ARAGONA – 90enne perseguita una donna, rinviato a giudizio

Si era invaghito di una donna, più giovane di quarant’anni, al punto da perseguitarla anche nel giorno del suo matrimonio, raccontando agli invitati di essere il suo amante, e che il marito era “un magnaccio che la sfruttava”. Un pensionato 90enne, di Aragona è finito nei guai, dopo le denunce presentate dalla presunta vittima, una sua vicina di casa, cinquantenne.

La Procura della Repubblica di Agrigento ha chiesto il rinvio a giudizio dell’anziano, per l’ipotesi di reato di atti persecutori (stalking). A decidere mandare a processo o meno l’imputato, sarà il Gup del Tribunale di Agrigento, Stefano Zammuto, nell’udienza fissata per il 29 giugno prossimo.

L’anziano, difeso dall’avvocato Fabio Inglima Modica, avrebbe perseguitato la donna dall’agosto al settembre del 2018, e dal marzo al giugno del 2020. Secondo l’accusa, il pensionato con più condotte ripetute nel tempo, avrebbe molestato e minacciato la donna, sottoponendola a continui comportamenti persecutori.

Avrebbe raccontato ai compaesani di avere una relazione sentimentale con la cinquantenne. In un’occasione l’avrebbe minacciata, brandendo in mano un coltello, dicendole che avrebbe ammazzato prima lei, e poi si sarebbe tolto la vita, e che se l’avesse vista per strada, l’avrebbe investita con la sua auto.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.