. E poi 56 tra rapporti bancari e postali, e polizze assicurative. E poi in Spagna 6 fabbricati e 3 imprese di produzione e compravendita di olio. Le quote del capitale sociale di “Isoa srl” passano allo Stato. I fratelli Agrò sono stati arrestati, processati e assolti in Corte d’Appello, dopo il rinvio dalla Cassazione, nell’ambito dell’ inchiesta antimafia cosiddetta “Domino 2”.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.