Arrestato il deputato regionale Giuseppe Gennuso per voto di scambio [VD TG]

.

Ennesimo scandalo elettorale e altro deputato regionale finito sotto inchiesta . Si tratta Giuseppe (detto Pippo) Gennuso, imprenditore, deputato regionale al suo quarto mandato, alle ultime elezioni aveva ottenuto nel collegio di Siracusa 6567 preferenze. Il parlamentare regionale siciliano Giuseppe Gennuso, 65 anni, della lista di centrodestra Popolari ed Autonomisti, è stato arrestato ieri sera dai carabinieri del comando provinciale di Siracusa con l’accusa di voto di scambio,  aggravata dal metodo mafioso. Il provvedimento, di arresti domiciliari, è stato emesso dal gip del tribunale di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo etneo.

Domiciliari anche per Massimo Rubino, ritenuto un procacciatore di voti. Il carcere è invece scattato per Francesco Giamblanco, genero del boss di Avola Michele Crapula, che si trova al 41 bis. Ma l’inchiesta è molto più ampia, e riguarda anche altre persone. Le intercettazioni dei carabinieri del nucleo Investigativo di Siracusa sono entrate nei segreti dell’ultima campagna elettorale per le Regionali.

Nei giorni scorsi, la Dda di Catania aveva chiesto l’archiviazione nei confronti di quattro indagati in un’altra inchiesta per tentata estorsione in cui Gennuso figurava come parte lesa. A Palermo, il deputato ha invece denunciato di essere rimasto vittima di un’estorsione nell’ambito della gestione di una sala Bingo da parte della sua famiglia, un processo è in corso contro alcuni esponenti della cosca Vernengo di Santa Maria di Gesù, che hanno però sempre sostenuto di aver gestito negli anni passati il bar della sala giochi.

Ma a Palermo, Gennuso è anche indagato per corruzione in atti giudiziari e rivelazione di notizie riservate, nell’ambito di un’inchiesta che riguarda l’elezione-replay in alcune sezioni di Rosolini e Pachino, grazie alla quale l’esponente politico rientrò all’Ars, due anni fa.

Adesso, invece, il parlamentare regionale è accusato di aver stretto un patto con esponenti della cosca mafiosa siracusana. Accusa ben più pesante. A denunciare le frequentazioni di Gennuso con Rubino (amico di Giamblanco) era stato il blog “Laspia.it” di Paolo Borrometi, il giornalista oggi minacciato di morte dalla mafia siracusana. Due mesi fa, il deputato aveva replicato all’articolo: “Rubino me lo presentò Giuseppe Casella e poi l’ho visto in altre occasioni in campagna elettorale. Abbiamo fatto due incontri con mangiata di pizza, so che ha fatto campagna elettorale per me. Rubino rappresentava un gruppo di ciclisti di Avola”. E nel gruppo c’era anche Francesco Giamblanco, il genero del capomafia.

Dopo la notifica dell’ordinanza di custodia cautelare Giamblanco veniva condotto al carcere di Bicocca-Catania, mentre Gennuso e Rubino nella propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.