Anniversario della strage di Capaci. “Lombardo non è ospite gradito”

– A due settimane dal tragico ventennale della scoparsa del giudice Falcone, polemica a distanza tra la sorella del magistrato e il governatore della Sicilia. “Il presidente della Regione Raffaele Lombardo, indagato per mafia, non è stato invitato alle celebrazioni del ventesimo anniversario della strage di Capaci”.

Per Maria Falcone, sorella di Giovanni, il magistrato ucciso con la moglie e tre poliziotti di scorta il 23 maggio 1992 nell’attentato lungo l’autostrada Trapani-Palermo. “La fondazione Giovanni e Francesca Falcone che rappresenta tutti i morti per mafia non può permettersi d’ invitare persone che sono sospettate di avere avuto contatti con Cosa nostra”.

“A prescindere da come vada a finire – aggiunge – l’udienza preliminare in cui il giudice deciderà se rinviare a giudizio Lombardo non possiamo avere tra gli invitati una persona per cui una procura ha chiesto il rinvio a giudizio per mafia. Sarebbe stato un bel gesto da parte di Lombardo dimettersi dalla carica che ricopre”. Lombardo è accusato di concorso esterno alla mafia e voto di scambio insieme al fratello Angelo.

“Non mi sono permesso di accostarmi a Giovanni Falcone ma ho soltanto ricordato che i sospetti di Leoluca Orlando non hanno risparmiato neppure il magistrato – replica il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, in relazione alle dichiarazioni della sorella del magistrato ucciso dalla mafia – Sugli inviti a manifestazioni antimafia – aggiunge il governatore – non ne ho bisogno perchè dal 29 marzo, da quando ho appreso dell’inchiesta a mio carico, non ho partecipato a iniziative con vittime di mafia e se ne ho promosso per ricordare quei fatti l’ho fatto in silenzio”.

Il 23 maggio 1992 l’auto blindata su cui viaggiavano Giovanni Falcone e la moglie Francesca Morvillo, partiti dall’aeroporto di Punta Raisi verso Palermo, venne investita dall’urto dell’esplosione del manto stradale (una galleria sottostante era stata imbottita di tritolo) mentre un’auto di scorta venne proiettata a decine di metri di distanza. Nell’attentato morirono i poliziotti Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani. Si salvò miracolosamente Giuseppe Costanza, l’autista del magistrato che era seduto dietro perchè Falcone, all’ultimo momento, aveva voluto guidare la macchina.

Alle celebrazioni del ventesimo anniversario della strage dovrebbero partecipare il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e il premier Mario Monti.

Condividi
         
 
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.