AGRIGENTO – Un microcellulare nella cella di alta sicurezza del detenuto per mafia

Un micro telefono cellulare è stato scoperto dalla polizia penitenziaria di Agrigento in una cella del reparto «alta sicurezza» della casa circondariale «Pasquale Di Lorenzo».

Il telefonino, completo di sim card e di carica batterie, era stato nascosto da un detenuto in carcere per mafia. La scoperta è stata fatta durante una perquisizione della cella.

Le indagini della penitenziaria sono, adesso, indirizzate a ricostruire i contatti telefonici del detenuto e su come il cellulare sia arrivato all’interno del carcere. 

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.