AGRIGENTO – Tangenti all’Utc, diciassette pratiche edilizie sospette

Diciassette pratiche edilizie sospette sono state acquisite dalla Digos all’Utc di Agrigento, nell’ambito dell’inchiesta “Self service” che il 29 novembre scorso portò in carcere 11 persone consentendo di scoprire un giro di tangenti che sarebbero state pagate per agevolare il rilascio di concessioni e permessi. La nuova acquisizione di atti che riguardano concessioni al Villaggio Mosè, coordinata dalla Procura, è stata decisa dopo le segnalazioni del nuovo dirigente dell’Utc, Gaetano Greco. Intanto, ieri, il funzionario comunale dell’Utc Luigi Zicari è stato sospeso dal servizio. In precedenza l’ex dirigente Sebastiano Di Francesco era stato sospeso con provvedimento del Gip Alberto Davico.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.